Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Daniele Dalmasso "Linhas de temp"

Arca

Archa

"Linhas de temp", Linee di tempo - Raccolta di poesie in lingua occitana, di Daniele Dalmasso

italiano

Dai faggi in su stavo assai bene

Al riparo nei valloni eravamo trecento

Ma è giunto un tempo, che impedito di restare

L’amato paese ho dovuto abbandonare

Eppure nella mia testa non s’arresta mai

Il pensiero di lassù, di ritornare di nuovo

E qualche volta, in qualche angolo

Piangere di nascosto come un cane abbandonato

Una mite sofferenza sempre m’accompagna

Prezzo dell’orgoglio d’esser cresciuto in montagna

Con altri occhi, abituato a vedere

Mastico amaro, se più non posso vederla

Verrà un giorno, ascoltate brava gente!

Che sarà difficile vivere a forza di cemento

E roba su roba andremo a riempire

Capannoni a migliaia ancora da costruire

Allora il tempo del vivere al paese

Qualcuno ricorderà d’aver ancor visto

E dunque all’improvviso, sobbalzerà dal letto

Che da anni lo teneva lontano dalla baita

Aggiustate le vostre baite, tanto che potete

Costruite la vostra arca, come al tempo che fu

Non ridete troppo, se volete salvarvi

Che un altro Diluvio, sta per arrivare

occitan

Dai fauls a anar amont istavo pro ben

Sostats dins las combas érem tres cents

Mas es vengut un temp qu’empachat de restar

L’amat país ai degut abandonar

Totun dins ma tèsta al quita jamai

Lo pensier d’ailamont, de retornar mai

E qualque bòt, en qualque canton

Plorar d’escondon ‘ma un chan d’abandon

Na pàsia sufrença totjorn m’acompanha

Prètz de l’orguelh d’èsser creissut en montanha

Abo d’autri uelhs acostumat a veire

Mastiu amar, se puei pus la reveire

Al venarè un jorn, escoutatz brava gent!

Que la serè mal viure a fòrça de ciment

E ròba sus ròba anarèm a emplenir

Cabanons a miliers encà da bastir

Alora lo temp dal viure al país

Qualqu’un se sovenerè d’aver encà vist

E donca d’un crep sautarè dal leit

Que da d’ans lo tenia luenh dal teit

Arranjatz vòstri teits, tant que poletz

Bastietz vòstra archa, ‘ma al temp que foguet

Grinhatz pas tant, se voletz vos salvar

Que n’autre Diluvi es en chamin a arribar