Portal d’Occitània    Letteratura occitana

invia mail   print document in pdf format

Pietro Antonio Bruna Rosso - Poesie

Anziano

Vielh

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)

Anziano
italiano

Nei tempi addietro

l’anziano in famiglia era un Re

da tutti ben amato e venerato.

Ora non è più così

nella civiltà moderna

l’anziano è mal visto, trattato con sgarbo.

Se possiede ancora qualcosa

è un poco tollerato

se non ha nulla deve andare nell’Ospizio

di carità. Tanti anziani nullatenenti

sono nei ricoveri rinchiusi

mentre i figli sono gaudenti.

dal cuore duro,

se ne fregano, se la ridono della pietà;

non c’è niente che li tocca, questo è sicuro.

Li l’anziano è forestiero con l’altra gente

mezzo cieco, mezzo sordo, senza interessi

il sole per lui è senza riflessi.

Senza denti, il capo bianco,

i nervi rotti, acqua rossa al posto

del sangue, attende che arrivi la valanga.

Il suo giovane fuoco e divenuto cenere

dove covano i suoi ricordi

e dice: “O Signore dammi in fretta la morte”.

occitan

Ent lhi temps passats

lo vielh en familha era un Re

da tuchi ben amat e venerat.

Aüra es pus ...

nt la civiltat moderna

lo vielh es mal vist, es esburfit.

Se pòl far fuequet son bòsc

es na brisa tolerat

se a ren deu anar ‘nt l’ospissio

de caritat. Tanti vielhs nula-tenent

son ‘nt lhi ricovers enfermats

mentre lhi filhs son de godent.

De la part drecha a lo còr,

s’enfregon, s’en rion de la pietat;

a ren qu'ilh trucha, aquò es segur.

Lo vielh forestier abò d’autra gents

metz bòrnh, metz chornh, sensa interes

lo solelh per ele sensa rifles.

Sensa dents, la testa blancha,

lhi niervi rots, d’aiga rosa al pòst

dal sang, atend que arruba la chalancha.

Son fuec joves es vengut cenre

ent covon si ricords

e di: “O Signor dame fito la mòrt”.