Portal d’Occitània    Letteratura occitana

"Brics" - Poesias de Luca Martin Poetto

C’è tanto piacere nel comporre

La lh’a tant jòi dil trobar

"Brics" - Poesias de Luca Martin Poetto

italiano

C’è tanto piacere nel comporre,

andare a perdersi nella carta

come chi non segue più la traccia

e solo per piacere: viaggiare.

Come la luna cerca il giorno,

cerco verità nel calamaio.

La penna va, cerca l’intuizione:

nel cielo del mio foglio.

Sulle rotaie delle righe

le parole son vagoni

cariche delle mie congetture.

Non conoscono ne direzione

ne i nomi delle stazioni

nella quale andranno a dare emozioni.

Passano nei valloni dei sentimenti

dove sono più lunghi gli inverni.

E sanno che lì le primavere durano meno

per chi ha il cuore all’inverso (a bacìo).

Le righe sono sbarre di galera

se si segue solo la metrica,

diffidate della mappa se non vi sembra reale

come chi ha scoperto l’America.

Le righe vuote sono orizzonti,

ci si può vedere ciò che si vuole.

È sufficiente osservare a fondo

per trovare le isole di nuove canzoni.

occitan

Lh’a tant jòi dins lo trobar,

anar se perdre dins la carta

coma qui sèg pas mai la marca

e mesquè mai per plaser viatjar.

Coma la luna rechercha ‘l jorn,

chercho vertat dins l’ancrier.

Ma pluma chercha l’entuicion:

ilh malnetia’l ciel de mon papier.

De sus las ralhas de las reas

los motz sion de vagons

charjats de mas breas.

Ilhs sabon ni direcions

ni los nomns de las stacions

d’ont ilhs anaren donar de emocions.

Ilhs passon dins los combals dals sentiments

d’ont ilhs sion mai longs los uverns.

Ilhs sabon qu’icí los uprims duron de mens

per cilhs qu’an lo cuer à l’envers.

Las reas sion barras de galèra

si se seg mesquè la metrica,

meifiatz de la mapa s’ilh sembla pas vertièra

coma qui al a deicubert l’America.

Las reas vuèidas sion d’orisonts,

tu te lhi pòles véer çò que vòles.

L’es pron agachar ben a fons

per retrobar las isclas de novas chançons.