Hanno lavorato a questa ricerca:

Letizia Natale

Mirco olocco

Saverio Sibille

Federica Michele

Silvia Martino

Romina Sereno

Marzia Rey

Niccolò Brun

Omar Finetti

Classe II

Gessica Cipriano

Pablo Campo Bagattin

Andrea Campo Bagattin

Daniele Ferrando

Dario Siciliano

Simonetta Sereno

Cecilia Cella

Classe III

Elena Caffo

Francesca Belletto

Gabriele Perino

Erik Annovazzi

Classe IV

Stefania Sereno

Salvatore Siciliano

Marco Belletto

Anna Rostagno Telmon

Classe V

Insegnante

Siamo riconoscenti ai nonni:

Gallasso Massimino

Ponsero Ugo

Regis Aldo

Che ci hanno fatto entrare nel mondo dei loro giochi infantili. A loro e a tutti i nostri nonni è dedicato questo lavoro.

N.B. Le testimonianze orali che saranno qui di seguito trascritte sono contrassegnate con dei colori che corrispondono a quelli di sopra evidenziati.

LI PAŘÈIN

Incouè soun venû a l’eicòla li pařèin de Letizia, de Carlotta e de Silvia a coueintènos couman dzouàvoun canque iérun pëtzoet.

I NONNI

Oggi sono venuti i nonni di Letizia, di Carlotta e di Silvia a raccontarci come giocavano quando erano bambini.

LA FLECHA

La flecha i éř de frèisen. Se pernètb in to de booc, nourmalmoent i éř de frèisen qu’ou fusse itâ fortsû, a ou foun bitiòn in toc de toumeiřa per bité li peclo dedin. Apřée groupiàn eiquié pařìa e se tiřave la flecha. L’elàstic i éř in toc d’na càmera d’ària d na bici talhâ a lìstes.

LA FIONDA

La fionda era di frassino.

La fionda la costruivamo noi con un rametto biforcuto a cui attaccavamo un elastico e un pezzo di cuoio

TIRIAN TACÂ LI TSAT….

Tiřian avée la flecha. Lh et di tsat que roulan per quié, de pëtsoètës peclo tacâ di tsat que vezian scapèlis.

TIRAVAMO AI GATTI

Tiravamo con la fionda dei sassolini contro i gatti

VEZIAN A GARA….

La flecha s’enouvrave pařìe avée de peclo eiquié din lou rian. Aprée can jóuven mangaře i eře le lampadìnes publìques, alouřa i eř co le lampadine pëcìtoes per iluminàon e alouřa tra tre ou catro a vezian a gara pi que pi qui n’amourtrave. Poei aprée magaře ou mandàven pi damandé an Comuna daou Sindic vée couma fountave arendzèla pagué cacaroen.

FACEVAMO UNA GARA…

La fionda si usava con i sassolini del torrente. A volte tiravano i sassolini contro le lampadine piccole, non c’era ancora l’ENEL e ci mettevamo in tre o quattro e facevamo a gara a chi ne spegneva di più. Poi, magari ci chiamava il Sindaco dal Comune e dovevamo pagare qualcosa.

LA COERLA

De coèrloes nh avet de tot calitâ ; nh avet diverse calitâ nh avet pi gròses e pi pëcìtoes. La forma è tzoun la meima. Le pi gres lh éroun pi difícil a faře viřé perqué fountave bitè coun mee de courdin e alouřa fountave douné l’onde pi louen e difícil que la coerla lh’arivise a proende l’ande. Anvece le còrles nourmàles e soes pi pëcìtoes…soe iquié bastave tirèle avée in bloc de forsa e viràvoun anque per in bei tein.

LA TROTTOLA

Di trottole ce n’erano di tanti tipi; la forma era sempre la stessa. Ce n’erano di più grosse e di più piccole. Le più grosse erano difficili da fare girare perché bisognava avvolgerle un cordino lungo e occorreva dare il colpo più lontano così era difficile che la trottola cominciasse a girare bene. Invece le trottole più piccole bastava tirarle con poca forza e giravano anche a lungo

DA OU MUNIZIÉ

Canque a ian fe la coerla da ou munizié avée lou tort fouta bitèi lou fer ba dedin pernó lou virä pa pařèi.

DAL FALEGNAME

Quando il falegname ha costruito la trottola con il torchio bisognava mettere la punta in ferro in basso altrimenti nonn gira bene.

DA OU FARÌE

Amoun a iquié i avet in d’in Gatinara qu’ou vëzè lou farìe. “Sa, bitme lou fer dedin ma coerla”. Lou proen in tatsoun iquié l’a bitava a eitsoudé su la fordza, lou batuva iquié lou folou arioun l’anfilâ bad in la coerla. “Va puře avée ta coerla te tse a post”.

