Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Daniele Dalmasso "Linhas de temp"

Cucina Nera

Foganha Niera

"Linhas de temp", Linee di tempo - Raccolta di poesie in lingua occitana, di Daniele Dalmasso

italiano

Aveva perso la pace quando era sceso laggiù

D’anni parecchi, chiuso nei capannoni

Per lui che da bambino la libertà aveva assaporato

Del luogo dove la sua culla dondolava al chiaro di luna

I giorni passavano veloci, sebbene un po’ indigesti

La notte quando arrivava dentro ai sogni lo portava

A cercare la libertà, che l’aveva lasciato bambino

Rifugiata nel suo cuore, per ripararlo dalla morte

Il suo tempo aveva dato, a volte neppure apprezzato

Come l’asino e la carota, o l’uomo appresso alla sottana

Attratto da vita migliore, vissuta neppure un goccio

Poiché tutto è in maniera da non vederla né bianca né nera

Così sopravvissuto, vecchio e saggio è divenuto

Ora del tempo d’inferno, passato per tempo moderno

Non si ricorda quasi più, da quando è tornato all’uscio

Della sua nera cucina, sulla sua amata montagna

occitan

Avia perdut la patz quand era anat aval bas

D’ans un perfond, sarrat enti cabanons

Per el que da mainat la libertat avia tastat

Dal luec ente sa cuna bauteava al clar de luna

Lhi jorns passavon lèsts, bèla que un pauc endigèsts

La nuech quand arrubava dins ai sumis lo menava

A cerchar la libertat, que l’avia laissat mainat

Refugiaa dedins son còr, per sostar-lo da la mòrt

Son temp avia donat, de bòts nimanc apreciat

Coma l’ase e la carròta, o l’òme après a la còta

Atirat da melhor vita, viscua per manc n’estiça

Que tot es en maniera de pas la veire ni blanca ni niera

Parelh sobreviscut, vielh e savi al es vengut

Aüra dal temp d’unfèrn, passat per temp modèrn

S’enavisa bèl e pus, despuei qu’es tornat a l’uis

De sa niera foganha, sus son amaa montanha