Enti in rete L.482/99   

Eventi e iniziative del territorio

Esopo insegna la grammatica e Testimonianze di cultura francoprovenzale

Esopo ou moustret la gramatica é Testimouniënsi ëd coultura Francoprouvensal

In rete i Comuni delle Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone in una ricca estate di proposte

Esopo insegna la grammatica e Testimonianze di cultura francoprovenzale
italiano

Ecco tornare in questa lunga estate il corso di lingua francoprovenzale. Grazie alle numerose richieste da parte del pubblico, lo Sportello Linguistico Francoprovenzale dell’Unione Montana di Comuni delle Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone, organizzate dall’Associazione “Chambra d’Óc/Tsambra Francoprovensal”, nell’ambito delle azioni a tutela della minoranza linguistica storica francoprovenzale L. 482/99, coordinate dalla Regione Piemonte., realizzerà il corso di primo livello: ideato per quanti lavorano nella pubblica amministrazione, sarà aperto a tutta la popolazione interessata, turisti compresi. Il titolo del corso è “EZOPO OU MOUSTRËT LA GRAMATICA ËNSËMBIOU ËMPAREN A LEZRI É SCRIRI OGNIDUN A SOUA MODA”: attraverso le fiabe si esplora la lingua francoprovenzale con la sua storia e utilizzo sul territorio per valorizzarla e adeguarla alle esigenze del nostro tempo. Si propongono 9 lezioni da due ore con Teresa Geninatti Chiolero

Le novità di questa edizione sono numerose: innanzi tutto si userà come testo non un libro di grammatica, ma un libro di fiabe. L’idea è quindi quella di ricorrere ad uno strumento non convenzionale per veicolare concetti altrimenti potenzialmente “noiosi”

Lo Sportello Linguistico ha perciò elaborato il libro dal titolo “La Voueulp é lou chin...é aoutrë countë”: Teresa Geninatti Chiolero ha tradotto in francoprovenzale una decina di favole esopiche, illustrandole con disegni originali.

Tra le numerosissime favole esopiche tra le quali scegliere, si sono preferite quelle che in traduzione presentassero maggior interesse da un punto di vista linguistico (per l’uso di espressioni idiomatiche) o da un punto di vista grammaticale, puntando così sull’aspetto anche didattico dell’opera.

Il corso sarà fruibile in via frontale partecipando alle serate con il seguente calendario: Presso la Sala Consiliare Comune di Ala di Stura • Venerdì 7 luglio 2017 - ore 21.00/23.00 Il leone e il topo: attraverso la fiaba si impara un pò di storia e un pò di geografia delle parlate. francoprovenzali. • Venerdì 14 luglio 2017 - ore 21.00/23.00 La cicala e la formica: come scrivere in francoprovenzale? Il maschile e il femminile. • Domenica 16 luglio 2017 - ore 21.00/23.00 La volpe e l’uva: ovvero gli articoli. Il maschile e il femminile dei nomi. • Venerdì 21 luglio 2017 - ore 21.00/23.00 Il leone e il cinghiale: ovvero gli aggettivi. • Domenica 23 luglio 2017 - ore 21.00/23.00 L’asino, la volpe e il leone: ovvero i pronomi. • Giovedì 19 ottobre 2017 - ore 13.50/16.20 La cornacchia e la brocca: ovvero le preposizioni. • Venerdì 20 ottobre 2017 - ore 13.50/16.20 Il lupo e il pastore: ovvero gli avverbi. • Giovedì 26 ottobre 2017 - ore 13.50/16.20 La lepre e la tartaruga: ovvero i verbi (prima parte) • Venerdì 27 ottobre 2017 - ore 13.50/16.20 La volpe con la pancia piena: ovvero i verbi (seconda parte).

Per quanti non potessero partecipare o per quanti volessero integrare, c’è la possibilità di seguire il corso anche on-line sia sulla piattaforma predisposta sul sito www.chambradoc.it , sia sulla pagina facebook francoprovenzale http://www.facebook.com/TsambraFrancoprovensal/ nella quale saranno riportate le favole, ciascuna letta in francoprovenzale, così da garantire la possibilità di ascoltare la pronuncia ed esercitarsi nel riprodurla.

