Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2014

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.140 Desembre 2014

Diritti linguistici: prefazione al libro di Valter Giuliano “Le ragioni di Babele”

Drechs linguístics: prefaccion al libre de Valter Giuliano “Le ragioni di Babele”

di Tullio de Mauro

Diritti linguistici: prefazione al libro di Valter Giuliano “Le ragioni di Babele”
italiano

Portiamo nella natura profonda della nostra specie la capacità linguistica, la capacità di capire gli altri e farci capire attraverso parole e frasi che abbiamo appreso da altri. Sta in questa umana attività verbale l’esigenza di un continuo adattamento dei mezzi di cui disponiamo nella comunità in cui siamo nati e ci troviamo. E l’adattamento, l’innovazione, per essere efficace deve avvenire “addentellando” (diceva Machiavelli) il nuovo al patrimonio esistente. Ciò non può avvenire altro che in funzione delle particolari condizioni di vita di ciascuna comunità umana. Il linguaggio stesso, nella universalità della sua natura, porta in sé il seme della differenza, d’una differenza permanente quanto il linguaggio stesso. Ci troviamo così a ereditare, noi umani di oggi, un immenso patrimonio di lingue diversificate tra loro.

Nei confronti del patrimonio idiomatico ereditario in una società che aspiri a essere democratica, che voglia rispettare se stessa e i singoli, ciò pone a chi ne è parte un compito unico, ma a due facce. Una faccia è garantire a tutti l’accesso e l’uso di una stessa lingua perché ci si intenda in ogni suo strato o area, in ogni sua piega e anfratto, garantendo inoltre l’accesso ad ancora altre lingue di ampia circolazione. L’altra faccia è, di nuovo, garantire a tutti la conservazione e l’uso di quegli idiomi nativi che vi siano e abbiano un ambito d’uso più ristretto. Non c’è difesa dei diritti linguistici umani che non sia assolvimento di questo duplice compito.

In molti paesi e anche in Italia la faccia rivolta alle lingue locali, dialetti o lingue di minoranza che siano, è stata a lungo negletta e perfino osteggiata dalle istituzioni. Dobbiamo alla migliore pedagogia linguistica, da Graziadio Ascoli a Giuseppe Lombardo Radice, se tuttavia anche alle lingue locali è stato concesso qualche spazio nella pratica didattica, mentre è stato lo spontaneo atteggiamento delle comunità locali di parlanti che ha salvaguardato la persistenza degli idiomi locali finché, nell’ultimo quarto del Novecento, scuola e istituzioni si sono finalmente aperte al riconoscimento della funzione e ricchezza delle lingue locali.

Non è stato un cammino facile far valere questa parte dei diritti linguistici e ancora il cammino presenta difficoltà. Valter Giuliano ha vissuto da partecipe e protagonista momenti diversi di questo cammino e ci offre qui una schietta testimonianza delle sue esperienze. E la testimonianza stessa aiuterà l’ulteriore cammino. Dobbiamo dunque accogliere con gratitudine queste pagine e la fatica che Giuliano ha messo nel comporle e darcele.



La ricchezza di Babele: politiche per la tutela delle minoranze linguistiche

occitan

Portem dins la natura profonda de nòstra espèç la capacitat linguística de comprene lhi autri e de nos far comprene a travèrs de paraulas e de frasas qu’avem emprés da lhi autri. Demora dins aquela umana activitat verbala l’exigença d’un contun adaptament di meians dont dispausem dins la comunitat ente sem naissuts e nos trobem. E l’adaptament, l’innovacion, per èsser eficaça deu avenir en “adentelant” (disia Macchiavelli) lo novèl al patrimòni existent. Aquò pòl pas avenir qu’en foncion des particularas condicions de vita de chasque comunitat umana. Lo lengatge mesme, dins l’universalitat de sa natura, mena en el lo sem de la diferença, d’una diferença permanenta tant coma lo mesme lengatge. Coma aquò nos trobem a eretar, nosautri umans d’encuei, un immens patrimòni de lengas diversificaas entre elas.

Devèrs lo patrimòni idiomàtic ereditari d’una societat que aspire a èsser democràtica, que vòle respectar ela mesma e chascun, aquò dona a qui n’es part un dever únic, mas a doas faças. D’un cant garantir a tuchi l’accès e l’usatge d’una mesma lenga per tal qu’én s’entende dins chasque son estrat o àrea, en chasque sia plega e canton, en garantent en mai d’aquò l’accès a encara d’autras lengas d’ampla circulacion. De l’autre cant, tornamai, garantir a tuchi la conservacion e l’usatge d’aquilhi idiòmas natius presents e embe un’esfèra d’usatge mai restrecha. Lhi a pas de defensa di drechs linguístics umans que sie ren l’absolviment d’aqueste doble dever.

Dins un baron de país e mesme en Itàlia la faça viraa vèrs las lengas localas, dialècts o lengas de minorança que sien, es estaa per longtemp neglijaa e fins a mai contrariaa da las institucions. Devem a la melhora pedagogia linguística, da Graziadio Ascoli a Giuseppe Lombardo Radice, se totun decò a las lengas localas es estat donat qualque espaci dins la pràctica didàctica, dal temp qu’es estat lo biais espontàneu des comunitat localas di parlants que a salvagardat la persistença di idiòmas locals fins que, dins lo darrier quart dal ‘900, l’escòla e las institucions se son finalament dubèrtas al reconoissiment de la foncion e la richessa des lengas localas.

Es pas estat un chamin fàcil far valer aquesta part di drechs linguístics e lo chamin presenta encara de dificultats. Valter Giuliano a viscut da participant e protagonista de moments diferents d’aqueste chamin e nos semon aicí una franca testimoniança de sas experienças. E la testimoniança mesma ajuarè lo chamin a far. Nos chal donc aculhir embe gratituda aquestas pàginas e la fatiga que Giuliano a butat dins las compausar e nos las rénder.


La ricchezza di Babele: politiche per la tutela delle minoranze linguistiche





Condividi