Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Daniele Dalmasso "Linhas de temp"

Frantumi

Chapolums

"Linhas de temp", Linee di tempo - Raccolta di poesie in lingua occitana, di Daniele Dalmasso

italiano

Scaltri, svegli, sempre sorridenti, sempre perfetti

Sono i padroni del Mercato, quattro telefonini in tasca

Parlano sei lingue, belli, sportivi, i primi della classe

Ti aiutano a risparmiare, a scegliere il meglio per te e la tua famiglia

l’altro giorno a un uomo gli hanno persino venduto la madre di Matè

e Matè dall’altra parte, contento come un topo, rideva come un cretino

da quando loro gli hanno fatto guadagnare quattro soldi da una bacucca.

E così tutti i Matè di turno vendettero sua madre

E ridevano, ridevano, ridevano, parevano proprio dei rimbecilliti

Quasi piangevano a forza di ridere!

Quando si mangiavano quei quattro soldi che avevano guadagnato

compravano altre madri e le rivendevano a più del doppio

Non si capiva più niente, ce n’era di quelli che avevano venduto

e comprato più di cento volte, nessuno sapeva più quello che aveva.

Le madri di Matè non erano molte e poi si consumavano

Allora l’acqua! Ce n’era in giro che scorreva nei valloni

Bisogna prenderla, è lì che scorre inutilmente

Venderemo l’acqua. E quando questa sarà finita

Venderemo la sabbia ai negri! E quando la sabbia sarà finita

L’aria fresca a quelli delle città, e avanti così

Finché ci sarà qualcuno con dei soldi fra le mani.

Bisogna far girare i soldi, solo così arrivano a prenderteli.

occitan

Desgordits, desvelhats, totjorn sorients, totjorn perfècts

son lhi patrons dal Marchat, quatre telefonets en sacòcha

parlen sieis lengas, bèls, esportius, lhi premiers de la classa

t’ajuten a esparmiar, a cernir lo mielh per tu e ta familha

l’autre jorn a un òme lhi an fins vendut la maire de Matè

e Matè da l’autre cant, content ‘ma un jarri, riïa ‘ma un fòl

despuei que lor lhi an fach ganhar quatre sòuds da un rotoclò

E parelh tuchi lhi Matè de torn venderon sa maire

E riïon, riïon, riïon, semelhavon pròpi de fòls

Esquasi ploravon a fòrça que riïon!

Quora se minjaven aquilhi quatre sòuds qu’avien ganhat

achataven d’autras maires e las vendion mai dal doble

Se capissia pus ren, n’avia d’aquilhi qu’avien vendut

e chatat mai de cent bòt, degun sabia pus çò qu’avia

Las maires de Matè, eron pas gaire e puei se frustaven

Alora l’aiga! N’avia pr’aquí que corria enti valons

Chal la prene, es aquí qu’escor inutilament

Venderèm l’aiga. E quora questa serè fenia

Venderèm la sabla ai mòros! E quora la sabla serè fenia

l’aire frescha an aquilhi de las citats, e anant per parelh

Fins que la lhi aurè qualqu’un abo de sòuds dins las mans

Chal far virar lhi sòuds, masque parelh arribon a te lhi prene