Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2014

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.135 Mai 2014

Premio Internazionale: Lance David Henson

In 68/At the military Cemetary Hamm/In gathering rain/And here is the same wind/Impressions of peyote

"Premio Ostana scritture in Lingua Madre" edizione 2014

Premio Internazionale: Lance David Henson
italiano

Lance David Henson nato a Washington, D. C. è Cheyenne, Oglala e Francese (da parte del padre Cajun). È stato allevato a Calumet, Oklahoma, dai suoi prozii, Bertha e Bob Cook, il quale era il custode del Primo Capitolo della Native American Church dell’Oklahoma.

Henson è headman nella confraternita dei Dog Soldiers Cheyenne, della Native American Church (la Chiesa del Peyote) e dell’American Indian Movement (AIM). In diverse occasioni ha partecipato alla Danza del Sole Cheyenne sia in veste di danzatore che di assistente.

Dopo il liceo, ha prestato il servizio di leva obbligatorio in Vietnam durante la guerra, nel corpo dei Marines. Laureato presso la University of Science and Arts dell’Oklahoma, ha conseguito un Master in scrittura creativa all’Università di Tulsa. Tiene laboratori di poesia in diverse università americane ed europee come visiting professor lavorando sia in America che in Europa. Docente di corsi integrativi presso l’Università di Vienna, e presso la Facoltà di Scienze della Formazione, Università di Udine dal 1999, è cofondatore, insieme al poeta e professore shawnee Barney Bush, della Università indigena “Red Winds College” in Arizona.

Ha pubblicato 32 raccolte di poesia, metà delle quali negli Stati Uniti ed il resto all’estero. Le sue poesie sono state tradotte in 23 lingue e le sue opere insegnate in 9 paesi. È il poeta nativo americano vivente più pubblicato e tradotto.

È coautore di due pièce teatrali, una delle quali, Winter Man, sul massacro di Sand Creek, è stata rappresentata con successo dalla compagnia La MaMa Experimental Theatre Company al teatro di Brooklyn. L’atra pièce teatrale, Coyote Road, è stata messa in scena a Versaille, Francia e in Papua, Nuova Guinea.

Nel 1993 Lance è stato conferenziere ufficiale degli USA a Singapore, in Tailanda, Nuova Guinea e Nuova Zelanda. Dal 1988 è rappresentante ufficiale della nazione Southern Cheyenne al Working Group of Indigenous Peoples dell’ONU a Ginevra. Per protesta contro le attività di persecuzione dei popoli indigeni, ha deciso di non pubblicare più le sue opere negli Stati Uniti.

Nel 1990 è stato insignito dai Partigiani italiani di una medaglia per sua dedizione alla causa della liberazione dei popoli.

Nel 2004 ha ricevuto da parte dell’University of Oklahoma The Hall of Fame Award, un riconoscimento per più di quarant’anni di impegno di vita come poeta e attivista nel campo dei diritti umani.

È stato Direttore artistico nel 2000 del tour poetico Words from the Edge, in Europa, che ha coinvolto alcuni poeti indigeni provenienti dalle aree più conflittuali del pianeta, a rischio di estinzione.

La seconda edizione di Words From the Edge si è tenuta nel maggio 2006 e ha visto la partecipazione di altre due poetesse native, Laura Tohi, Navajo and Kateri Akawenzi Damm, Anishnaabe, facendo tappa in varie città e Università italiane.


ANTOLOGIA LANCE DAVID HENSON

Nel ‘68

La luce del sole è andata dentro ai mille granelli di povere

in un povero albergo di Tijuana

il fumo delle vostre sigarette mi ha svegliato

pulsando attraverso la finestra mezza aperta

Non siete mai stati lì

Il sangue nella bottiglia di whiskey era il mio

Dopo anni possiedo ancora le parole che voi mi avevate dato

Grazie

Sono passato attraverso coloro che si sono persi

e ho trovato le vostre impronte

perfino sull’orlo

del nulla...

(poesia dedicata ai miei zii)

1 Agosto 2005

Icici, Croatia



Jack Whiteshield, mio zio, e Roy Larney

morirono nella battaglia di Cassarine

servendo il Generale George Pattons Tank Core.

Al cimitero militare di Hamm, Lussemburgo

In memoria di Jack Whiteshield e Roy Larney

In una lenta bufera di neve lo scorso dicembre

ho trovato le vostre tombe

Il bianco paesaggio

ondulava nello schiudersi della luce del sole

La neve scricchiolava sotto i nostri passi

Le ombre inclinate delle lapidi intessevano

un disegno di addio ansimante

Nella bellezza prego per voi

Nella pace poso questa sigaretta

in relazione con i miei cari

In un movimento circolare di vento saggio

io pronuncio i vostri nomi....



