Portal d’Occitània    Letteratura occitana

"Brics" - Poesias de Luca Martin Poetto

La veglia

La velhaa

"Brics" - Poesias de Luca Martin Poetto

italiano

Giornate d’inverno

per stare assieme

si ammassavano tutti nella stalla.

Passavano il tempo

parlando del niente

era più che un diritto.

I vecchi raccontavano,

i giovani ascoltavano,

le parole scaldavano

nonostante il freddo.

Racconti e canzoni

di generazione in generazione

nell’ultima luce del versante a sud.

Andiamo, andiamo a vegliare alla veglia.

Ora non c’è comunicazione

senza connessione internet,

tra noi non è più possibile il dialogo.

L’imprinting delle espressioni

delle madri ai figli

verrà dato loro dagli smile.

Pensieri farfalle

nella rete del web,

messaggi alla deriva

nel mare del net.

Pubblicità dicono il rosario,

che tempo sporco!

Addio nonno, non sei più degno!

Malgrado i tuoi anni

ti hanno voluto ignorante.

Non è utile imparare

a lavorare i campi,

c’è solo asfalto

nei nostri domani.

Ci riempiono il cranio delle loro stronzate,

le domande alla nonna? No!

Le farò a Wikipedia.

Cartesio diceva

cogito ergo sum

oggi la filosofia

è digito ergo sum.

Discorsi nella fibra ottica,

fumano sigarette elettroniche,

scopano donne di plastica,

anche la fame è diventata chimica.

Leverò nuove vele

e dal cielo mi farò condurre,

ma non saranno le stelle

bensì il navigatore satellitare.

Per il progresso sempre

ma i saperi se ne vanno

il prezzo della tecnologia

è di aver perso competenze millenarie.

occitan

Jornaas d’uvern

per istar ensemp

ilhs se rechampavon tuts al tèit.

Ilhs passavon lo temps

parlent dal ren

l’era mai qu’un drèit.

Los velhs contiavon,

los joves eicotavon,

los motz eichaudavon

totun la frèid.

Còntias, chançons

de generacions

dins la dèrriera lumièra de l’endrèit.

Anim anim anim a velhar a la velhaa.

Aüra gis de comunicacions

senç’ aguer de connecions,

entre nos la se pòl rasonar pas mai.

L’ “imprintig” de las esprecions

de la maires als garçons

la lhe las donaren los “smails”.

Pensiers parpalhons

dins l’aranhaa dal web,

desamarratge per los messatges

en bota dins la mar dal Net.

Las reclams dison lo chapelet,

que temps mal net!

Adiù mon sènher,

siatz pas mai dinhe!

Malgrat vòstris ans

ilh vos an volgut inhorent.

Ren utile emprènner

travalhar los champs,

la lh’a mesquè de godron

dins nòstris demans.

Ilhs nos ramboron lo crani

de sas conerias,

las demandas à la granda? Na!

La farèic à Wikipedia.

Descartes al disia

cogito ergo sum

Encuèi la filosofia

L’es digito ergo sum.

Devis dins la fibra optica,

ilhs tubon de sigaretas electronicas,

ilhs concon de fèmnas de plasticas,

bèle la fam es vengua chimica.

Levarèic de novèlas velas

E dal cièl me farèic menar,

Ma las saren pas las eitièlas

Ma dal navigaire satelitaire.

Per el progres totdia

Ma los sabers se n’en van

lo préz de la tecnologia

es perdre de competenças de mil’ans.