DAL FABBRO

Qui sopra c’era uno di Gattinara che faceva il fabbro. Sono andato da lui e gli ho detto: “ Mettimi il ferro dentro la trottola”. Lui ha preso un tizzone lo ha battuto e lo ha fatto diventare rotondo e mi ha detto: “ Vai pure con la tua trottola, tu sei a posto”.

LA COERLA I ET DE BOOC

La coerla i et de booc de boueisoet ou de fréisen. Lh et ina fisèla, se vertoulhave e… fout diře que lh’èř fèt a pouèinta, ba dzot lh avet in fer e in fer tanzû. Se vertoulhave dand ën zu da dzot to l’antort aprée se tiřave e lhe le viřave.

LA TROTTOLA È DI LEGNO

La trottola è in legno di bosso o di frassino. C’è un cordino e c’è una punta in ferro. In basso c’è un ferro e in alto pure. Si avvolgeva il cordino dal basso in alto tutto intorno alla trottola e poi la si tirava.

JUVE AVÉE LA COERLA

Tiřian doué rìgues inó per portre e l’àoutra qu’arivián. Aprée vezia viřée la coerla, la prenián su ou mielh di doué dei…vezian viřela ou mielh dla man. Canque la coerla iéře su la man doevián tapèla ba aprée tapé lou doubiaun. Per mo que canque la coerla lhe viřave pas pi lh donhèn la beda, que devan faunt amna vée lou fer ; aenvece lou dařî croep fou bien qu’a daunèla avée la tripò dla coerla.

GIOCO CON LA TROTTOLA

Tiravano due righe per terra: la partenza e l’arrivo. Facevano girare la trottola, la prendevano sul palmo della mano tra due dita e la rimettevano per terra: dovevano salire sulle monete. Quando la trottola non girava più le davano un colpo prima sul ferro poi sulla pancia.

PROENDRE LA COERLA SLA MAN

Devàn tsartsée de faře alée la coerla anoent lou doubioun. Acée qu’au l’eře pi lestv ou nave tre tsec e lou daubioun ou l’alave pi amoun. A to li tsec fountave torna proendre la coerla sla man.

PRENDERE LA TROTTOLA SULLA MANO

Dovevamo cercare di fare andare la trottola sulla moneta. Quelli più veloci davano anche tre colpi e la moneta si spostava verso la riga. Tutte le volte che si dava un colpo bisognava prendere la trottola sulla mano.

Canque la coerla ie viřave pa pi tan dezian que lhe tsapave la vatza.

Canque la coerla ie viřave dreit que me in fus dizioun “lhe vioune”.

Quando la trottola non girava più bene dicevamo che sembrava ad una mucca.

Quando la trottola girava dritta come un fuso dicevamo che fischiava.

L’eichouploet, lou schoupoet, l’eichouploet a eiva.

Le cerbottane

L’EICHOUPLOET LHÈ IN TOC DE SAMBÛ

L’eichouploet lhè in toc de sambû to fouřâ s’eichouplavev fořa de gràounes d’alunó ou de gràounes de gratacû ou anque de poetsoet peclo. Se poueintave e alàvoun louen. Iot l’eichouploet a eiva. Eře queme ina poumpa d’ina bici. Se prenèt in toc de sambû c’ou l’aìse din lou grop, ina membraouna que fountave fouřèla. S vezèt in poetsoet pertuí, aprée se chuchave l’eiva avée la part quei e vezèt da stantuf e aprée s’eichouplave fořa l’eiva da soe poetsoet pertuí. Nouz aoutri lou vezian asée avée le canoe de bambû avée in toc de ven que in sla poueinta ou l’avèt in bloe de barbèl. Lou barbèl sarìa lou tsenèivro. Aprée lh’ot l’aschouploet. Me dezioun que fountave anfilèie din de toc de rée d’ina planta vezée quëmée in eitëpoun aprée se souflave fort, canque sourté fořa da ou toc de sambû vezèt in eiclop.

LA CERBOTTANA È UN PEZZO DI SANBUCO

La cerbottana era un pezzo di sambuco da cui si soffiavano con forza semi di edera, di rosa canina o anche piccole pietre. Si prendeva la mira, si soffiava e andavano anche lontano. La cerbottana ad acqua era come una pompa di bicicletta. Si prendeva un pezzo di sambuco, si forava la membrana all’interno. Da questo buchetto si succhiava l’acqua con un bastoncino che faceva da stantuffo. Si spruzzava l’acqua da questo piccolo buco. Noi lo facevamo anche con le canne di bambù: ci mettevamo un pezzo di canapa. Poi c’è “lo scoppietto”. Occorreva infilare nella cerbottana un pezzo di stoppa di una pianta. Quando si soffiava forte faceva uno scoppio.

LE GRÀOUNES DOU BOUOEISOET

Nous alián dařé l’eigleiza, feizián de pinhâ de gràounes dou bouoeisoet. Le gràounes dou bouoeisoet é de gràounes pa sé rioùndes peřo an de pouèintioes qui foes ancô pi mal.

