Portal d’Occitània    Letteratura occitana

"Brics" - Poesias de Luca Martin Poetto

Nella valle

Dins la comba

"Brics" - Poesias de Luca Martin Poetto

italiano

Non è stata la carestia

o magari la siccità,

né le alluvioni primaverili

e neppure le epidemie.

Nemmeno i saraceni,

né le orde di banditi

che stanno per qui

o da oltre confine.

Nemmeno la lunghezza

di questo periodo invernale,

né il sudore a

costruire il Forte.

Magari la mitraglia

delle camicie nere

o di ogni altra maglia

che si macchia di miseria.

Anche se i dragoni

ci hanno fatto partire,

a ogni persecuzione

abbiamo resistito.

Sono andato nella valle

e soffiava quello stesso vento

di quando non era una tomba

questa stessa terra povera.

Sono andato nella valle:

culla di fame e di sete.

Una filastrocca cupa

raccontavano la tramontana e le nevi trasportate dal vento

Sono andato nella valle,

ma non v’era gente

il silenzio rimbalza

nelle rughe nel niente.

Sono andato nella valle

per osservare più da vicino:

solo il vento che smuove le fronde

accarezzando la terra bionda di fieno.

occitan

L’es pas estaa la carestia

o magara la eissuitina,

ni los deilutges d’uprim

las epidemias.

Ni los mòros sarrasins,

ni las òrdas de bandits

que demòron per aicí

o ben d’òutra confin.

Ilh es pas la lonjor

de cèsta uvernalha,

ni ren la suor

per bastir la Muralha.

Magara la mitralha

de las chamisas nièras

o de chaque malha

que se tacha de misèras.

Si ben los dragons

nos aion meirats,

a tòtas percecocions

nos avem endurats.

Siuc anat dins la comba

e suflava la mèma aura

de quand ilh era pas una tomba

cèsta mèsma tèrra paura.

Siuc anat dins la comba:

cròç de fam e de set.

Una eitalangièra sombra

contion la bisa e’ l célh.

Siuc anat dins la comba,

totun la lh ‘era gis de gent

l’es lo silence qu’rendonda

dins las rilas dal ren.

Siuc anat dins la comba

per agachar mai arent:

la lh’a mesquè l’aura que branda la bronda

en careçent la tèrra blonda de fen.