Enti in rete L.482/99   

Biodiversità - Valli di Lanzo

Biodiversità Valli di Lanzo - Paeonia officinalis. Tra mito e realtà.

Paeonia officinalis Tra legenda é realtà

a cura di Chambra d'Oc, traduzione di di Teresa Geninatti Chiolero, Video intervista a fondo pagina

italiano

II nome della peonia deriva da Paeon, o Peone, figlio di Asclepio, dio della medicina, salvato da Ade, dio greco dell’oltretomba, dalle ire del suo stesso padre che lo voleva morto. La colpa di Peone fu quella di guarire Ade, colpito da Eracle sceso negli inferi per catturare Cerbero. Peone, curò così bene Ade che fece ingelosire con la sua bravura suo padre Asclepio. L’ira fu così potente che Ade dovette tramutare il giovane in una bellissima pianta per sottrarlo all’ira paterna e per ringraziarlo, donandogli l’immortalità per le portentose cure. Fu così che nacque la peonia. La peonia divenne un fiore così importante che per i greci fu l'unico fiore meritevole dell'ammirazione degli dei e per questo ospitato nell'Olimpo.

Nella credenza popolare alla peonia venivano attribuite proprietà magiche ed era componente essenziale del magazzino di ogni strega o stregone di turno. Sulle navi aveva il potere di fermare le tempeste in corso. Efficace contro ogni demone e sortilegio, scacciava gli incubi notturni e posta sul guanciale oppure portata al collo come collana, favoriva sogni piacevoli.

Si dice che le sue proprietà la rendono efficace contro i serpenti e gli animali feroci, e, se somministrata ai neonati prima di iniziare la poppata, li farebbe crescere buoni e di animo gentile. Un’altra credenza popolare sostiene che se le ragazze avessero fatto uso della peonia per dodici giorni consecutivi, allora le loro guance sarebbero diventate dello stesso colore del fiore. Poteva essere ottenuto lo stesso risultato mescolando i fiori all’acqua del bagno. Era poi fedele compagna delle donne dai facili costumi, visto che pareva avesse doti anticoncezionali molto potenti. Infine si riteneva che mettere ghirlande di peonia al collo dei bambini alleviassero i fastidi connessi allo spuntare dei dentini.

Certo è che grazie alle sue proprietà terapeutiche, fin dall'antichità è stata impiegata come antidolorifico, ma soprattutto come rimedio principale per l'epilessia: se ne rosicchiava la radice per bloccare una crisi. Oggi la radice della peonia viene utilizzata per le sue proprietà antispasmodiche, sedative del sistema nervoso, calmanti nelle forme di ansia e insonnia, nelle forme nevralgiche e nell'emicrania e nella tosse spasmodica dei bambini.

occitan

Lou noum ëd la peonia ou aruvërit da Paeon, o Peone, fìi d’Asclepio, diou ëd la meizina, sëlvà da Ade,diou grec ëd l’oultretoumba, da la rabia ëd soun pari cou lou voulet mort. La coulpa ëd Peone è t’istaia seulla ëd varì Ade, coulpì da Eracle, sëndù ënt lh’inferi për chapà Cerbero. Peone, ou i eu curà si bin Ade da fà ëngelouzì për la soua bravura soun pari Asclepio. La rabia è t’istaia si forta quë Ade ou i eu duvù trësfourmà lou jouveun ënt una belissima pieunta për gavalou da la rabia doou pari é, për ringrasialou, douneunli l’imourtalità për ël premurouzë curë. È t’istà parei qu’è i eu nà la peonia. La peonia è t’istaia ‘na fieu si impourtanta quë për li grec qu’è t’istaia l’unica fieu meritevoula ëd l’amirasioun ëd li dei é për seun ouspitaia ën l’Olimpo.

Ën la credensi poupoular a la peonia ou vinivount atribuìë prouprietà magiquë é è i erët coumpounent esensial doou magazin d’onhi masca o mëscoun ëd tourno, Sul barquë è i avet la forsi ëd freumà ël tempestë. Bouna countra onhi demoni é mëscarìa, è fazet scapà li sounjou brut ëd la noit é butaia soou cusin o pourtaia aou col coume coulana, è fëvourivët sounjou beli.

È s’dit quë ël souë prouprietà ou la rëndount bouna countra li sërpeunt é ël bestië ferochë é, sé dounaia a li manhà apeinà nà pruma d’euncaminà a pupà, è li farit creistri bravou é d’anim gentil. N’aoutra credensi poupoular è sustint quë sé ël mërioirë ou i èousount druvà la peonia për douzë dì counsecutìou, aleura li poumin doou moueurou ou seriont vinù dl’istes couleù ëd la fieu. È s’ pouet outinì l’istes rizultà mëscheunt ël fieu a l’aiva doou banh. È i erët poi fedel coumpanhi ëd lë feumelë ën po’ ëd fachil coustum, viù quë è zmìivët qu’è i eousët ëd doti anticounchesiounal gro fortë. A la fin è s’ pensavët quë butënt guirleundë ëd peonia aou col ëd li manhà è gavasët li fastudi ëd lë prumë deun.

Sicurameunt grasië al souë prouprietà terapeoutiquë fin da l’ëntiquità è t’istaia drouvaia coume antidoulourific, ma più ëd tout coume rimedio princhipal për l’epilesia: s’euzn’eun ruzìivët la reis për bloucà onhi crizi. Euncui la reis ëd la peonia è vint utilizaia për ël souë prouprietà antispazmodiquë, sedatìou doou sitema nervous, quëlmant ën lë foueurmë d’ansia é malaseunnou, ën lë foueurmë nevralgiquë é ënt ‘oou malatesta é ën la tous spëzmodica ëd li manhà.