Portal d’Occitània    Letteratura occitana

invia mail   print document in pdf format

Pietro Antonio Bruna Rosso - Poesie

I montanari

I montanari

Lhi montanhards

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Siamo montanari, ci chiamano vitun I caproni dei duemila. Calziamo grossi scarponi. Con i denti consumati rosicchiamo le croste del pane duro come la roccia quando diventiamo sdentati nostro signore che non è scemo ci allarga il collo e le croste...
occitan Siem montanhards, nos chamon vitons Lhi chabrons di duimila. Siem chauçats de gròs escarpons. Abo las dents amolaas rosiguem lhi corchons dal pan dur coma la r&...
L’abbeveratoio

L’abbeveratoio

L’aberraor

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Sette anni avevo appena, la mia mandria abbeveravo, in un piccolo gorgo di acqua serena, in un piccolo rivo mi divertivo. Lontano da lì sono andato e il rimpianto sempre mi angoscia, delle acque torbide ho trovato. Il ricordo della tua acqua serena mi ...
occitan Set ans avio a pena, ma vachaira abeurava, dins un pichòt gorg d’aiga serena, ente sa bealereta m’amusavo. Luenh d’aquí mi siu anat e lo repl&...
Vecchia stagione

Vecchia stagione

Vielha estajons

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Vecchia stagione, la terra spogli e fai cambiare colori, i fiori vuoi spogliare, porti melanconia, porti dolori. Vecchia stagione stregata che predici la sorte! Cadono le foglie alla tua ombra nera, tu sai di tomba, tu sai di morte Foglie cadete per farmi c...
occitan Vielha estajons, la terra desabilhes e fas chambiar colors, las flors vòs despulhias, pòrtes melanconia, pòrtes dolors. Vielha estajon sorciera que predi...
Parla un larice

Parla un larice

Parla un mèuse

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Era di novembre, una brutta giornata dalla ... il vento mi ha presa i miei piccoli granelli, impotenti non ho potuto ribellarmi alla furia del vento, mi ha portato dove voleva e mi ha lasciato solo e sperduto. Da della terra buona sono stato ospitato e in primaver...
occitan Era de novembre, na bruta jornaa da la cucala l’aura m’a piat, mi granelins pichòts, impotent ai pas porgut rebellar-me a la furia dal vent, m’a po...
2 Novembre

2 Novembre

2 Novembre

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Nel silenzio della sera il triste scampanellio delle campane mi rende accorto, mi fa meditare, mi viene la pelle d’oca. Con sacro affetto, faccio la mia preghiera: Sia pace eterna per quelli che erano e confidando a Nostrosignore sono passati attraverso la V...
occitan Ent al silenci de la sera lo trist dindament de la clòca me rend acorat, me fai meditar me ven la pèl d’òca. Abo sacre afect, fau ma preguiera: Sie...
Talina

Talina

Talina

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Talina, al bordo dell’acqua, guarda la sua figura, si vede pallida magra trema da far paura. Non ha trovato da sposarsi, zitella non vuole stare, suora non vuole farsi è mal da accontentare.
occitan Talina, al bòrd de l’aiga, beica sa figura, se ve espàlia e maigra tramòla da paüra. A pas trobat a mariar-se, zitella vòl pas restar, ...
Lamentela

Lamentela

Lamentela

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano A quindici anni eri una ragazzina un po’ selvaggia. A raccoglirere violette ti ho incontrato eri timida. Volevo abbracciarti per baciarti. Sei scappata dietro un cespuglio e da lassù nascosta mi facevi occhiolino bela ragazza. Ti ho det...
occitan A quinze ans eres mendieta sarvatgeta. A culhir violetas t’ai encontraa eres genaa. Voliu embraçar-te per baisar-te. Sies escapaa darreire un boisson e...
Messa prima

Messa prima

Mesa prima

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Il suono della campana di buonora chiama per la messa prima. Scende il sole indorando le cime. Canta il gallo, senza orologio sa l’ora. La mattinata piena d’aria fine, dalle borgate sparpagliate chi scende, chi sale, uomini, donne e bambin...
occitan Lo sòn d’la clòca bonora chama per la mesa prima. Cala lo solelh endorand lhi brics. Chanta lo jal, sensa mostra sa l’ora. La matinat plena d’aria ...
L’ateo