I SEMI DI BOSSO

Andavamo dietro la chiesa a prendere i semi di bosso che non sono molto rotondi, ma hanno delle punte che fanno ancora più male.

LE GRÀOUNES D’ ALUNÓ

Se bitàvoun din lou tubo le gràounoes, d’alunó. Aprée piièn ina pinhá din la goula, i soufliòn vió ina per col an facha a lhi àoutri pařei, per faře dispèt.

I SEMI DI EDERA

Si mettevano dentro la cerbottana i semi d’edera. Ne mettevamo in bocca una certa quantità e li soffiavamo uno per volta in faccia agli altri, così per fare dispetto.

A OU ROZAŘE

Alián de vepro a ou rozaře dou me de mai, alián aprée ël filhoes per tiřè loes sti balin din s’lou nâs.

AL ROSARIO

Andavamo alla sera al rosario del mese di maggio e correvamo dietro alle ragazze e tiravamo loro i semi in faccia.

LOU SUBLOET- AVÉE INA VERDZÒ DE TSATNHÍE

I proenìan in to d’ina verdzò de tesatnhíe que isse itâ bastansa vàlida, ma fountave qu’ita an sava. Aprée canque la talhián la tourdián per dernervèla daou toc de booc, s’tiave vió la crofa ; ansumò vezèn in pchoe pertuí aprée pié sourtise fořa lou sfiato con te soùnes, on foun biten in eitëpoun, ansumó n’aoutro eitëpoun. Aprée prouvene a sublé s alave. Toun carcouin verve ca d’àoutri doué pertuí d’aval per faře n’aoutra tonalitâ. Da avril a mai se vezèt lou soubloet.

LO ZUFOLO- CON UN RAMETTO DI CASTAGNO

Prendevamo un rametto di castagno. La linfa doveva aver ripreso a circolare nell’albero. Lo torcevamo per togliere la corteccia. Quando l’avevamo tolta facevamo un piccolo buchetto per far uscire l’aria quando si suona. Poi con il legno dello stesso rametto facevamo due tappi: uno lo mettevamo in cima e uno in fondo. Infine provavamo a suonare. Qualcuno faceva anche un altro buco in fondo allo zufolo per avere un’altra tonalità. Gli zufoli si facevano da aprile a maggio.

LE ZÒNHES

Lez atsetián a Sòuiza. Eře de poets tsozes arióndes on teracouèta ou on veiřo ou fer. N i avet de diverse calitâ. Soes quë n’anouvrán nouz aoutris per jouéře les zònhes de terracouèita que atsetián a Soùiza da Carletou qu’ou n’avendet de grô paquoet e joueission asen iquié. Lh avet diverse maniéře de joué a bìes.

LE BIGLIE

Le biglie sono rotonde e piccole. Possono essere di terracotta, di ferro o di vetro. Ce n’erano di diverse qualità. Quelle che usavamo noi erano di terracotta e le compravamo a Susa da Carletto che ne vendeva dei grossi sacchetti. C’erano diversi modi per giocare.

JUESSIAN AVÉE LE ZÒNHES

S’aprestave ina trosa su tera avéc de pertuùe tié fountave avéc toutsé la bia, dounèie l’onde pousandla avéc lou dei e lou poudzo e tsetsé d’arivée din lou pertú. Conque s’arì din lou pertuí aprée s tsapave d’iquié tournave dounèse l’onde per in aitri pertiú fin que s ařivave a la fin e se ce qu’ou l’arivave per lou poermìe a la fin ou l’avet ganhâ.

Ou l’avet ganhâ ël zònhes de tuit si qui jouàvoun ountramoent se stabilèt doué zònhes tre zònhes catro zònhes ou se ganhàvet le zònhes de tuit.

GIOCAVAMO CON LE BIGLIE

Si preparava una traccia per terra con delle buche. Occorreva colpire con le dita la biglia e farla correre. Quando entrava in una buca, la facevi uscire, le davi nuovamente un colpo e la facevi correre verso l’altra buca. Così fino alla fine del percorso. Chi arrivava per primo alla fine del percorso vinceva le biglie di tutti.

Aveva vinto le biglie di tutti. A volte si stabiliva di giocare due, tre, quattro biglie e anche in questo modo si vincevano le biglie di tutti.

NOU BITIÀN TRA DOUÉ

Lou juva dle zònhes. Nou bitián tra doué e nou tiřian doevan pari e dìspari qui doevet tiřé la proemieřa zònha. Lou scoun ou doevèt tserqué de tsapèla. S’ou la tsapav pa ou devèt bitèse amoenou tacâ din in’ampana. S’ou ařivav a faře tsec qui l’ou qui la tsapave ièře souó ; si ou bitave din in ampana, que dizién pi branca, iéřa asée souó. Se ou lh arivav pâ l’àoutro avée lou poudzo e l’àoutro déi ie nave in croep fin quei e ařivave péè faře tsec ou branca e le zònhes iéřoun souòes.

