Enti in rete L.482/99   

Biodiversità - Città Metropolitana di Torino

10 - Il lago Borello

10 - Lo lau Borèl

di Luca Martin Poetto

italiano

La Riserva Naturale Speciale di interesse provinciale dello Stagno di Oulx

LAGO BORELLO

Provvedimenti istitutivi: LR 19 29/06/2009

Elenco Ufficiale AREE PROTETTE: EUAP0888  

Elenco nazionale A.P. 751

Ente Gestore: Città Metropolitana di Torino

Superficie (ha): 82,74

Quota minima (m): 1.063

Nel Comune di Oulx in alta Valle di Susa troviamo la Riserva dello Stagno di Oulx detta comunemente  Lago Borello, poco distante dalla stazione ferroviaria e dall’Istituto scolastico “Des Ambrois”. Il bacino nasce come cava di estrazione di materiali argilloso necessari per fabbricare i mattoni indispensabili per la costruzione della Galleria del Frejus nel 1861.

A fine 1800, come a Bardonecchia e a Salbertrand, nacque anche una piccola impresa di produzione e vendita di ghiaccio per garantire il fabbisogno di gran parte popolazione della media e bassa Valle ma di fornire anche il ghiaccio verso le nuove botteghe, macellerie o farmacie della città di Torino. Dagli anni '30 la ghiacciaia venne abbandonata così come le pratiche agricole e lo sfalcio dell'erba

Vicino al lago, a 100m dietro al liceo, si possono ancora vedere i resti della struttura, valorizzati da un pannello esplicativo con la foto della ghiaccia a forma d’“igloo”.

Nel 1995 la Regione Piemonte, al fine di riconoscerne l'elevato valore naturalistico, incluse questa zona nell'elenco dei Siti di Importanza Comunitaria (SIC) previsti dalla Direttiva Habitat emanata dall'Unione Europea (1992) con lo scopo di proteggere i luoghi che ospitano specie animali e vegetali rari per valorizzare la biodiversità. La Provincia ha inoltre creato una vera e propria Riserva Naturale Speciale che consentirà una più efficace salvaguardia dei vulnerabili sistemi ambientali che caratterizzano la torbiera ed il lago, pur consentendone una fruizione ecocompatibile.

Il Lago si è pertanto lentamente colmato ed evoluto naturalmente fino alla condizione di uno stagno circondato da estesi canneti a Phragmites australis, da torbiere e da prati igrofili dominati dalla presenza di Carex ed Eriophorum. La zona sommersa è l'habitat di riproduzione e di sviluppo larvale di varie specie di pesci, anfibi  (Salamandra, Bufo bufo e Rana tempora ria) e invertebrati.  Questo habitat è ormai minacciato in molti luoghi ma in contraparte, un suo sviluppo indiscriminato porterebbe all'impaludamento dello specchio d'acqua. La vegetazione forestale è caratterizzata da lembi di boschi di pino silvestre con latifoglie mesofile; nel sottobosco crescono salici, viburni, Prunus padus…
L'interesse naturalistico dell'area dello Stagno di Oulx si è già manifestato nel documento Flora Segusina di Giovanni Battista Re del 1805 dove è indicata come stazione ricca di specie rare e poi nel "Censimento dei biotopi di rilevante interesse vegetazionale meritevoli di conservazione". Tra le specie più interessanti si segnalano: Epipactis palustris, Molinia coerulea, Schoenus ferrugineus
(Giunco nero delle paludi), Salix repens (salice strisciente), Allium scodoprasum, Rhamnus frangula. Nei canali irrigui che circondano lo stagno è segnalata la presenza dell'ormai rarissimo invertebrato Austropotamobius pallipes: il gambero di acqua dolce.

Ritroviamo la tipica fauna delle formazioni forestali dell'ambiente montano.
Gli animali principali che possiamo incontrare sono: il cervo, capriolo, lupo ma anche il martin pescatore, la biscia dal collare o la libellula volgare. 

