Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Daniele Dalmasso "Linhas de temp"

La Manna

La Pupa

"Linhas de temp", Linee di tempo - Raccolta di poesie in lingua occitana, di Daniele Dalmasso

italiano

È finita la manna, accipicchia, degli ultimi tempi!

Il fuoco non è più rosso, della nostra civiltà!

Si stanno perdendo: lavoro manuale

Stato sociale, Stato assistenziale

Bottiglie di plastica e acqua minerale!

Gioia degli economisti e dei capitalisti!

Abbiamo iniziato a mangiarci quei quattro soldi che avevamo guadagnato

Villaggi turistici, vicino ai faraoni

Mangiare fino a scoppiare e poi di corsa a casa

La sabbia che si appiccica, la crema sulla schiena

Laggiù all’orizzonte una grossa barca nera

Per quelli è un altro viaggio! Magari l’ultimo!

Cavalieri di conoscenza, filosofi di vita

Uomini di politica e cercatori di cultura

Dove siete andati a finire? Ciò che abbiamo ereditato sono delle

Veline un po’ scemotte, cantanti tarlati

vecchie facce ben tirate con la giacchetta e la cravatta

e una cultura falsa da telepromozione

I vecchi son divenuti giovani e i giovani senza speranza

Negli occhi ancora l’illusione di aggiungersi a questa danza

Il mondo si complica, arriviamo a non capirlo più

Questo è il limite di questo lungo viaggio

Dice un filosofo osservando i nostri tempi

La democrazia finisce per incompetenza”

occitan

Es fenia la pupa, bòia faus, di darriers temps!

Lo fuec es pas pus ros de nòstra civiltat!

Van se pèrder: trabalh manual

estat social, estat assistencial

Botelhas de plàstica e aiga mineral!

Jòi d’economistas e de capitalistas!

Sem enchaminats a minjar-se quilh quatre sòuds qu’avem ganhat

Vilatges torístics, da pè di faraons

Minjar fins a esclopar e puei de corsa a la maison

La sabla que s’estacha, la crema sus l’eschina

Aval a l’orizont na gròssa barca niera

Pr’aquilhi es n’autre viatge! Magara lo darrier!

Cavaliers de conoissença, filòsofes de vita,

Òmes de Política e trobaires de cultura

Ente setz anats finir? Aquò qu’avem arditat son de

Velinas un pauc badòlas, chantaires camolats

vielhs morres ben tapats abo la jaqueta e la crovata

e na cultura faussa da telepromocion

I vielhs son venguts joves e lhi joves sensa esperança

Dins lhi uelhs encà l’illusion de se jontar an aquesta dança

Lo monde al se complica, arribem pus a lo capir

Aquest es lo confin d’aqueste lòng viatge

Al ditz un filòsof en guinchant nòstre temp

La democracia fenís per encompetença”