L’ateo

L’incredul

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Non ammira il cielo stellato il sole che tutto indora, la pioggia che ristora la campagna assetata. Non dice un Pater o un’Ave Maria, non sa chi è il Creatore, una canzonaccia canta o fischietta, impreca se tutto non va a suo favore. Si addorment...
occitan Admira mai lo cèl estelat lo solelh que tot endòra la plueia que ristòra la campanha assetaa. Di pas un Pater o n’Aver Maria, sa pus qui es lo Crea...
La mia baita

La mia baita

Ma granja

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Ben in alto sulle cime sperdute C’è la baita dove sono nato È fatta di pietre senza calce Per me è bella, l’ho ben amata Adesso è scura e va in rovina, Una volta mia madre la illuminava. Adesso è fredda, ma nei tempi passa...
occitan Ben aut enti brics esperduts Ista la granja ent’a siu nascut Lhi es facha d’ peiras sensa chaucina Per mi lhi es bèla, l’ai ben amaa Aüra lhi es escura e ...
Paura

Paura

Paor

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Ho paura quando tempesta, Ho paura, dei tuoi improperi Che mi fan girar la testa.
occitan Ai paor quora la tempesta, Ai paor, de tas empropèrias Que me fan girar la testa.
La treccia di Marietta

La treccia di Marietta

La treça de Marieta

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Il raccoglitore di capelli ha tagliato, la bella ragazza ha la testa rasata Allo specchio si è guardata piengendo i ruoi ricciolini, se ne è andata la sua beltà al taglio delle forbici. Alla Messa non si osa andare, il fazzoletto alla fri...
occitan Lo chabelhier a talhat, la bela mendieta a la testa pelaa A l’espech ilh s’es beicaa en plorant lhi siei rissolins, es anaa via sa beltat al talh di estosoir...
La siesta

La siesta

La chauma

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Vado a fare la sieta il vento è quieto, la giornata tiepida, il vento tranquillo, nascondino fa la nuvola. Sotto un frassino assolato il sonno mi corteggia, faccio una fumata, la calma regna. Morfeo mi invita al sonno, non faccio altro che s...
occitan Vau far la siesta la bisa es tranquila, la jornaa tèbia, l’aura pas lesta, escabòt fai la nebla. Sot un fraise assolat lo som me calenha, fau na...
L’acqua scorreva

L’acqua scorreva

L’aiga corria

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Irrigavo il Clotàs, Maria andava a spasso, le ho dato il braccio. L’acqua scorreva nel prato su una pietra ci siamo seduti, tenendoci abbracciati. C’era un fiore rosso, raccolto nella sommità del prato, Mi parlava con voce dolce ...
occitan Abealavo lo Clotàs, Maria anava a espàs, lhi ai donat lo braç. L’aiga corria ‘ntal prat, sus na peira se siem assetats, tenent-se enbra&ccedi...
Benefattore

Benefattore

Benefactor

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Nel fare del bene alla gente Si acquista ingratitudine in quantità Ma ci sono anche pochi concorrenti Per quella merce tarlata
occitan En fasent de ben a la gent Se compra d’engratitudinas en quantitat Mas a decò ben gaire de concorrents Da aquela camelòta camolaa
Vieni ancora

Vieni ancora

Ven encà

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano È tornata una rondine: Buone nuove, l’inverno se ne è andato! Vieni anche te bella elvesina, Che a vent’anni ti ho ben amato! Torna ancora al nostro paese, Ricordando i giorni andati, E se abbiamo già i capelli grigi, Sono i fiori ...
occitan Ilh es tornaa na randolina: Bònas nòvas, l’uvèrn se n’es anat! Ven decò tu bèla elvolina, Que a vint ans t’ai ben amaa! ...
Piangere

Piangere

Plorar

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Che odore di terra, dai pascoli delle pecore, delle mandrie, di foglie intrecciate in un ramo spezzato, tranciato dal vento! Il canto di un uccello Sulla punta di un frassino Parla al mio cuore, mi sembra di rinascere il nodo che mi chiude che mi stringe...
occitan Que odor de tèrra, das pasturalhas de feas, de vachairas, de fuelhas entreçaas ent un branc troçat, sagalhat da l’aire! Lo chant de n’aucèl...
Il nostro parlare

Il nostro parlare

Nòst parlar

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano In tanti paesi in cui sono stato, La nostra lingua è la più bella, Ma tanti dicono: “Di quel patois Non capiamo nemmeno una parola!”. La capiscono a meraviglia Nella Provenza e nel Languedoc; Nell’Alvernia è ben compresa! Dal...
occitan En tanti país qu’a siu já estat, Nòsta lenga es la pus bèla, Mas tanti dion: “D’aquel patoà Capiem nhanca na favèla!”....
Il mio pensiero

