Enti in rete L.482/99   

Biodiversità - Valli di Lanzo

Biodiversità Valli di Lanzo - Biodiversità. Parola nota, ma cosa significa?

Biodiversità. Parola cunhësua, ma coza è sinhifiquët?

a cura di Chambra d'Oc, traduzione di di Teresa Geninatti Chiolero, Video intervista a fondo pagina

italiano

È una parola che tutti conosciamo, tutti utilizziamo, ma sappiamo veramente cosa significa? Abbiamo ben chiaro il concetto che questa parola riassume? Dietro questa parola, che spunta come un fungo ovunque e sempre più spesso, vi sono significati più ampi di quelli che comunemente le vengono attribuiti.

Il termine è relativamente recente: come concetto è stato usato per la prima volta nel 1968 dall’ecologo Raymond Dasmann e, qualche anno dopo, dal biologo Thomas Lovejoy nel suo libro “Conservation biology. Ma solamente nel 1988 apparve esattamente come biodiversità, nel libro dallo stesso titolo: una raccolta di saggi curata da Edward Wilson, biologo ed evoluzionista americano.

Da quel momento gli studi per chiarire che cosa fosse la biodiversità si sono moltiplicati fino ad arrivare a una classificazione (quasi) condivisa tra gli studiosi. È una definizione ampia, che corrisponde poco al significato riduttivo che ne danno i giornali, le presentazioni e le conferenze.

Il più delle volte non si comprende bene la portata del significato di quësto concetto. La biodiversità è nello stesso tempo la varietà biologica, ma è anche l'equilibrio fra i suoi diversi elementi. In più, tale varietà si manifesta sia a livello genetico, sia a livello di molteplicità di specie, sia a livello di diversità fra i differenti ecosistemi.

Tutto ciò, spesso considerato come una certezza, diventa importante nel momento in cui viene messo in pericolo dall’azione umana, più spesso attenta a rincorrere obiettivi di profitto, trascurando o schiacciando, in nome dell’efficienza e della modernità, gli equilibri biologici preesistenti.

Perché invece la biodiversità è così importante ed è fondamentale averne cura?

Le risposte sono complesse, articolate e scientificamente molto precise, ma, volendo rispondere con degli esempi, si può dire che il perché si trovi nel fatto che diversi lieviti e batteri danno sapori diversi al pane, alla birra ai formaggi, agli yogurt o perché diverse “qualità” di uva, viti diverse danno vini diversi. Certo è che ogni spiegazione, ogni considerazione non vale niente se la meraviglia e lo stupore verso queste infinite varianti e variazioni viene meno, se non si dà loro valore: ogni giorno in ogni nostro comportamento, in ogni nostra azione, bisogna fare nostra la frase di Whitman “il potente spettacolo continua, e tu puoi contribuire con un verso”. E noi possiamo contribuire.

franco-provenzale

È i ëst ‘na parola quë tuiti counhësèn, tuiti utilizen, ma j’oou sen seun quë verameunt è sinhifiquët?

G’en bin quiar lou counchet quë ‘sta parola è sintetizët? Dre a ‘sta parola, qu’è saoutët fora coumë ën boulai dapërtout é sempër più souveunt, è i eu ëd sinhificà più gro ëd si quë coumunemeunt ou li vinhount atribuì.

Lou terminë ou i ëst relativameunt rechent: coumë counchet ou t’istà drouvà për lou prum vì ënt ‘oou 1968 da l’ecologo Raymond Dasmann é quërqui an dopou daou biologo Thomas Lovejoy ën lou soun libër “Conservation biology”. Ma meuc ënt ‘oou 1988 la parola biodiversità è t’istaia utilizaia ënt ‘oou libër daou mëdem titoul: ‘na racolta ëd studi curaia da Edward Wilson, biologo é evoulusiounista ameriquëun.

Da sé’ moumeunt, lhë studi për quiarì coza è fusët la biodiversità ou sont moultiplicà fin ad aruvà a ‘na clasificasioun (cazi) coundiviza tra lhë studious. È i ëst ‘na definisioun largi, qu’è courispount vairou aou sinhificà ridutìou cou n’eun dounount li journal, ël prezentasioun é ël counferensë.

Lou più ëd li vì è s’ capeit nhint bin la pourtà doou sinhificà dë ‘stou counchet. La biodiversità è i ëst ënt l’istes ten la vërietà biologica, ma ëd co l’ecouilibrio tra li soun divers elemeunt. Ën più, tala vërietà è s’ manifestët sia a livel genetic, sia a livel ëd greunda vërietà dë spechë, sia a livel ëd diversità fra li difereunt ecosistemi.

Tou’ sousì, souveunt counsiderà coume una cherteussi, ou vint eumpourtant ënt ‘oou moumeunt cou vint butà ën pericol da l’asioun ëd l’om, più souveunt atenta a rincoueuri oubietìou ëd proufit, trëscureunt o znhaquëunt, ën noum ëd l’efichensi é dla moudrenità, lh’ecouilibri biologic preezistent.

Përqué ënveche la biodiversità è i ëst si ëmpourtanta é è o ëst foundamental aveneun cura?

Ël rispostë ou sount coumplicaië, ërticoulaië é shientificameunt gro prechizë, ma, vouleunt rëzpoundri a to d’ezempi, è s’ peut dì quë lou përqué è s’ treuvet ënt ‘oou fat quë difereunt lievit é batteri ou dounount gust divers aou peun, a la bira, a li fourmach, a li iogourt o përqué diversë “couëlità” d’uvë, diversë vìis ou dounount vin divers. Cherto è i ëst quë onhi spiegasioun, onhi counsiderasioun è vaout nhente sé la meuravìi é la sourpreiza vers stë ënfinìë vëriant é vëriasioun ou vinhount meno, sé s’ dounët nhint lou just valour: onhi dì, ënt onhi nostrou coumpourtameunt, ën onhi nostra asioun, è ventët ricourdase la fraze ëd Whitman “lë spetacoul poutent ou countinouët, é tè peu countribuì a to ‘na toua shelta”. È nou pouen countribuì.