Portal d’Occitània    Premio Ostana - Scritture in lingua madre

invia mail   print document in pdf format

Edizione 2015

Premio Speciale: Jun Tiburcio Perez Gonzales

Xlatamat jun / La vida del colibrì

"Premio Ostana Scritture in Lingua Madre" edizione 2015

Premio Speciale: Jun Tiburcio Perez Gonzales
italiano

Jun Tiburcio è un artista-poeta messicano che si esprime nell’antica lingua Tutunakú, totonac in spagnolo. Il suo nome in tutunakú significa colibrì, uccello sacro nella regione messicana del Totonacapan, situata a nord dello Stato di Veracruz, Messico. Jun nasce nel 1959 a Chumatlán, in montagna, registrato con il nome spagnolo di Tiburcio Perez Gonzalez, ha trascorso la sua infanzia in montagna felice accanto ai suoi genitori che si dedicavano al campo e all’agricoltura. Ha studiato a Chumatlán Township, la scuola secondaria a Núñez e ha finito gli studi presso l’Università Pedagogica Nazionale in Papantla, Veracruz. Ha insegnato formazione indigena nella scuola di Coxquihui, Veracruz. Jun è un artista versatile: pittore, ricamatore, scultore di terra, artista di installazioni in arte visiva, scrittore, poeta in lingua indigena tutunakú. Ha esposto le sue opere in Messico, Canada, Francia, Spagna, Venezuela, Washington, Australia e Nuova Zelanda. Ha fatto recital tutunakú in molte parti del mondo, è l’ambasciatore della lingua tutunakú, oltre a dare lezioni sulla cultura nel Totonacapan. È stato fondatore e consulente artistico del Festival culturale di Cumbre Tajin Papantla, nello stato di Veracruz. La sua personalità è riassunta in una semplice espressione: l’arte di essere tutunakú, essere un creatore tra i tutunakú.


Le ali del Colibrì (Xpakgan jun)

Prepara le tue ali da colibrì,

vola come lui.

Vola!... Che nessuno possa raggiungerti.

Vola senza fermarti.

Ali di colibrì,

ali di uragano,

ali di luce.

Ali del tempo!

Vola da solo 

o in compagnia,

però vola,

non smettere di volare.

La vita è un volo costante.

Se smettessi di volare un giorno

tutto si spegnerà,

e allora saprai che cos’è il riposo.

Ali di colibrì,

ali di uragano,

ali di luce.

Ali del tempo!

“Non uccidere il colibrì, ti colpirà un fulmine”,

così dicono i tutunakú.

Il nostro dovere è prendercene cura,

perché mai finisca.

Così si insegna il rispetto per la natura.



Spirito (Limakgatliwaga)

Gli alberi sono pieni di:

acqua,

ossigeno, 

fiori, 

frutti,

e nidi:

Ma tu sei pieno di:

spirito,

forza, 

amore,

intelligenza

e bontà.



La parola del cuore (Paks tanujni akinin)

Fa’ valere la tua parola

a cui nessun altro darebbe valore,

se non noi stessi.

Scrivi nella tua lingua,

studiala,

parlala,

ascoltala.

Dischiudi la tua saggezza,

amati,

rispettati,

onora te stesso.

Così aumenterai la fiducia in te.

Quando vedi sul ramo di un albero

un nido di colibrì, non tirarlo giù,

non toccarlo,

non rompere le sue uova;

dagli rispetto,

perché esso lavora per la natura.

Amalo.

Quando vedi un colibrì volare, pensa che tu

pure puoi volare con la tua intelligenza studiata;

ti porterà lontano, fin dove tu vorrai arrivare.



La bellezza (Snun tlan)

Costruisci la bellezza 

dentro al tuo corpo

perché essa finisce.

Abbellisci la tua mente

di saggezza,

Adorna il tuo cuore

di dolcezza

e la tua condotta vestila

d’amore prima di tutto

Così come sei,

sei bello.



Cosciente (Akstalanka)

Vivi cosciente

il tempo che ti è dato di vivere

affinché tu muoia cosciente

il giorno in cui ti tocca morire;

fatti condurre solo dalla bontà

così illuminerai tutti con la tua vita.

Ovunque ci abbiamo mandato a vivere, va bene,

ci hanno mandato per fare il bene,

non siamo stati mandati per fare il male,

Prima di tutto devi amare te stesso

affinché tu possa amare gli altri.


Poesie tratte da “Xlatamat jun / La vida del colibrì” 

Ed. Centro de las artas indigenas

TESTO Tutunakú

Xpakgan jun

Kamakaxti minpakgan xla jun 

chu kakgosti lama jun.

Kakgosti… niti kamakgalakgchan

Kakgosti nikatachokgo.

Xpakga jun

xpakga uxi’alh

xpakga xkgakgatat

xpakga kakilhtamaku

Mikstu kakgosti

a chi wi tiku tapina

waka kakgosti

nikamakgxtakgti milikgosni.

Kilatamatkan ankgalhin koslawaka

namin kilhtamaku ni’alh katikgosti.

Axni chi lawaj namixa

akxniku nakatsya nikula jaxkan.

Xpakgan jun

xpakgan uxi’ax

xpakgan xkgakgatat

xpakgan kakilhtamaku.

Ni namakgniya jun, janasnokgan jili!

chunawankgoy litutunakkú.

Kilimakgtakgalhatkan

xlakta ni nasputa.

Chuna tama limasiyukan xtakaknit katuxawat.



Limakgatliwaga

Laklanka kiwi litsamakgoy:

chucut,

lijaxan,

xanat

xtawakat

chu masakga.

Wata wix litsamaya:

limakgatliwakga,

litliwakga,

tapaxkin,

liskgalala

chu lanka litlan.



Paks tanujni akinin

Nilakxtum anan jun

Lama tipalhuwa nak kakiltamaku.

Nahuna akinin nilakxtum,

wi tiku chalman, tiku lhmomokgo,

smalala, kgats xakgon, 

akxkulaka, lakgastarankga, akxkuyutwa,

smalala.

Wata ni kalipuwanti nikuntla wix,

chuna kapaxuwa lata makatankanita

tlanka kamakglhkatsikanti.

Akxni na’akxilha kxpakgan kiwi

Xmasakga jun, ni namaktiya

Chu ni naxamaya,

ni nalakgpakglhniya xkgalhwat,

kamaxki kakni

wa xla xlalskujni katuxawat

kalakgkatsanti.

Akxni na akxilha kgoslawaka,kalakapastkti pi, wix natlan

nalikgosa miliskgala, nikuma likgalhtawakganita, 

nalinan makgat lata niku chipinputuna. 



Snun tlan

Kakaxyawa milistlan 

nak minpulakni

xpalakta sputma.

Miliskgalala

kalimatlani mi’akskitit,

lanka milikaknit

kalimalhakgani minaku,

lata tlan kinkalitakatsiya

lilhakgananit mintapaxkin.

Lata nikula wix,

chu snun tlan.



Akstalanka

Akstalanka kalatapa

niku lapat kgalhiyaku kilhtamaku

xlakata akstalanka naniya

akxni nalakgchaman linin,

man tanks kalakgchuwan litlan

chuna nakamalakgchuwiya tiku talapakgo.

Anta niku kinkamalamanikan tlan,

kinkalimakaminkanitan natlawayaw tuku tlan,

niwa liminitaw natlawayaw tuku nitlan.

Pulh napaxkikana mikstu, 

xlakata tlan nakapaxkiya amakgapitsin.