Il mio pensiero

Mon pensier

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Uomo, non rallegrarti delle ricchezze che ti hanno lasciate, né di quelle che nella tua vita hai accumulato. Rallegrati se hai dei figli, dei nipoti onesti e virtuosi Allora, uomo, tu devi morire felice.
occitan Òme, regale-te pas de las riquessas que t’an laissaas, ni d’aquelas que en ta vida as ajontat. Regale-te se as de filhs, de nebots onests e vertuós ...
Me lo diceva mamma

Me lo diceva mamma

M’o disia mama

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano “ Rastrellavo nel prato, nel fieno ti ho trovato, Piccolo bambino; nella culla ti ho messo, ti ho allattato, per te ho riso, ho pianto, il buon Dio ho pregato di poterti vedere soldato”. Bambino sono stato, bambino sono ancora: culla,...
occitan “ Rastelavo ental prat, ental fen t’ai trobaa, pichòta mainaa; ente la cuna t’ai butaa, a tetar t’ai donat, per tu ai ris, ai plorat, lo ...
Il tempo

Il tempo

Lo temp

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Incomincia a piccoli passi seoni e minuti li allunga pian piano ore, giorni e mesi. Con grande precisione di anni ne fa un mucchio che fanno secoli a profusione. Il tempo si ferma mai senza fatica sempre va. Si trova sui mari, sui continenti con il ...
occitan Comença a passets secondas e minutas ilh slonja plan-planet oras, jorns e mes. Abo gran precision d’an e d’an fai un baron que fan secol a profussion....
Il nostro campanile

Il nostro campanile

Nostre cloquier

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Su una cresta ardita ti hanno fabbricato in stile romano, sei già carico di secoli. Alto, maestoso nel cielo infinito sulla punta la Croce. Ti hanno abbellito l’orologio che Dao Costanzo (Gnel), emigrato a Nizza, affezionato alla sua be...
occitan S’un crest ardit t’an fabricat, d’estil roman, sies jà de secols charjat. Aot, maestos ‘ nt al ciel infinìt sus la poncha la Crotz. ...
Lamento

Lamento

Lament

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Ti riordi i nostri tempi passati come sposi tranquilli e felici? Baciavi i miei capelli ondulati, d te ero sempre accarezzato, adesso se me ne cade uno nella miestra vuoi gettarmi dalla finestra. Mangiavamo nella stessa scodella uno accanto all’altro, la vit...
occitan Te sovenes nostri temps passats da espos tranquil e uros? Baisaves mi chabelhs ondolats, da tu ero sempre careceat, aüra se ne tomba un ‘nt la menestra vos getar-m...
La via della Bicocca

La via della Bicocca

La via d’la Bicoca

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Gloria a chi ha riparato la via dei cannoni, via degli alpini, dal colle di Sampeyre ai vecchi confini del Castellato un tempo francese vecchia frontiera senza contesa. A ripararla hanno fatto cosa devota, si può anare in auto o in moto in questo mese che me...
occitan Gloria a qui a riparat la via di canons, via di alpins, dal còl Sampeyre ai vielhs confins d’la Castellata un temp francesa vielha frontiera sensa contesa. A ripararl...
Gioventù

Gioventù

Joventut

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Giovinezza dove sei andata? Il tuo viaggio è senza ritorno ... Nelle tue ceneri non hai lasciato Una favilla, per farti riaccendere un giorno.
occitan Jovinessa ente sies anaa? Lo tiu viatge es sensa retorn… En tas cenres as pas laissat Na belua, per far-t’o reviscolar un jorn.
Anziano

Anziano

Vielh

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Nei tempi addietro l’anziano in famiglia era un Re da tutti ben amato e venerato. Ora non è più così nella civiltà moderna l’anziano è mal visto, trattato con sgarbo. Se possiede ancora qualcosa è un poco tolle...
occitan Ent lhi temps passats lo vielh en familha era un Re da tuchi ben amat e venerat. Aüra es pus ... ‘ nt la civiltat moderna lo vielh es mal vist, es esburfit...
Fai in fretta

Fai in fretta

Fai fito

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Fai in fretta Maria La danza è finita il giorno perde il chiaro da tua madre non farti sgridare. Questa sera c’è luna ne danza ancora qualcuna. Maria danzando dimentica i pensieri tra le braccia di Giovanni faceva girare la sua gonna....
occitan Fai fito Maria la dança es finia lo jorn perd lo clar da ta maire fa-te pas criar. Estossera fai luna ne dança encara quarqu’una. Maria en danç...
Speranza