CI METTEVAMO IN DUE

Giocavamo in due. Tiravamo prima a sorte per stabilire chi dovesse iniziare il gioco. Chi vinceva tirava la sua biglia. Il secondo doveva cercare di colpire (cec) la biglia dell’avversario o di avvicinarsi almeno alla distanza di un palmo di mano (branca). In tutti e due i casi vinceva la biglia dell’avversario. Se non ci riusciva il primo giocatore rientrava in gioco e cercava di fare cec o branca. Se ci riusciva vinceva così la biglia.

LI GETOU

I proenian in paloet, alian da Milio Carlin, da Silvio Dugoldi, in cantìnes, alian domandé tot li tëpoun de labire d lez aranchètes i to itsé. Le portián a la meizoún avéc in martèl lez arnhaquian que venìsoun bèn plàtoes. Aprée nou bitian catro ou sinc, tirian ina riga magara loung diz mètre, aprée tirian amoun tocâ la riga i proenian in paloet, ina lora, la vezian ben ariòndes a tsertián de tsapée, de tapé fařa fin amoun sla riga si getoun isé. Canque me i ou tapane fořa iun a i ou dra ganhâ lou men. Aprée ou tsertsave de tapène fořa in àoutro e ou countinave a tsertsé de tapènen fořa co d’àoutris. Se ou lh’ařivave pa a tiřane fořa n’àoutra au s’artive e intrave dédin lou sgound.

I TAPPI

Prendevamo un sasso piatto, andavamo da Milio Carlin e da Silvio Dugoldi, nelle “cantine” e chiedevano i tappi delle birre e delle aranciate. Li portavano a casa e li schiacciavano con il martello. Poi ci mettevamo in quattro o cinque, tiravamo una riga per terra di dieci metri circa. Poi tiravamo i tappi verso la riga, infine prendevamo un sasso piatto e cercavamo di colpirli e di farli andare oltre la riga. Quando ne mandavamo fuori uno avevamo già vinto il proprio e continuavamo a giocare cercando di far uscire altri tappi. Se non riuscivamo passavamo la mano al secondo giocatore.

JUVE DI SORDE

Notri dzoen lh éř pa tan coutoen. Tirian ina riga o autramoen lh at na muřaia. La pi gran par vezen ina riga per mo que tirian qui alâ pi tacâ la riga. S’alian otre la riga ce t’ieře dzo eliminâ t’a pa pi da mandée. Aloura lou poermìe qu’ou l eře tacâ la riga ou l’arbatave li sorde de lh àoutris. Aprée lou scoun au dvèt damandé ou doevet diře o testa o pila. Lou poermíe, lou masìe a doezoen au vezèt saouté lez an ària. Canque lou seoun lh avet damandâ “testa” tuì se ce iquié qu’avioun la teta ou lez arbatavoun eiquié se ce qu’iéroun pila lou masié ou tournave a tsapèles ou tournave a tapèles an ària e lou ters tournave a domandé loué. E eiquié fin qu’ièře ëd sorde. Peró se iavèt col que aién dzo damandâ tuìt, li sorde li tsenìet lou masié.

GIOCO CON I SOLDI

I nostri genitori non erano contenti. Tiravano una riga o giocavano vicino ad un muro. Quasi sempre tiravano una riga. Lanciavamo i soldi e cercavamo di andare vicino alla riga. Se i soldi andavano oltre la riga si era già eliminati. Quello che aveva lanciato il soldo più vicino alla riga iniziava il gioco e raccoglieva i soldi degli altri. Il secondo poteva dire “testa” o “pila”. Il primo giocatore lanciava in aria i soldi. Se il secondo giocatore aveva detto testa, raccoglieva i soldi di quelli che avevano fatto pila. Toccava al terzo giocatore dire testa o pila. Il primo giocatore tirava nuovamente i soldi in aria e il gioco continuava così. Alla fine se tutti avevano detto “testa” o “pila” e rimanevano dei soldi, venivano raccolti dal primo giocatore.

LA BAROTA

Li lióun i eřoun fét o de fou o de plaia. Li pácol e li ban i eřoun fèt de freisen e lou pousilhoun bas que fusse.

