Enti in rete L.482/99   

Biodiversità - Città Metropolitana di Torino

12 - La lavanda. La nostra Provenza.

12 – La lavanda. La Provènça d’aicèste caire

di Luca Martin Poetto

italiano

La lavanda officinale, nome scientifico, “Lavandula angustifolia” usata nell’antichità per lavare, è una pianta sempreverde, perenne e legnosa, un erbacea raccolta a forma di mazzi importanti. È una pianta tipica del bacino mediterraneo, simbolo della vicina Provenza ma che predilige l’Alta Valle di Susa per il clima e la sua posizione all’adret. Le foglie sono strette e lunghe e i fiori sono delle piccole spighe di colore viola, molto profumati. La fioritura, nelle nostre zone, avviene ai primi di luglio. La fecondazione avviene fondamentalmente tramite l'impollinazione dei fiori . La si può trovare fino dai 1000 m ai 1500 m e oltre. Qui cresce spontaneamente specialmente sui terreni calcarei senza ristagno idrico preferibilmente con una bella esposizione a sud. La  lavanda è ricca di olio essenziale, molto richiesto dall'industria cosmetica. È un ottimo disinfettante e viene impiegato negli armadi per difendersi dagli attacchi delle tarme.

Un tempo raccogliere la lavanda era una vera e propria attività complementare di chi viveva in montagna intorno all'800 fino alla metà del '900 si raccoglieva ovunque. La raccolta era una cosa seria con tanto di regolamenti e tempi di inizio e fine raccolta scanditi dalle autorità comunali... parallelamente a chi raccoglieva c’erano poi i distillatori posseduti dagli abitanti, gli alambicchi per distillare lavanda, ma anche frutta da trasformare in acqua vita, da utilizzare per i raffreddori, per abbassare la pressione arteriosa, per la digestione o contro i capelli grassi. Un mondo ormai sparito, ma che oggi rinasce grazie a piccole aziende come Artiglio del Diavolo o Fiori del Male che sono tornate ad investire sulla lavanda e altri prodotti di montagna, con discreti profitti.

occitan

La lavanda, nom scientific “Lavandula angustifolia” dobraa daupuèi l’antiquitat coma detergent per lavar, es una planta a fuèlhas persistèntas, un’erba rechampaa en gros bochs. L’es una planta tipica dal bassin mediterranenc, simbòl de la Provènça just de l’autre caire mas qui se tròba tamben en Auta Valea de Sèusa per son climat e sa posicion ensolelhaa. Las fuèlhas son estrèitas e lonjas e las flors son de pechòtas espias violètas, ben perfumaas. En valea la betaa arriba al començament julhet. La fecondacion se fai graça a la polinisacion de las flors. La se tròba en general entre 1000 m e 1500 m e mai. Ilh possa en manièra spontanea dins los terrens calquièr sènça retencion, en particulièr a l’adrèit. La lavanda es richa d’ueli essencials, un baron recherchats de l’industria cosmetica. L’es un excelent desinfectant e la se dòbra dins los plancards per parar las arnas.

Un viatge la culhèta de la lavanda èra una activitat normala complementara per las familhas en montanha, en particulièr entre 1800 e 1950 un pauc de pertot. La culhèa èra organisaa per de reglaments abo une data de començament e de fin fixaa per las autoritats comunalas. En mai d’aiçòn las familhas avian ben entendut un alambic per distilar la lavanda mas mai per transformar los fruits en branda qu’ilhs dobravon per lo rum, per baissar la tension, per ajuar la digestion o per prèner soènh dals pièls gras. aicèste travalh rapresenta un mond luenh mas qui encuèi prospecta una représa graça a aicèstos pechòts artisans coma Artiglio del Diavolo o Fiori del Male qui son revenguts per investir sus la lavanda e los autres produts de montanha, abo un discret profit.