Portal d’Occitània    Letteratura occitana

invia mail   print document in pdf format

Pietro Antonio Bruna Rosso - Poesie

Il battesimo di Neta

Lo batesim de Neta

racconto di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)

Il battesimo di Neta
italiano

Una sera, pioveva forte, mia madre è partita da casa senza dire dove andava. 

Io e mia sorella Maria, papà ci ha mandati a dormire. Il mattino presto, nostra madre è arrivata sorridente e ci ha detto che zia Lot aveva avuto una bella bambina, che avevano chiamato Neta. Quel nome mi è piaciuto.

Il giorno dopo, mia madre ci ha portato a vederla: era coricata in una piccola culla che aveva un cerchio; sopra era steso un fazzoletto a fiori, quel fazzoletto la proteggeva dalle mosche e dal chiarore del sole. Una cintura chiamata cunaoira a zig-zag la teneva ferma nella culla. Zia Lot ha alzato il fazzoletto, l'ho vista piccola piccola; apriva i suoi occhietti senza sapere dove guardasse, io gli ho parlato, lei non mi ha risposto.

Il giorno del battesimo, il padre della piccola a voluto che anche noi scolari accompagnassimo la “brassa”, due suoi cugini, io e mia sorella Maria vicino. La madrina portava la bambina; padre, padrino balia e noi bambini eravamo la squadra del battesimo. La Chiesa era lontana, la balia la guardava spesso perchè non si togliesse la cuffia: era tutta coperta da una coltre rosa. Siamo arrivati alla Chiesa e il prete, Don Marchis, le ha versato l'acqua benedetta sulla testa; lei si è messa a piangere: l'acqua fredda l'ha svegliata, ma si è presto acquietata.

Sono andato nel campanile, ho tirato il tirante della campana grossa, ho suonato assai a lungo per il battesimo; al nostro paese, per le bambine, si suonava poco, perchè la ragazza era denaro che se ne andava; per un ragazzo, denaro che veniva, si suonava assai a lungo.

Il padrino ci ha portati alla taverna di zio Toni di Seze, per festeggiare Neta. La balia le ha dato un chucchiaino di vino bianco dolce, lei lo ha ben succhiato e i grandi dicevano: “Le piace il vino, verrà grande, forte e bella!”. Il padrino l'ha portata dalla madre, che subito l'ha allattata. Tutti insieme abbiamo fatto una bella festa di battesimo, contenti per il fatto che zia Lot avesse partorito una così bella bambina e ci avesse procurato una così bella giornata di festa e d'allegria. Sono passati quasi sessant'anni, quel giorno non l'ho mai dimenticato.

occitan

Un sera, venia já borre, ma maire es partia da casa sença dir ent anava.

Mi e ma sòrre Maria, papà nos a mandats durmir. Lo matin bonora, nòsta maire es arrubaa sorrienta e nos a dich que danda Lòt avia chataa na bela filheta, que lhi butavon nom Neta. Aquel nom m’a plasut.

Lo jorn après, ma maire m’a menat a veire: ilh era cojaa ‘nt na pichòta cuneta que avia un cercle; sus estendut un mochet florejat, aquel mochet la parava de las moschas e da l’esclarda dal solelh. Na centura chamaa cunaoira a zic-zac la tenia ferma ‘nt la cuna. Danda Lòt a auçat lo mochet, l'ai vista pichòta pichòta; durbia si uelhets sensa saber ent beicava, mi lhi ai parlat, ilh m'a pas respondut.

Lo jorn dal batesim, lo paire de la pichòta a vorgut que nos escolars acompanhesson decò la “braçaa”, dui si cosins, mi e ma sòrre Maria vesin. La mairina portava la filheta; paire, baila e nos pichòts era l'esquadra dal batesim. La Glesa era daluenh. Sovent la baila la beicava per pas que s'estofesse: era tota coataa de na cuberta ròsa. Siem arrubats a la Gleisa, e lo preire, Dòm Marquís, lhi a versat l'aiga benesia se la testa; ilh s’es butaa a plorar: l'aiga freida l'a dervelhaa, mas ilh s'es lèu apasiaa.

Siu anat ent al cloquier, ai tirat lo soastre de la clòca gròssa, ai sonat ben lòng lo batesim; a nòst país, per las filhas se sonava ben cort, perqué la filha era argent-vai; per un filh, argent-ven, se sonava ben lonc.

Lo pairin nos a portats a l'òste de barba Tòni de Sese, per banhar lhi pès a Neta. La baila lhi a donat un cucharin de vin blanc dòus, ilh l'a ben chuchat e lhi grands dision: “Lhi plai lo vin, ilh ven granda, fòrta e bela!”. Lo pairin l'a portaa a sa maire, que lèu lhi a donat a tetar. Tuchi ensem avem fach de bonas batealhas, contents que a danda Lòt avia chatat sí bela filheta e nos avia procurat na bela jornaa de festa e d'alegria. Son esquasi passats sessanta ans, aquel jorn l'ai mai desmentiat.