Enti in rete L.482/99   

Biodiversità - Città Metropolitana di Torino

3 - Il larice. La manna di Briançon.

3 – Lo bleton. La mana de Briançon.

di Luca Martin Poetto

italiano

Il larice è una conifera tipica delle montagne delle Alpi meridionali. Predilige i pendii soleggiati, ma lo si trova anche sui versanti settentrionali. Un clima secco è essenziale e nei luoghi più umidi si trovano soprattutto abete bianco e abete rosso.

Il larice è una delle rare conifere a perdere i suoi aghi finii. D’inverno ne è privo ed i raggi del sole possono filtrare tra i rami e permettere lo sviluppo di un ricco sottobosco dove gli animali domestici o meno possono nutrirsi. Questa grande quantità di aghi al suolo è una risorsa per le formiche rosse, il cui nido è composto principalmente da loro. Possiamo osservare cupole di formicaio che spesso superano i 150 cm di altezza.

Costituisce una risorsa unica dell'ambiente montano. Con il legno possiamo costruire infissi e realizzare tetti e mobili. Infatti con le scandole si coprono i tetti quando l'ardesia non è disponibile sul territorio. Si realizzano grondaie e fontane perché sembra che il legno sia praticamente impermeabile. Inoltre, nell'alta valle di Susa permetteva di riscaldarsi e cucinare in quanto è una delle poche conifere che può essere utilizzata come combustibile per il camino o la stufa.

Un'altra caratteristica importante è la sua lunga radice a forma di carota che consolida i pendii più ripidi della montagna. Svolge quindi un ruolo di conservatore o consolidatore del territorio.

Infine la resina, chiamata anche trementina veneziana, è sempre stata molto apprezzata in ambito terapeutico perché adoperata per curare contusioni o fratture, inoltre veniva chiamata il Bijou. Viene utilizzata ancora oggi per le sue caratteristiche che gli conferiscono una lucentezza e una limpidezza adatti nella fabbricazione di vernici. Le gemme raccolte sono impiegate dalle famiglie come base per la produzione di sciroppi soprattutto contro la tosse.

Gli antichi storici del Delfinato parlano della manna di Briançon come una meraviglia. Questa manna, che è il risultato di gocciolamento sotto forma di palline bianche, che si formano in primavera al mattino sotto gli effetti dei raggi del sole e dei forti sbalzi termici. È un po 'purgante.

Si può facilmente immaginare che la frazione di Melezet prenda il nome dal bosco di larici soprastante.

 

occitan

Lo bleton es una conifèra tipica de la montanha de las Alps dal sud. Al prefèra los versants ensolelhats mas la se pòl trobar mai sus los versants a l’envers. Al astima un climat seche pequè dins los luòcs mai umides la se tròba sobretot lo sap e lo sufi.

Lo bleton es un dals rars plegos qui perd sa garna. Com’aiquen en uvern al nen a ges e las raias dal solelh passon al mièi de las branchas e al permet al jos-bòsc de se desvelopar. Los animals pòlon viure aiqui jos e se norrir. aicèsta granda quantitat de garna es una ressorça per las formias roias, dont lo nin nen es ben compausat. La se pòl aquintar de cuchas de formisièrs passon sovens 150 cm de autor.

L’es una ressorça unica dal mond montanhard. Abo lo bòsc la se pòl bastir de charpentas e realisar cubèrts e de muèbles. En efet abo las latas la se cubria los cubèrts quand las lausas las èron pas disponiblas dins lo territòri. La se realisava las chanals e las duças perquè la sembla que lo bòsc siòi praticament impermeable. De mai, en auta valea de Sèusa al a permés de se eschaudar e de se norrir perquè l’es una de las raras conifèras que la se pòl dobrar coma combustible per alimentar lo foièr.

Una autra caracteristica importanta es sa lonja raitz a forma de pastonada qui permet de consolidar los versants mai rauts de la montanha. Al es donc utile per gardar lo sòl stable.

Per finir, sa plèga es istaa pron dobraa abo de biais terapeutic pequè la se dobrava per sonhar las falcaüras e l’emplastre se sona bijon. Ilh es totstemps dobraa encuèi per sas caracteristicas lhi dona una color, un liant e una limpiditat bona a la fabricacion de las verniç. Los brots son encora rabastats per las familhas per la produccion de siròp en particulhièr contra la tos.

Los ancians istoriens dal Dalfinat parlon de la mana de Briançon coma d’una meravelha. Aicèsta mana qui es lo resultat dal deitosinh jos forma de pechòtas pèrlas blanchas, se forma de prima al matin abo l’efet de las raias dal solelh adutas de forts chanjaments termiques. ilh es un pauc purtjativa.

En efet la varianta bleton se pòl trobar dins los velhs escartons briançonés graça a aicèsta pratica de rabastar çò que la cola de l’albre perquè la raitz « blet » la vòl dire qualquaren que cola sa sava coma per exemple un frut tròp maür.