Lou pousilhoun

Lou pacol

Lou lioún

Lou banc

Lou couín

LA SLITTA

A LA VOLÁ DI TSAMIN

La barota è in afaře avée doué lioun sagoumâ de zot i avet in fer, in toundin e su iavet ancrououâ de pas. Per daříe iavet dìves mendëlhoes per guidéc que peró s guidave praticamoen pi que àoutro li taloun di pía e servioun per avée juée a ba valá di tsamin dla Cumuna. Canque iave pasài lou radó li tsamin iéřoub tou plein de nei perqué lou radó lou raclave pa bin fin bâ ou foun alouřa alave ben a izbarusée. Lh avet de baròtes a in past souloet e lh éřën de baròtoes pi gres. Quelin Rey au l’avet fèt ina barota qui menave fin-a sèt au iuèt persone avéc dzo ina spece de guida su lou devan dué touquoet de si que lh’éřoun aznoudâ, dounàvoun l’ande per faře le curve. Lh’eře bien d’eicoulé que alàvoun a l’eicòla e se prënióun la baròta, filàvoun fin aval soen ëd Taze. Leisàvoun la barota eiqué, de vepro tournàvoun prender-lò per pourtèla amoun. Lou cantounèev s’ou te tsapave avée la barota a la volá di stamin ou te fermave au prìa proenderte-lò an Cumuna e pařía te bardzo asée a lou Sandic. Pařìa lou Sandic te vezé aco in bloec d’ina romanzina.

GIÚ PER LE STRADE

La slitta ha due legni sagomati. Di sotto ha un tandino. Sopra sono inchiodate delle assi. Dietro c’erano due maniglie per guidare. Tuttavia si guidava praticamente con i talloni. La slitta serviva per scivolare sulle strade del Comune. Quando era passato lo spartineve le strade erano piene di neve perché lo spartineve non raschiava fino in fondo. Allora era bello scivolare. C’erano delle slitte a un posto solo e delle slitte più grandi. Michelino Rey aveva fatto una slitta che portava sette o otto persone. Aveva una specie di guida davanti e sotto due pezzettini di sci che erano snodati e servivano per fare meglio le curve. C’erano molti scolari che andavano a Susa con la slitta. La lasciavano da Taze e di sera la riprendevano per tornare a casa. Il cantoniere ti prendeva la slitta se ti vedeva scivolare sulle strade e dovevi andarla a prendere in comune, così il Sindaco ti faceva anche una romanzina.

LOU TSAROET

Se guidave avée li pía. Lou tsaroet l’è in toc d’ina pôs ben robusta. De devan iavèt dùvoes aruoes que péioun guidèse avée li pía e darìe iavet ina traversina avée dúvoes aruoes fínoes. Sùbit lez ariose iéřoun de bôc, aprée ian trouvâ lou sistema de bitèie de cusinoet. Avée li cusinoet se viajave bèn pi an presa peró li cusinoet alàvoun maque ben su l’asfalt pa sli tsoermin an tèřa batua perqué se rempìoun de tèřa. Se vezèt de voulàdes a la volade dou tsamin núa que livravoun pa pi.

IL CARRETTO

Si guidava con i piedi. Il carretto è un pezzo di legno robusto. Davanti c’erano due ruote. Lo guidavamo con i piedi. Dietro c’era una traversina con due ruote fisse. All’inizio le ruote erano di legno, poi hanno trovato il modo di mettere al posto delle ruote dei cuscinetti a sfera. Con i cuscinetti si viaggiava molto più forte anche se si poteva andare soltanto sull’asfalto. Infatti sulle strade in terra battuta i cuscinetti si riempivano di terra. Si facevano delle bellissime discese che non finivano più.

LI TRÀMPOUL

I TRAMPOLI

I éře doué batoun loun, coeme in mèidzo d’ina rimosa, anque in bloe pi grô, qu’a ina certa mira, a in mètre, anque maca a sincanta centim. Aioún quëmé in apôts fèt a triàngoul. Su si apòts iquié se pouzave li pìa, aprée se prénè li doué batoun, se bitàoun dzo li bras e se court.

I trampoli erano due bastoni lunghi, come un manico di scopa ma anche più lunghi. Ad un certo punto, ad un metro ma anche di più, mettevamo pezzo di legno triangolare. Su questo pezzo di legno si appoggiavano i piedi, poi si mettevano i trampoli sotto le ascelle e si correva.

LEZ ARIOUÈLES LI SERCLÓ

I CERCHI

Jouessian a faře viřé lez ariouèles. Canque jouessian a faře viřé lez ariouèles proenian in to d’in toundin de fèr, alian dei fourgeiroun permô que la saldatuřa i éř pâ. Louřa véizioun founderló iun tacâ l’àoutro. Aprée l’aznhacava vée lou martel fin que venèt arioun. E per guidèlo aian in toc d’in fil de fer pliâ sagoumâ anfilâ din in batoun. E ce servèt a faře cou fuse guidée a pousèlo o anque frenèlo.