Una parte importante della proposta estiva riguarda la promozione della lingua che avviene attraverso le “Testimonianze della cultura francoprovenzale per dialogare e restituire al territorio”. Si tratta di attività organizzate secondo un calendario itinerante che propone tre differenti film e che vede come principale protagonista “Lou soun amis - Il suono amico. Una tradizione musicale delle Alpi occidentali, Valli di Lanzo (TO)”, documentario realizzato da Flavio Giacchero e Luca Percivalle. Il film ripropone la “memoria musicale polifonica” veicolata nel tempo mediante la creazione di momenti di convivialità e coesione sociale. Un modo autentico e riconosciuto per sentirsi parte di una dimensione armoniosa all’interno della collettività.

Altri due viaggi antropologici ed etnografici saranno proposti nelle valli attraverso il mezzo documentario filmico. I milanesi Michele Cavenago e Romana Barbui dell'Associazione “Lo stivale che balla”, studiosi della documentazione e diffusione della danza tradizionale, proporranno “Valli di Lanzo: la danza viva-Viva la danza!”, filmato relativo a situazioni ancora vissute durante feste e rituali tradizionali, in occasioni appositamente ricostruite e intervistando testimoni significativi delle realtà indagate.

Andrea Fantino, antropologo culturale, fotografo e filmaker, presenterà “Courenta dentro”, reportage realizzato andando ad individuare le numerose varianti valligiane dei danzatori di courénda, ballo tradizionale delle valli.

Si può vedere “Lou soun amis - Il suono amico Una tradizione musicale delle Alpi occidentali, Valli di Lanzo ” • 04/06/17 - ore 21.00: GERMAGNANO, Capannone alpini • 24/06/17 - ore 21.00: ALA DI STURA, Polivalente Palafrascà, p.zza Centrale • 01/07/17 - ore 21.00: PESSINETTO, Fraz.Mombresto, sede amici di Mombresto • 22/07/17 - ore 21.00: BALME, Ristorante “Les Montagnards” • 28/07/17 - ore 21.00: CHIALAMBERTO, Salone Parrocchiale • 05/08/17 - ore 21.00: COASSOLO TORINESE, Padiglione comunale • 06/08/17 - ore 21.00: CERES, P.zza del Municipio • 26/08/17 - ore 21.00: TRAVES, Tendone Proloco • 16/09/17 - ore 21.00: CORIO, Comune, Sala Consiliare.

Invece per assistere a“La danza viva. Viva la danza” • 29/07/17 - ore 21.00: MONASTERO DI LANZO, presso il Piazzale della Cappella • 19/08/17 - ore 21.00: CANTOIRA, presso il Salone comunale.

Come si può notare il programma della promozione linguistica 2017, iniziato a maggio con CourentaMai, è bello ricco e si concluderà il 9 dicembre al Castello Francesetti di Mezzenile con la giornata del Francoprovenzale.

Vi aspettiamo numerosi. Buona estate nelle nostre Valli.

franco-provenzale

Ëncoù ën vì, ou tournount, ënt ësta loungi istà, li coueurs ëd lenga francoprouvensal. Grasië al noumerouzë presioun doou public, lë Spourtel Lingouistic Francoprouvensal ëd l’UniounMountana ëd Coumun ëd lë Valadë ëd Leun, Cheronda é Casternoun, ën coulabourasioun avé l’Asochasioun “Chambra d’Óc/Tsambra Francoprovenal”, ënt l’ambito dl’asioun a toutela ëd la minourënsi lingouistica francoprouvensal L. 482/99, coouridnaië dala Rjoun Piemount, ou fait lou coueurs ëd prum livel: creà për si cou travaiount për la publica aministrasioun, ou i ëst ëd cò duert a touta la poupoulasioun ënteresaia, ëd co li tourist. Lou titoul doou coueurs ou i ëst “EZOPO OU MOUSTRËT LA GRAMATICA ËNSËMBIOU ËMPAREN A LEZRI É SCRIRI OGNIDUN A SOUA MODA”: atravers ël countë ès counheit la leng francoprouvensal a to la soua storia é lou soun outilizi soou teritori për vëlourizala é druala ënt ël neuvë ezigensi doou nostrou ten. Ou s’ font 9 lesioun da douë eurë anhiduna avé Teresa Geninatti Chiolero.

