Enti in rete L.482/99   

Poesie e musica - Masino Anghilante

Baïa di Sampeire 1977

Baïa de Sant Peire 1977

Processo al tesoriere - di Masino Anghilante

Baïa di Sampeire 1977
italiano

Baïa di Sampeire 1977

Accusa per il tesoriere Livio Bernardi

E stato catturato, dai nostri Isoarts lassù sul colle dell’Agnello, mentre cercava di scappare in Francia con il tesoro della nostra Baïa: - Cos’hai li nel tuo sacco, le tue borse, le tue valigette?-
Gli hanno chiesto i nostri soldati.
-Dei chiodini- gli ha risposto quel briccone.
Ma, aprendo, hanno trovato dentro tutti i nostri soldi e altro ancora!
Tutti quanti i bei miliardi che all’estero son condotti...telegramma a Andreotti:
-L’abbiamo preso e imprigionato, si tratta di Livio Bernardi.
L’imputato qui presente a fatto togliere quasi tutti i bei piloni del Comune e i vecchi viottoli e mulattiere, per perdere la tangente dagli impresari costruttori. Perciò egli ce l’ha a morte con Sandrin Fina che ha composto la poesia “I piloni tremano” e prova astio anche per il nostro vicario che ha già presentato svariati esposti alla Curia, al Comune, alla Provincia, alla Regione e a Roma, contro questo abuso di togliere i piloni, che offende le tradizioni religiose, la devozione e la vera fede dei nostri avi.

Difesa del tesoriere Lino Bernardi
L’avvocato accusatore ha anche parlato male della nostra lingua, del nostro bel “patuà”.
Ebbene, io lo grido bene a tutti che io, tutti gli Alums e tutti i personaggi di questa graniosa Baïa, siamo orgogliosi e fieri di parlare a nòsta mòda, come i nostri avi ed è per questo che abbiamo voluto il processo scritto e letto nella nostra bella lingua.
Madri! che siete qui ad ascoltarmi, non vergognatevi mai di parlare ed insegnare ai vostri figli la lingua che avete appreso dalle vostre madri, la lingua che avete succhiato dal seno insieme al latte che vi donavano. Ah beh, già!... Lo so che oggi non è più abiudine di allattare i bambini perché le tette sono fuori moda...Ai! Come era belo e piacevole una volta, e prosperosi quei due bei seni!... Io di ciò me ne inteno!
Ma lasciamo perdere...Volevo solo dirvi che tra una cucchiaiata e l’altra, di quella bradaglia, o mangime che ora gli date, itegli delle parole dolci a nòsta mòda; altro che parole inglesi! Noi abbiamo parole ancora più belle e armoniose come: foiòt, trossa, caçul, raminòt, lindal, escarlins, charamalha, fagòt, bros, martelaoira, sonalha, lo dalh, lentias, rabòt, fasòls, brons, lieas, saraç, lïaças, tortoròts (paiolo in terracotta, fagotto di fieno, mestolo, pentolino, soglia, campanelli, nevica, fagotto, formaggio fermentato, batti falce, campanaccio, falce, lenticchie, pialletto, fagioli, paiolo, slitta, ricotta, stringa, tortore) e mille, mille altre.
I nostri avi parlavano la nostra stessa lingua ovunque, perché è un parlare umano, armonioso che portava a vivere onestamente, in buoni rapporti con tutti e a vivere in un modo sano e pacifica.
Voi mi capite!
Guardate come si vive al giorno d’oggi!

occitan Acusa per lo tesorier Lino Bernardi

[…] L’ei ‘stat chapat, da i nòstri Isoarts amont sal còl de l’Anhèl, que cerchava d’ escapar-se en França bo lo tresòr de la nòstra Baïa: - Qu’as-tu aquí dins tiu sac, tias bersachas, tias valisetas? -
lhi an chamat lhi nòstri soldats.
- De broquetas - lhi respond lo farinèl.
Mas, durbent, an vist dedins tuchi lhi nòstri maranguins e, encà mai!
Tuchi quanti i bei miliardi che all’estero son condotti … telegrama a Andreotti:
- L’avem chapat e emprisonat, l’ei Lino Bernardi.
L’imputato aicí present a fach gavar ‘squasi tuchi lhi bèls pilons de la Comuna e lhi vielhs viòls e draias, per chapar la mancha da lhi empresaris constructors. Per aquò, ele l’a a mòrt bo Sandrin Fina que a componut la poesia “Lhi pilons tramòlen” e a decò rabia bo lo nòstre vicari que a já presentat svariati esposti a la Curia, a la Comuna, a la Provincia, a la Region e a Roma, contra aquest abús de gavar lhi pilons, que ofend las tradicions religiosas, la devocion e la vera fede di nòstri vielhs.

Defesa dal tesorier Lino Bernardi
L’avocat acusator a decò parlat mal de nòstra bèla lenga, dal nòstre bel “patuà”.
E ben, mi lo bramo fòrt an tuchi que mi, tuchi lhi amís Alums e tuchi lhi personatges d’aquesta grandiosa Baïa, sem orgolhós e fiers de parlar a nòstra mòda, a la mòda di nòstri vielhs e, l’ei per aquò que avem vorgut lo procés escrich e lesut ente nòstra bèla lenga.
Maire! que sietz aicí a escotar-me, vergonhatz-se jamai de parlar e mostrar ai vòstri pichòts la lenga qu’avetz emparaa das vòstras maires, la lenga qu’avetz tetaa ensema a lo lach que lor vos donaven. A ben, ja! … Lo sai pro que aüra la se costuma pas pus de far tetar lhi minats perqué las pupas son fòra mòda … Ai! Coma eren bels e plasent ‘n bòt, e prosperós aquilhi dui colombòts! … Mi d’aquò me n’entendo!
Mas laissem just pèrder … Voliu mesque dir-vos que entra na culharaa e l’autra, d’aquela papòcha, o mangim que aüra lhi donatz, disetz-ilh de paròlas dòuças a nòstra mòda; autre que paròlas anglesas! Nos n’avem de paròlas encà pus bèlas e armoniosas coma: foiòt, trossa, caçul, raminòt, lindal, escarlins, charamalha, fagòt, bros, martelaoira, sonalha, lo dalh, lentias, rabòt, fasòls, brons, lieas, saraç, lïaças, tortoròts e mila, mila autras.
Lhi nòstri vielhs parlaven nòstra lenga d’en pertot puerqué l’ei un parlar uman, armoniós que portava a víver onestament, d’acòrdi bo tuchi e a víver ente na maniera sana e polita.
Vos me capietz!-
Boucatz coma se viu encuei!

(Dal procés al tesorier de la Baïa de Sant Peire plaça, 1977, escrich da Masino Anghilante)