Nella pioggia che arriva

In memoria di Jack Whiteshield e Roy Larney

Qui nella pioggia che arriva

stanno gli incatenati alla paura

Perfino i loro volti li hanno abbandonati

Sembrano tutti uguali agli altri

Non si può descrivere il terrore con una parola

lo si può solo vedere in un volto

In un bar messicano un uomo con uno sporco completo bianco

ha detto queste cose ammirando le tue gambe

mentre sedeva davanti a un bicchiere di whiskey

in cui era scivolata la sua vita

Mi sono svegliato in un albergo

per la luce rossa intermittente attraverso la finestre

pulsante sul posacenere

a fianco al letto

le tue impronte nella polvere di falena

lì, fra le bottiglie e le ceneri del sigaro

Il vento fischia attraverso lo specchio

Un ricordo di Nuevo Laredo, The Hueb, Svizzera, 10 agosto 2005




E qui c’è lo stesso vento

E qui c’è lo stesso vento

Con le sue braccia spalancate in tutti i confini

attraverso le sue mani rotte

E qui c’è l’inverno in ritardo

Nei vari passaggi di questi giorni come mai prima d’ora

sentiamo l’unico nostro nome

ripetuto più e più volte

E qui c’è ciò che è strappato dal chiar di luna

seduto in un luogo freddo a guardarci

Cosa c’è qui da ricordare

che potrebbe cambiarci

Le porte si aprono e si chiudono

nei nostri sogni

nei nostri volti

E qui c’è…



Impressioni del peyote - canzone cheyenne

Maheo cammina in mezzo a noi

in un vento di saggezza del mondo

sogna

Profumo di acqua

il fumo sta girando

Cerco il tuo volto ....

Cacciatori di taglie

Li sento qui

si siedono sotto un cielo scuro

in attesa di un coyote o di un indiano

La notte mantiene il suo pugno negli occhi

La prateria ormai divenuta più scura

porta il suo cuore lontano ....

Stella del mattino

cosa vedi

Salvia rossa della sera

la libellula sta cantando


TESTO cheyenne


In 68


Sunlight moved inside the thousand specks of dust

In a cheap hotel in Tijuana

Your cigarette smoke awoke me

Pulsing toward the half opened window


You were never there


The blood on the whiskey bottle was mine


Years later I have still the words you gave me

Thank you


I have gone toward those who are lost

And found your footprints


Even at the edge

Of nothing…..


For my uncles

August 1, 2005

Icici, Croatia



...

Jack Whiteshield, my uncle, and Roy Larney

Served and died in the battle of Cassarine pass

Serving in Gen. George Pattons Tank Core.


At the military Cemetary Hamm, Luxembourg


For Jack Whiteshield and Roy Larney


In a slow snow storm last december

I found your graves


The white landscape

undulating in breaking sunlight


The crunching snow beneath our footsteps

The sloping shadows of headstones weaving a

breathless pattern of goodbye


In beauty I pray for you

In peace I place this cigarette

my relations


In a circling sage wind


I speak your names...



In gathering rain

For Jack Whiteshield and Roy Larney


Here in a gathering rain

are the ones chained to fear

even their faces have left them


So they look like everyone


One cannot write terror in a word

it can only be seen in a face


In a mexican bar a man in a dirty white suit

admiring your legs said these things

as he sat in front of a glass of whiskey


into which his life had fallen


I awoke to a red hotel light

blinking through the window


And pulsing on the ashtray

beside the bed


Your fingerprints in moth down

among the bottles and cigar ashes


Wind whistling through the mirror


A Nuevo Laredo memory, August 10, 2005, The Hueb, Switzerland



And here is the same wind


And here is the same wind

From across each border holding its hands open

Its hands that are broken


And here it is late winter

In the varied passages of these days as none before

We hear the one name for ourselves

Repeating over and over


And here what is torn out of the moonlight

Sits in a cold place watching us


What is there to be remembered

That could change us


The doors opening and closing

in our dreams

in our faces


And here....



Impressions of peyote - song cheyenne


Maheo walks among us

in a wind of sage the world

is dreaming


Scent of water

the smoke is circling


I am looking for your face....


Bounty hunters

I feel them out here

they sit under a dark sky

waiting for coyote or indian


Night holds its fist in their eyes


the prairie now grown darker

turns its heart away....



Morning star

what do you see


Red sage of evening

the dragon fly is singing.


Condividi