Giocavamo a far girare i cerchi. Quando volevamo giocare con i cerchi, prendevamo un pezzo di un tondino di ferro e andavamo dal fabbro perché non c’era la saldatura. Il fabbro faceva fondere le due estremità del tondino per poterle saldare una all’altra. Poi con il martello, batteva fin che il tondino diventasse rotondo. Per guidare il cerchio avevamo un pezzo di fil di ferro piegato, sagomato, infilato in un bastone. Questo serviva per guidare, spingere ma anche frenare il cerchio.

LOU BALOUN

IL PALLONE

Lhn eř pâ di baloun. In col lou juva dou foùdbal, lh eř pâ di baloun. Alouřa per divertìnos se que vezian? Canque masiàvoun lou carin: que tot famìlhes aioùn in carin: al prinsipi dl uvèr lou masiavoun. Alouřa peř nouz àoutri bocha dounàvoun la vesiò, la counfliàn e jouessian ou baloun avée la vesió dou carin.

Non c’erano i palloni. Una volta il gioco del footbal non c’era e non c’erano palloni. Allora che cosa facevamo per divertirci? Quando ammazzavano il maiale all’inizio dell’inverno e, tutte le famiglie avevano un maiale, ci davano la vescica dell’animale. Noi la gonfiavamo e giocavamo a pallone.

LA PÀOUMA:

su in pía

dzigo dzago

bata bata le man

virolino

avée ina Man

in tsi

tòtso cor

èindzoen

tòsto tèřa torno toutsèla

sein

èindzoen

pařadî

LA PALLA

LA BÀMBOULA

LA BAMBOLA

Proenioun le tsàousës…prenioun le tsàousës dzo anouvrâ dla maře ou dla marèina, la groupàoun anout ansumó, aprée ipnhàvoun innoudin de stras an maniéřa de faře ina bocha fron anount anumó e aprée groupàvan sla bocha quié a peina dezòt e sla bocho lhe vezèt lou vizzo dla bàmboula. E ba dzot aprée talhàvoun la tsauza a in ampano vezèt la roba dla bàmboula.

Prendevamo le calze….Prendevamo una calza già usata della mamma o della nonna. La legavamo in alto e la riempivamo di stracci per fare le braccia: questa era la testa della bambola. Tagliavamo sotto la calza per fare il, vestito della bambola.

BOUTSOET

RIALZO

Su carque peclo… Canque éřan pëtsoet nouzàoutri juessian a boutsoet. I eře in juva qu’eřian catr o sinc ansèn. Couentiian: iun l a restave fořa. Poe nou bitian d’acòrde que su in certi post o su carque peclo o su in pousilhoun o tacâ ina porta ce piian pa toutsèlo per modo de diře coume fuse ina resèrva. Canque l ou scapave d’iquié se ce qu’ou l’eře fořa ou doevet toutsèlo e diře boutsoet. Alouřa toutsave a se iquié faře lou travalh qu’avet fet doevan l’aoutro.

Su qualche pietra…. Quando eravamo piccoli giocavamo a “boutsoet”. Giocavamo in quattro o cinque. Facevamo la conta e uno restava fuori. Poi ci mettevamo d’accordo che se ci mettevamo su certi posti non potevano prenderci. I posti potevano essere una pietra, un pezzo di legno, la soglia di una porta. Quando si scappava e non ci si metteva in uno di questi posti si poteva essere presi. Chi veniva preso doveva lui rincorrere gli altri.

BATALHA AVLÉ LE POUMOÉS

BATTAGLIA CON LE MELE

Aulé le poumoes prioes. Vezian ina batalha avlé le poumoes prioes que arestave d’autoun canque iéře dzo pasâ arbaté ël poumoes. Nou dividian in dùvës ascuàdrës e vezian de batàlhës avée de poumoes priaes e sernian anque le poumoes fran les pi bèlës prioés, que canque t arivàvoun sou lou moro vezioun in bèla patachâc, t’ampiastràvoun ben ben. La batalha le livrave canque carcun bitav a plouřée perqué lh avèt tsapave ina poumó din in ouélh ou din carque àoutro post que vezèt pa pleizî.

Con le mele marce. Facevamo la battaglia delle mele con le mele marce che rimanevano in autunno dopo la raccolta. Ci dividevamo in due squadre: sceglievamo le mele più marce. Quando queste mele ti arrivavano in faccia facevano pataciac e ti sporcavano ben bene. La battaglia terminava quando qualcuno si metteva a piangere perché si era preso una mela in un occhio o in qualche altro posto.

A CA PERTOU

CORSA INTORNO AD UNA CASA

Intort a na meizoun. Lh eře juva quel h an ben trouvâ de viřée intort a na meizoun o doué tre meizoun. Iun ou partet a la drèita e iun a l’eitsòta. Canque arivian d’icé qu’aian partî, lou co d’aprée veizián la coursa a l’incountrari; ce qu’ou ganhave ou l’avèt ganhâ e se ganhián pa.. l’ou meimo veizian doué tré col finque iun l’arivave a ganhé.