Facilmente accessibile dal paese, ha inoltre la particolarità di offrire un sentiero che costeggia il Lago adeguato anche per la percorrenza di disabili in carrozzina o di famiglie con passeggini e alcuni tavoli predisposti per il picnic.

Riferimenti al sito Parks.it

 

occitan
  • Institut per : Lèi Regionala 19 dal 29/06/2009

  • Lista oficiala de las zònas gardaas : EUAP0888

  • Lista nacionala de las zònas gardaas A.P. 751

  • Organisme Gestionari : Vièla Metropolitana de Turin (Departement)

  • Superfici (a): 82,74

  • Altituda (m): 1.063

La Resèrva de l’ Estanh de Ols nomaa mai Lac Borèl se tròba sus la comuna de Ols, a 500 m de la gara e dal licèu “Des Ambrois”. Aicèste pòst es parissut a partir dau 1861 après los travaus d’extraccion de l’arzièla destinaa a la fabrica de mauns per la construccion de la vauta dal tunnel dal Frejus.

Fins al 1800, a Ols, Bardonèscha e Salabertrand, de pechits entreprèsas de produccion e venta de glaç son pareissuas permetent de refondre una bona partia dals besonhs de la populacion de l’auta valea mas tamben de fornir lo glaç als cabarets, bocherias, farmacias de la vièla de Turin. En 1930 la glacièra foguèc abandonaa coma una bona partia de las activitas agricòlas.

Vos trobarètz a 100m darrèire lo licèu, las restas de la structura abo un panèl explicatiu abo de fotografias de la glacièra en fòrma d’ « igloo ».

En 1995 la Region Piemont, al fins de reconòisser la valor ecologica, aicèsta zòna foguèc betaa dins la lista dals Sites d’Importança Comunitaira (SIC) segond la Directiva Abitat realisaa per l'Union Europèncha (1992) dins lo but de gardar los luòcs d’onte certènas espèças animalas e vegetalas semonon una certèna biodiversitat. La Provinça (Departement) a mai creat una resèrva Naturala Speciala qui permeterè una salvagarda mai fòrta dals caires fragiles qui caracterison los sanhis e lo lau, graces a una utilisacion ecò compatibla.

Lo lau s’es lentament laissat envair per la vegetacion per evoluar en estanh entornat de canas Phragmites australis, de sanhas dominat per lo Carex e l’ Eriophorum. La zòna imerjua representa un abitat favorable per las larvas de diferentas espèças de peissons, amfibiens (Galabrèna, Babi e Rana temporaria) e invertebratss. Aicèste habitat es encuèi generalament menaçat dins diferents luòcs mas en contrapartia, un desvelopament intensiu caracterisat per la presença de pins silvestre e de toschas, mas mai de sales, viburnums, Prunus padus…


L'interèst adut aicèsta zòna Stagno di Oulx a ja istat afortit dins lo document
Flora Segusina de Giovanni Battista Re en 1805 d’onte un parla de stacion richa en espèças raras e puèi arriba lo recensament "Censimento dei biotopi di rilevante interesse vegetazionale meritevoli di conservazione". Al mièi las espèças mai interessantas, nos remarquèm Epipactis palustris, Molinia coerulea, Schoenus ferrugineus (jonc noir), Salix repens (sali rampilhant), Allium scodoprasum, Rhamnus frangula.

Dins las chanals a l’entorn dal lau, l’es istat sinhalat la presença d’un rar invertebrat, l’Austropotamobius pallipes: lo gambre.la se retròba la fauna tipica de las formacions de meiten montanhard. Los principals animals que la se pòl rencontrar son : le cerf, lo chabròl, lo lop mas mai lo martin peschaor, la coulòbra dal colièr o la damoisèla.

Mai facilament acessible dal vièlatge, aicèste percors semona un sentièr comòde tot en torn al lau per las personas en carea corroira o per las familhas abo possèta e predispausa de quelquas taulas per los pique-nique