Suite di due corrente tradizionali della Valle di Viù tratte dal nostro primo disco: Enfestar (2014).

Alcune strofette tradizionalmente cantate in Valle di Viù su melodia di corrente. Bozzetti ironici di quotidianità in cui emerge lo spirito ludico delle valli con qualche traccia della cultura magica arcaica. La località citata nel testo, Pian Poumé, è infatti nota come uno dei luoghi in cui ballavano le masque. Abbiamo voluto inserire questa registrazione in quanto Pian Poumé si trova nel territorio di Lemie, sede dell'esposizione.

Ël fasìnnë ‘d l'an pasà, sì ca soun socchi, sì ca soun socchi;

ël fasìnnë ‘d l’an pasà, sì ca soun socchi é stajounà.

Dili cou venhou, dili cou venhou, dili cou venhou a Pian Poumé;

Vachë da grìa, vachë da grìa é li chin cou bourou dré.

Ohi Maròina quë joi ca fazé, un qui alàvë, un qui alàvë;

Ohi Maròina quë joi ca fazé, un qui alàvë é l'àoutou ou viné.

Dili cou venhou, dili cou venhou, dili cou venhou a Pian Poumé;

Vachë da grìa, vachë da grìa é li chin cou bourou dré.

LE FASCINE

Le fascine dell'anno scorso, sì che sono secche... e stagionate.

Digli che vengano... a Pian Poumé / vacche da sistemare (pulire e sfamare)... e i cani che corrono abbaiando dietro.

Ohi madrina che piacere faceva, uno che andava... e l'altro veniva.