Enti in rete L.482/99   

Biodiversità - Valli di Lanzo

Biodiversità Valli di Lanzo - Aquilegia Alpina Sacrosanta vendetta di donne.

Acouileja Ëlpina. Sacrosanta ërveungi ëd lë feumelë.

a cura di Chambra d'Oc, traduzione di di Teresa Geninatti Chiolero, Video intervista a fondo pagina

italiano

È una pianta di cui si conoscono varie specie: ´vulgaris´, ´alpina´ e ´coerulea´. Pianta perenne è originaria delle regioni temperate dell´emisfero settentrionale. In Italia cresce spontanea sulle Alpi e sugli Appennini: è distribuita sulle rupi, sui ghiaioni e nei boschi di rovere e faggio. Le Aquilegie che vivono in giardino sono ben diverse dalla fragile bellezza di quelle che crescono spontaneamente nei boschi. È una pianta che piace ed incuriosisce, infatti è uno dei fiori più graziosi e delicati delle nostre Alpi e, come la maggior parte dei fiori alpini, è una specie protetta dalla legge. Appartiene alla famiglia delle Ranuncolacee e quindi nasconde nei suoi tessuti sostanze tossiche e per questa ragione è considerata pericolosa come specie officinale, utilizzata solamente più in omeopatia.

Secondo la leggenda è un fiore simbolo di lussuria e ipocrisia: infatti in periodo medioevale, nella corte di Monza, viveva Rutibando, principe longobardo, sposato con la principessa Teodagne. Rutibando era lussurioso e prepotente, mentre Teodagne era casta, rassegnata e paziente. Ogni giorno la principessa era costretta a sopportare ogni mortificazione e cattiveria. La sua situazione mosse a sdegno e pietà tutto il reame, tanto che un gruppo di nobildonne longobarde si presentò a Teodagne, dicendole che avevano deciso di uccidere Rutibando. Ma Teodagne si oppose. Allora, le nobildonne, che volevano vendetta e soddisfazione, si recarono da un mago, certo Abracadabra, che stabilì di trasformare il prepotente principe in un fiore, però un fiore ridicolo e buffo, tale da non essere ammirato da nessuna donna né colto da alcun innamorato. Il principe Rutibando fu così tramutato nell´Aquilegia.

franco-provenzale

È i ëst ‘na pieunta a to varië speche cunhusuë: “vulgaris”, “ëlpina” é “coerulea”. Pieunta perennë è i ëst ouriginaria ëd lë rejoun temperaië ëd l’emisfero setentriounal. Ën Italia è creit spountanea su ërz’Alp é su lh’Apenin: è s’ treuvët ën zlë rochë, ënt li guiaioun é ënt li bosc ëd rou é ëd foou. Ërz’acouilegë cou vinhount ënt li geurdin ou sount bin diversë da la dlicaia bleussi ëd seullë cou cresount spoutaneameunt ënt li bosc. È i ëst ‘na pieunta qu’è piat é ëncuriouzeit, difati è i ëst un ëd lë fieu più belë é greusiouzë ëd lë nostrë mountanhë é, coumë la majour partë ëd lë fieu ëlpinë, è i ëst ‘na speche prouteta da la legë. È fait part ëd la famìi ëd lë ranouncolacee è couindi è scount, dëdin a sé medema, soustënsë tosiquë é për ‘sta razoun è i ëst counsideraia pericoulouza coumë speche oufichinala, utilizaia meuc più ën omeopatia.

Secoundou la legenda è i ëst ‘na fieu simboul ëd lousuria é ipoucrizìa: difati ënt ‘oou periodo medieval a la court ëd Monza, vivet Rutibando, prinsi lougoubard, mërià eunsembiou a la prichipeussi Teodagne. Rutibando ou i erët lousurious é prepoutent, mentrë Teodagne è i erët pura, rasenhìa é pasienta. Onhi dì la princhipeussi è i erët coustreta a soupourtà onhi mourtificasioun é quëtiverië. La soua sitouasioun è fazet pietà é indinhasioun ën tout lou ream, tan’ quë ën group ëd nobildonë loungoubardë ou sont prezentà a Teodagne, dizeunli quë ou i avont dechidù ëd masì Rutibando. Ma Teodagne è s’eu oupounua. Aleura ël nobildonë, cou voulont soudisfasioun é ërveungi, ou sount alaië da ën magou, ën cherto Abracadabra, quë ou i eu stëbilì ëd trësfourmà lou prepoutent prinsi ënt una fieu, però ‘na fieu drola é bëraveuntana, parei da nhint estri vërdà da nhuna feumela né cuìa da nhun ënnamourà. Lou prinsi Rutibaldo ou t’istà parei trësfourmà ënt l’Acouileja.