Ël neuvë ëd st’edisioun ou sount noumerouzë; pruma ëd tout ou s’ drëvët coume liber nhint ‘na gramatica, ma ën libër ëd countë. L’aideia è iëst ëd druvà n’estrumënt nhint counvensiounal për fa pasà counchet poutensialmënt nouieous.

Lë Spourtel Lingouistic ha di fati creà lou libër daou titoul “La voueurl é lou chin....é aoutrë countë”: Teresa Geninatti è i eu fait la tradusioun ën francoprouvensal ëd ‘na dezeina ëd faoulë ezopiquë, fazënt ëd cò li dizeunh ën ouriginal.

Tra ël oumërouze countë da serni, ou sount istaië preferië sëllë que ën tradousioun ou sount più ënteresant për la lenga (për ërz ëspresioun idiomatiquë) o për la gramatica, pountant ëd co su l’aspet didatic doou libër.

Ès peut frecouentà lou coueur frountal ënt ël seirë doou divendrou é dimingi da li 7 a li 23 ëd lui da lë 8.30 ëd seira ënt la sala doou Couseui doou Coumun d’Ala.

Për si cou peuvoun nhint përtechipà, è i eu la pousibilità ed fa lou coueurs ëd cò on-line sia su la pitafoueurma ëd “Chambra d’Óc” ënt l’espasi apouzitamënt creà, sia su la pagina facebook francoprouvensal http://www.facebook.com/TsambraFrancoprovensal/ ou vinhount ërpourtaië ël countë, onhiduna lezua ën francoprouvensal, parei da guërantì la pousibilità ëd scoutà la prounounsi é ezerchitasë a prouà a ripetri.

Na part empourtanta ëd la prouposta për l’istà è i ëst për la proumousioun ëd la lenga atravers ërz “Testimouniënsi dla coultura francoprouvensal për dialougà é restitouì aou teriteri”. Ès tratët d’atività ourganizaië secound ën quëlendari itinerant cou proupount trai divers fil é ouveit coume princhipal proutagounista “Lou soun amis-Il souno amico. Una tradizione musicale delle Alpi occidentali, Valli di Lanzo (TO) ” documentari realizà da Flavio Giacchero é Luca Percivalle. Lou film ou fait vè la “memoria musicale polifonica” veicoulaia ënt ‘oou ten da grasië a la creasioun ëd moumënt ëd counvivialità é agregasioun souchal. ‘Na maneri vera për sintise part ëd ‘na dimensioun armouniouza dëdin a la coumunità.

Aoutri dui viajou antropologic é etnografic ou soun proupost ënt ël valadë atravers lou fil documentari. Li milaneis Michele Cavenago é Romana Barbui dl’Asochasioun “Lo stivale che balla”, studious dla documentasioun é difouzioun doou bal trëdisiounal, ou portount “VallidiLanzo: la danza viva-Viva la danza!”, film cou moustrët sitouasioun ëncoù vivuë ënt ël festë é ritoual trëdisiounal, ën oucazioun apouzitamënt ricostruì é intervistant testimoun sinhificatiou ëd lë realtà studiaië.

Andrea Fantino, antropologo coultural, fotografo, filmaker, ou prezentët “Courenta dentroW, reportage realizà grasië a l’individouasioun ëd lë noumerouzë variant valijanë ëd li balerin ëd courenda, bal trëdisiounal ëd lë valadë.

Coume ès peut vè lou prougrama dla proumousioun lingouistica2017 ëncaminà a mai a to CourentaMai ou i ëst be’ ric é ou fineit a gezembër aou Quëstel Francesetti a to la “Journà doou Francoprouvensal”.

Vou speten noumerous. Bouna istà ënt ël nostrë Valadë.