Speranza

Esperança

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Speranza non porti dolci, non porti fiori ma calmi e fai tacere i pianti, nei palazzi, nelle baite dove tu arrivi tutti aggiusti. Gente in pena con grossi problemi, che dalla vita vorrebbero la fine, tu li fai sorridere, tu gli dai coraggio nel loro triste passaggio. ...
occitan Esperança pòrtes pas de dos, pòrtes pas de flors, ma calmes e fas taise lhi plors, ‘ nt lhi palais, ‘nt la granjas se tu arrubes tot aranjes. Gent ...
Incantato

Incantato

Encantat

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Il tempo è bello Ma può cambiare, l’amico fedele Domani ti può imbrogliare. L’uccello canta tranquillo La canzone imparata da suo padre, la sua vita tiene su un filo: È puntato dal cacciatore. Tutto può lasciare ...
occitan Lo temp es bel Mas pòl cambiar, l’amís fedel Deman me pòl embrolhar. L’ausèl chanta tranquil La chançon emparaa da son paire, ...
Disunione

Disunione

Desunion

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Se nevica sui padri La valanga è per i figli, Non è poi per l’aria buona che il paese deperisce, Ma per gli uomini che non sono uniti.
Se charamalha sus lhi paires La chalancha es per lhi filhs, Es puei ren per lo bòn aire Que lo país ven deperir, Mas per lhi òmes que son pas units. ...
Il nostro cimitero d’Elva

Il nostro cimitero d’Elva

Nost cementieri d’Elva

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Unita alla Chiesa, da muraglioni cintato, custode dei nostri deunti, mai dimenticati. È sempre nel mio cuore il cimitero del mio paese che da riposo ai miei parenti, ai miei amici; per chi va prima, per chi va dopo, per tutti il trattamento è lo stesso ma...
occitan Estachat a la Gleisa, da muralhons cintat, custòde de nòstri defonts, mai obliats. Es sempre ent mon còr lo cementieri de mon país que da repaus a mi p...
Non avrebbero mai pensato

Non avrebbero mai pensato

Avion mai cregut

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Brava gente della montagna alla loro terra affezzionati la vita dura come compagna alla miseria abituati Erano poveri ma virtuosi ben sobri e timorati si amavano da buoni sposi crescendo i loro bambini. La vita che illusione! Contavano sui figli che...
occitan Bona gents de la montanha a lor tèrra afeccionats la vita dura per companha a la miseria abituats. Eron paures ma vertius ben sòbres e timorats ...
La mia baita

La mia baita

Ma granja

di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Sono ritornato alla mia baita, come un innamorato che ritorna per vedere la sua bella, dopo un bel po' di assenza. Alla mia baita sono unito da una catena: una catena di ricordi, di miseria e di affetti, che nessuna fiamma può intaccare. Per farsi una baita, i miei avi hanno faticato, hanno...
occitan Siu retornat a ma granja, coma un ennamorat que torna a veire sa bela, après ben d'absença. A ma granja siu estachat de na chaena: chaena de recòrds, de miseria e d'afeccions, q...
Il battesimo di Neta

Il battesimo di Neta

Lo batesim de Neta

racconto di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Una sera, pioveva forte, mia madre è partita da casa senza dire dove andava.  Io e mia sorella Maria, papà ci ha mandati a dormire. Il mattino presto, nostra madre è arrivata sorridente e ci ha detto che zia Lot aveva avuto una bella bambina, che avevano chiamato Neta...
occitan Un sera, venia já borre, ma maire es partia da casa sença dir ent anava. Mi e ma sòrre Maria, papà nos a mandats durmir. Lo matin bonora, nòsta maire es arrub...
La via del valone d’Elva

La via del valone d’Elva

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano I nostri bisnonni erano disperati di trovarsi in una vecchia conca era padrone di quel passaggio. Nemmeno gli ucccelli avevano il coraggio di passare dalla paura che le prime sarebbero cadute e nessun soccorso sarebbe arrivato per chi si azzadava ad andare verso ... ...
Lo spopolamento del nostro paese

Lo spopolamento del nostro paese

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)
italiano Fa pena vedere tante case abbandonate altre con le porte sempre chiuse. nei tempi passati erano abitate una gioventù spensierata chantava, urlava in buona armonia padre, madre si a... della loro famiglia. le terre povere, numerose le famiglie si doveva sove...