Portal d’Occitània    Letteratura occitana

invia mail   print document in pdf format

Daniel Varujan

Lettera di nostalgia

Letra d’estant

Poesia di Daniel Varujan. Rubrica di letteratura "Chaminar e pensar", traduzione in lingua occitana a cura di Peyre Anghilante

Lettera di nostalgia
italiano

Dalla tragedia sembra proprio nascere la tragedia: la persecuzione di un popolo conduce all’emigrazion dei giovani, e l’emigrazione dei giovani alla solitudine dei vecchi, la solitudine dei vecchi all’angoscia dei giovani. «Sono abbandonata», scrive la madre del poeta, «hanno rotto la porta, svuotato dispensa».
Ma la conclusione è un inno alla vita: alla forte, vecchia donna fa compagnia uno splendido ariete, che lei alleva per sacrificarlo con le sue mani al ritorno del figlio.

                Siobhan Nash-Marshall

Mia madre scrive: «Oh mio figlio emigrato,

fino a quando dovrai passare i tuoi giorni

sotto una luna sconosciuta, fino a quando

non potro stringere la tua testa al mio petto caldo?

Devono smettere i tuoi piedi, che un giorno scaldai fra le mie palme,

di salire per scale straniere,

deve smettere il tuo cuore dove ho svuotato le mie mammelle,

di deperire fuori dal mio cuore.

Si sono stancate le mie braccia sforzate:

tesso anche la mia sindone coi miei capelli bianchi:

ah, ti vedano una volta i miei occhi, e poi che chiudano

anche la mia anima in quel lenzuolo.

Siedo sempre trista davanti alla porta,

chiedo notizie di te a ogni gru che passa:

quel ramo di salice, che hai piantato con le tue mani,

su di me fa ombra.

Ogni sera aspetto invano il tuo ritorno:

vengono e vanno i valorosi del villaggio:

il contadino passa, passa il bovaro fiero: -

io rimango sola con la luna.

Sono abbandonata nella casa in rovina,

qualche volta ho sete della tomba, sempre del mio focolare: -

simile a una tartaruga morente, con l’intestino

ancora attaccato al guscio spezzato.

Torna, figlio, fa’ rifiorire la casa paterna: -

hanno rotto la porta, svuotato la dispensa:

entrano per la finestra infranta

tutte le rondini della primavera.

Del grande gregge nella stalla, peccato,

è rimasto solo un ariete coraggioso;

sua madre un giorno – ricordi, figlio – ancora agnella

mangiò l’orzo nella tua palma.

Io nutro la sua coda fiorente

con la pula del riso, con il ricco trifoglio:

col pettine di bosso pettino la sua lana fine: -

è una vittima preziosa.

Al tuo ritorno, con la testa cinta di rose,

lo scannerò per la tua vita giovane:

nel suo sangue laverò, dolce figliolo,

i tuoi piedi affaticati da emigrato».

occitan

Da la tragèdia semelha da bòn nàisser la tragèdia: la persecucion d’un pòple mena a l’emigracion di joves e l’emigracion di joves a la solituda di vielhs, la solituda di vielhs a l’angoissa di joves. «Siu abandonaa», escriu la maire dal poèta, «an esclapat la pòrta, vueidat la despensa».
Mas la conclusion es un imne a la vita: a la fòrta, vielha frema fai companhia un magnífic ariet, que ilhe enleva per lo sacrificar abo sas mans quora lo filh tornarè.

         Siobhan Nash-Marshall

Ma maire escriu: «Òh mon filh emigrat,

fins a quora deurès passar ti jorns

dessot una luna desconoissua, fins a quora

polerei pas sarrar ta tèsta còntra mon pitre chaud?

Que quiten ti pè, qu’un jorn eschaudero dins mas palmas,

de montar per d’eschalas estrangieras,

que quite ton còr, ente ai vueidat mas possas,

de deperir fòra de mon còr.

Se son esquintats al telier mi braç esforçats:

teisso decò ma síndona abo mi pels blancs:

ah, que mi uelhs te veen un bòt, e puei que sarren

decò mon anma dins aquel linçòl.

Siu setaa sempre trista derant l’uis,

demando de tas nòvas a chasque gru que passa:

aquela rama de saliç, que as plantat abo tas mans,

dessús me fai ombratge.

Chasque sera espero de bada ton retorn:

venon e van lhi valorós dal vilatge:

passa lo païsan, passa lo fier bovier: -

mi rèsto soleta abo la luna.

Siu abandonaa dins ma maison en roïna,

de bòts ai set de la tomba, totjorn de mon foier:

pariera a una tartuga murenta abo l’estòmi

encara estachat a la gruelha troçaa.

Torna, filh, fai mai florir la maison pairala: -

an esclapat la pòrta, vueidat la despensa:

intron da la fenèstra brisaa

totas las randolinas de la prima.

Dal grand tropèl dins l’estable, dalmatge,

es restat ren qu’un ariet coratjós;

sa maire un jorn – recòrdes filh, encara anhèla

manget l’uèrge dins ta palma.

Mi norrisso sa coa florenta

abo la pols dal ris, abo lo ric trefuelh:

abo lo penche de bois pencheno sa lana fina: -

es una víctima preciosa.

A ton retorn, abo la tèsta cenchaa de ròsas,

l’escanarei per ta vita jove:

dins son sang lavarei, mon dòuç filhet,

ti pè fatigats d’emigrat».