Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Daniele Dalmasso "Linhas de temp"

Paradiso perduto

Paradís perdut

"Linhas de temp", Linee di tempo - Raccolta di poesie in lingua occitana, di Daniele Dalmasso

italiano

Nebbie rosse che correte veloci

Venite a prendermi, portatemi lassù

A vedere il sole che va a coricarsi

Dietro le montagne, dentro al mare

A infiammare un altro mondo molto lontano da questo

Acqua del cielo, che scendi per i valloni

Conserva il messaggio chiuso nella bottiglia

Che ti ho affidato per la mia bella fanciulla

Che dal mare è da un po’ che attende

Il mio sperato ritorno dalla linea del fronte

Neve bianca, delle alte montagne

Infiammata dal sole, a tarda sera

Di Terra e Cielo, sei la frontiera

Compagna di pastori e contrabbandieri

Guardiana delle impronte, affondate nel tempo

Venti degli antenati, che passate per i villaggi

Portate via, la polvere di oggi

Che impedisce il rito, del vivere al paese

Che secca le fonti, dell’anima nostra

E spegne la voce, dei bambini nelle strade

Fuoco delle canzoni, nate dal bottiglione

Facci cantare, puntellati al bancone

Allo stesso modo, in un tempo sospeso

Che ognuno di noi, vorrebbe non finisse più

Pezzo di Paradiso, che Nostro Signore ha smarrito

occitan

Nèblas rossas que corretz fito

Venetz-me prene, portatz-me ailamont

A veire lo solelh que vai cojar-se

Darreire las montanhas, dedins la mar

A enflamar n’autre mond ben luenh d’aquest

Aiga dal cèl, que dai valons davales

Garda lo messatge sarrat dins la botelha

Que t’ai donat per ma bèla filheta

Que da la mar es un pauc qu’atend

Mon esperat retorn da la linha dal front

Neu blancha d’las autas montanhas

Enflamaa dal solelh a la bassora

De Tèrra e Cèl sies la frontiera

Companha de pastres e contrabandiers

Gardiana d’las peaas esfonjaas dins lo temp

Vents di reires que passatz per lhi vilatges

Portatz via la possiera d’encuei

Qu’empacha lo rite dal viure al país

Que secha las fonts de l’anma nòstra

E tup la votz di filhets dins las charrieras

Fuec di chançons naissuaas dal pinton

Fa-nos chantar ‘pontalhats al bancon

Dal mesme biais, dins un temp suspendut

Que chascun de nos voleria fenissesse pus

Flòc de Paradís que Nossenhor a perdut