Enti in rete L.482/99   

Biodiversità - Valli di Lanzo

Biodiversità Valli di Lanzo - Materiale a disposizione per costruire. Le lose

Material a dispouzisioun për coustruì. Ël lozë.

a cura di Chambra d'Oc, traduzione di di Teresa Geninatti Chiolero, Video intervista a fondo pagina

italiano

La losa è una lastra di pietra, generalmente utilizzata in edilizia come tegola o per la pavimentazione.

È una parola “strana”: secondo il linguista Pierre -Yves Lambert il termine “losa deriverebbe dal celtico “lausa”. Nel “Dictionnaire de la langue française” del 1867 il termine “lause è fatto derivare dall'antico termine provenzale lauza, «lastra, pietra piatta».

Nelle aree alpine viene utilizzata per la copertura dei tetti delle case. Ma come mai è così diffuso questo utilizzo? I nostri avi iniziarono a costruire tetti in pietra poiché era sicuramente più conveniente, infatti era più semplice ed economico estrarre la materia prima dalle montagne dei dintorni, piuttosto che rifornirsi di laterizio lontano e costoso.

La pietra utilizzata non doveva essere massiccia e compatta, ma una pietra che “sfoglia”. Infatti le rocce dalle quali vengono ricavate le lose sono di natura scistosa, ovvero fratturabili lungo il piano orizzontale o verticale e quindi relativamente facili da tagliare in lastre. Questa la ragione per cui la sua lavorazione avveniva attraverso la sfogliatura del blocco in lastre irregolari, dello spessore di 3-6 cm per le abitazioni e di qualche centimetro in più per fabbricati di minor pregio e per la pavimentazione. Il contorno di ogni losa veniva lavorato e adattato nel momento della posa.

Tra i pregi del manto di copertura in pietra c’è quello di avere una maggior durata nel tempo: l’assenza di coibentazione e impermeabilizzazione e il conseguente passaggio d’aria, unite a una corretta manutenzione (per evitare infiltrazioni d’acqua), permette ai tetti tradizionali delle nostre valli una durata di qualche centinaio d’anni.

Prima degli anni ’50 del secolo scorso le lose venivano posate sui tetti senza alcun sistema di ancoraggio: infatti venivano semplicemente appoggiate al tavolato ligneo del tetto. Inoltre venivano utilizzate tutte le pietre, anche i piccoli pezzi: nulla veniva sprecato. La funzione più importate del tetto era, ed è ancora oggi, la protezione dall’acqua piovana: quindi i posatori dovevano fare in modo che l’acqua scorresse da una losa all’altra senza permettere all’acqua di filtrare all’interno. E proprio in questa operazione si trova la bravura del louzadoù.

La copertura di un tetto di questo tipo avviene tradizionalmente in tre fasi distinte: posizionamento, squadratura e fissaggio. L'artigiano sceglie le pietre più grandi per coprire le file più basse, risalendo poi verso l'alto sugli spioventi del tetto con le lastre di dimensioni minori. Dopo essere stata posizionata in modo che risulti sovrapposta alle pietre sottostanti per almeno una quindicina di cm la pietra viene squadrata con una mazzetta da muratore in modo da smussarla lateralmente. Infine vengono posti dei ganci di ferro, fissati al legno della travatura, in modo da mantenere le lose fissate per mezzo del gancio stesso. Seguendo la tradizione, invece è necessario aumentare l'area di sovrapposizione tra le lose contigue. 

franco-provenzale

La loza è i ëst ‘na lastra ëd pera, generalemeunt utilizaia ën edilisia coumë coup o për la pavimentasioun.

È i ëst ‘na parola ën po’ “drola”: secoundou lou lingouista Pierre -Yves Lamber la parola “loza” ou deruvët daou cheltic “lausa”. Ënt ‘oou “Dictionnaire de la langue française” doou 1867 la parola “lause” è vint faita derivà da l’entica parola prouvensal “lauza”, “lastra, pera piata”.

Ënt ël zonë ëlpinë è vint utilizaia për la couvertura ëd lë queu. Ma coume mai ou i ëst sì counhesù é druvà ‘sto utilis? Li nostri vieui ou i ont euncaminà a fa li cuvert ën pera përqué è i erët sicurameunt più counvenhent, difati è i erët più adoueurn é ecounomic gavà la materia pruma dal mountanhë ëd li dëntoueurn, pitò quë chëtà teracoita lounh é coustouza.

La pera utilizaia è douet nhint estri speussa é coumpata, ma ‘na pera quë è “sfeuiët”. Di fati ël rochë d’eundoua ou s’gavount ël lozë ou sount ëd natura shistouza, couindi cou s’ crëpount lounc lou pieun ourizountal o vertical è, për seun, relativameunt adoueurnë da taì ën lastrë. Për ‘sta razoun la lavorasioun è s’ fazet atravers la sfulhadura doou bloc ën lastrë për lou più iregoular, da lë spesour ëd 3-6 chentim seullë belë é quërqui chentim ëd più për cuert meno beli é për pëvimeunt. Lou countoueurn d’onhi loza ou vinivët trëvaìa é adatà aou moumeunt ëd la poza.

Tra ël bounë couëlità ëd la cuertura ën pera è i eu seulla ëd durà ëd più ënt ‘oou ten; la meunquëunsi ëd couibentasioun é ëmpermeabilizasioun é lou counsegouent pasajou ëd l’aria, unì a ‘na bouna mënoutensioun (për evità ënfiltrasioun d’aiva) ou permët a li cuert trëdisiounal ëd lë nostrë valadë ‘na rezistensi é durà anquë oltrë seunt an.

Pruma ëd lh’an sincanta doou secoul pasà, ël lozë ou vinivount pouzaië su li cuvert sensa nhun sistema d’ëncourajou: difati ou vinivount semplichemeunt apougìë su li bosc doou cuert. Ën più ou vinivount utilizaië toutë ël perë ëd co seullë quitivë: è s’eu zgueirivët nhente. La funsioun più ëmpourtanta doou cuert è i erët, é, è i ëst ëncoù ëncui, la proutesioun da l’aiva piouvana: couindi li pouzatoù ou douont fà ën maneri quë l’aiva è sëndisët da ‘na loza a l’aoutra sensa qu’è s’eunfiltrasët dëdin. Propi ënt ësta oupersioun è s’ treuvët la bravura doou louzadoù.

La couertura ënt ësta maneri è s’ fait ën trai fazë diversë: pouzisiounameunt, scouëdratura é fisajou. L’ërtigeun ou sernët ël perë più grandë për cruvì ël filë più basë, mountënt poi vers l’aout su li spiouveunt doou cuert a to ël lastrë ëd dimensioun più quitivë. Dopo estri istaië pouzisiounaië ën maneri cou rizultount souvrapostë a seullë d’ëd sout për almeno ‘na quinzeina ëd chentim, la pera è vint scouadraia a to ‘na maseutta da muradoù ën maneri da zmusala lateralmeunt. A la fin ou vinhoun butà li gueunchou ëd fer, fisà a li bosc ën maneri da tinì ël lozë a to ëd grapë. Sé ël lozë ou sount nhint tinùë dal grapë, coume da trëdisioun, è i ëst nechesari aoumentà la souvrapouzisioun tra ël lozë vizinë.