Intorno a una casa. Si doveva girare intorno ad una casa o a due tre cose. Uno partiva a destra e l’altro a sinistra. Quando ritornavano al punto di partenza, quello che era andato a destra andava a sinistra e quello che era andato a sinistra andava a destra. Vinceva chi arrivava primo tutte e due le volte. A volte occorrevano provare due o tre volte per vincere.

A COUÈIT O A TANA

A NASCONDINO

Founte pâ veitée…juessian a tana o a cousi. Vizia la coueinta se ce qu’ou toutsave ité de zot. Founte bitèse tacâ ina muřaia ité de zot pâ veitée, sarée bh ouìl a coucintée fin-a troenta. Aprée ou alav tsertsée lhuib àoutris. Lou proemì qu’ou vaiet ou bralhave « tana » aprée lou noum de se qu’ou l’avét vi presempi Massimino. Aprée doevet tourné de coursa a toutsé tana ce qu’ou l’avet coueintá, a tornava bralhé tana a sen iquié. E sen iquié l’ou cour dapré toutsave pi loué bitèse iquié a coueinté fina a troenta e alée tsertsée lh àoutris.

Non si deve vedere… giocavamo a nascondino. Facevamo la conta per vedere chi doveva contare. Quello che stava sotto si metteva appoggiato ad un muro per non vedere, chiudeva gli occhi e contava fino a trenta. Dopo gridava “tana” e andava a cercare quelli che si erano nascosti. Quando ne vedeva uno gridava “tana” e poi diceva anche il suo nome. Poi doveva tornare di corsa a toccare il luogo dove aveva contato e a gridare “tana”. Quello che era stato scoperto doveva mettersi a contare e a cercare gli altri.

LA BAŘUSÈLA

LA SCIVOLATA

Nos tsapian l’ande… Aiàn co d ascaepoun avée li clou dezòt. Iéře coume fuse ina ptsita pîta, ma feta lardza coume le sòles di tsousíe. Alouře nos tsapion l’ande avée in pìe doeval e àoutro dařìe, alian loun catro ou sin mètre ou tré mètre a secoundo.

Prendevamo la rincorsa … Avevamo gli scarponi con i chiodi sotto. Era una piccola pista ghiacciata come le suole delle scarpe. Ci davamo la spinta e scivolavamo con un piede davanti e uno dietro anche per tre quattro metri.

DELÌVEŘA

GUARDIE E LADRI

Nh avet iun qu’ou menave lou juva. I avèt ina scouadra de set ou iuet bocha que juàvoun e nh avèt iun qu’ou menave lou juva avée iun ou doué que lh’eidàvoun per menée lou juva per alée chapée lh’aoutris. Canque lh arivàvoun a toutsène iun se ce qu’ou l’eře toutsâ ou dévèt intrée din lou post pu’aioun stabilì de bitè li ladri. E liz acouchounàvoun tot iquié. Iun ou vezèt da gouàrdia iquié ou tsartsàive de pa leisée que lh’àoutris que jouàvoun ëncol ou venis e e ou toutsise carcun que éřoun ndin sa post iquié peř liberèlis e so iquié i damandave delìbera.

Ce n’era uno che guidava il gioco. C’era una squadra di sette o otto ragazzini che giocava. Ce n’era uno che guidava il gioco con due o tre che l’aiutavano. Il gioco consisteva nel prendere i compagni i ladri. Quando un bambino veniva toccato doveva entrare in un posto che si era stabilito prima. Tutti quelli che venivano toccati dalle guardie dovevano andare in quel posto. C’era un ragazzo che faceva da guardia e non li lasciava scappare. I ladri cercavano di liberare i ragazzi prigionieri toccandoli.

CAVALINA LUNGA

CAVALLINA LUNGA

Te cedes, te cedes?”. Juessen asée a cavalina lunga. Nou dividien e…butoen catro per part e se toutsavo ité de zòt lou poemì ou butave dret tacâ ina muràia avée le man ancrouèizâ an maniéřa que se ce qu’ou z bitav de zòt ou bitave la tèta su. Aprèe z bitave bâ bouchoun e si darìe avlè man s’ancroueizavoùn tacâ li pìa de se devan e finque i nh avèt tre catro an fila. Si qui doevioun pi alâ su doevioun tsapé l’ande pouzée le man su lou querpioun dou dařìe e souté pi amoun qui piioun fin qu’iéřoun pi issû. Se isé ba de zot ceizioun, touchav tournâ a loû bitèse de zot. Ënvece se cezioun pâ e se iquié iéřan su toutsàvoun li pía ba perquié toutsave a loû alée ba de zòt. Alouřa si su damandàvoun deloun a si ba de zot : « Te cédës, te cédës ? ». se cedioun pâ itàvoun fin que carqun cedèt.

Cedi, cedi?” giocavamo anche a cavallina lunga. Ci dividevamo: quattro per parte. Se si era sotto il primo giocatore si metteva dritto, appoggiato ad un muro con le mani intrecciate di modo che il secondo potesse appoggiare la testa sulle sue mani. Il terzo giocatore si piegava anche lui e si teneva ai piedi del secondo. Si mettevano in tre o quattro. Quelli che dovevano saltare sui compagni, dovevano prendere la rincorsa, appoggiare le mani sulla schiena dei compagni e saltare più su che si poteva. Se quelli di sotto cedevano, toccava nuovamente a loro mettersi sotto. Se invece non cedevano e quelli di sopra toccavano per terra con i piedi, toccava a loro stare sotto. Allora quelli di sopra dicevano: “Cedi? Cedi?”. Se non cedevano aspettavano fino a che qualcuno cedeva.

JUESSIAN ASÉE…

GIOCAVAMO ANCHE…

La clotsa

A pitoun

Man tsàouda

Cavalina corta

Pourtèse a tatigale

Faře faře la tsartò

JUVE AVÉC LOU MARTIN SORTAELA LA DZALINÓ VOLA

LOU MARTIN SORTA

Martinj sorta lhè na poetsita bestiolina lhè vezet de petsoet petsoet quichoun de tera fin-a fin-a. nouz àoutris canque iéřan bocha ce lou deicoumensian gavèie in bloec de sa sabla iquié e dizian : « Martin sorta, ie l’eiva grosa grosa dvan ta porta…. ». Fin que arivava a trouvé sta bestiolina quié e l’ascapave vié.

Il martin sorta è un piccolo insetto (è la cantaride). Fa dei piccoli mucchietti di terra molto fine. Noi quando eravamo piccoli cominciavamo a togliere un po’ di questa terra con un dito e dicevamo: “Martin sorta c’è l’acqua alta vicino alla tua porta”. Toglievamo la terra finché non trovavamo questa bestiolina che scappava via.

LA DZALINÓ VOLA

LA COCCINELLA

Dzalinó, dzalinó vola toun paře ou l’et alá a l’eicole, ta maře lh’èt alá a Sein Jû (a Souiza) tsertsoeté ina verdzó de sombû foteté soec soec sou lou cû.

La dzalinó vola partét dal palm dla man, ie pouiave anòu atrouplan atrouplan fin-a la poueinta di dèi. Canque ie ařivave sla poueinta di dèï lhè trouvave lou voueit e alouřa lhe tsapave lou vol.

Coccinella coccinella vola tuo padre è andato a San Giusto cerca un rametto di sambuco e battiti forte e forte il sedere.

La coccinella partiva dal palmo della mano, saliva verso la punta delle dita e quando trovava il vuoto volava.

LA RÀOUNA

LA RAGANELLA

Se nouvrave per faře rabel. La raouna iere fèt esprée per sounée per faře de rabel. Se nouvrave per faře in bloc de bacan lou dzort dou didzoi sein canque rapresentave la mort de Notrou Sinhoú e alouřa tot la boutsalha lhe vezètb de bacan per imité li joudei d’in col.

Si usava per fare baccano. La raganella è uno strumento in legno fatto apposta per suonare, per fare molto rumore. Si usava il giovedì santo quando si rappresentava la morte di Nostro Signore. Allora tutta la marmaglia faceva baccano per imitare i guiudei.

JUVE AVÉE LE MAN

GIOCHI CON LE MANI

Pesiva veniva la fava la griva. Pisé daré lou flus, canèla viřèla d’antort l’eicuèla dedìn e de fořa.

Panpinhoet

Qui que soen ?

L’artsanouìva

Qui qu’eilo din ?

De pan e de vin

Qui o bitavo ?

Paře e maře

Qui o matsavo?

Lou tsin e lou tsat

Bataia, bataia, bataia!

Lh’eře in juve di pëtsoet. Bitián le duì man dre lou querpioun. Aprée dedin ina man caciàn ina cařamèla ou in sordo, carcaroen. Aprée li bitián ce doevan e vezian viřé le duí man e dezian a lou cambrada qu’ou l’et doevan : « Calavin, calavost, c’a l’e qu’ël toué c’a l’e qu’ou mè. Se lou l’andouvinave, lou prenèt sëcé que avioun din la man e toutsave pi a loué a faře soun iquié, s’ou l’andouvinav pa tournave me a faře calavin calavost.

Era un gioco dei piccoli. Mettevamo le due mani dietro la schiena. In una mano avevamo nascosto una caramella, una moneta, qualcosa. Dopo, rimettavamo le mani davanti al compagno, le facevamo girare e dicevamo: “Calavin calavost, quale è il mio, quale è il tuo?”. Se il compagno indovinava, prendeva quello che avevamo nascosto nella mano e toccava a lui fare calavin calavost. Se non indovinava ripeteva il gioco che lo aveva iniziato.