Portal d’Occitània    Letteratura occitana

invia mail   print document in pdf format

Pietro Antonio Bruna Rosso - Poesie

Il nostro campanile

Nostre cloquier

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)

Il nostro campanile
italiano

Su una cresta ardita

ti hanno fabbricato

in stile romano,

sei già carico di secoli.

Alto, maestoso

nel cielo infinito

sulla punta la Croce.

Ti hanno abbellito

l’orologio che Dao Costanzo (Gnel),

emigrato a Nizza,

affezionato alla sua bella Elva

ti ha adornato.

Da te parte

l’armonia

dell’autoparlante;

Don Chiotti vuole allegria

per i suoi parrocchiani.

Le tue campane sento suonare

nei gioni di lavoro e di solennità,

di gioia o tristezza, suonano

i destini dell’umanità.

Sfii tempeste, uragani

sei stato assalito dalla furia di Satana,

ce l’ha con te che rappresenti la Casa di Gesù.

occitan

S’un crest ardit

t’an fabricat,

d’estil roman,

sies jà de secols charjat.

Aot, maestos

nt al ciel infinìt

sus la poncha la Crotz.

T’a ben abelit

lo relòtge que Costan-Gnela,

a Niça emigrat,

grinos de sa Elva bela

t’a ben adornat.

Da tu part l’armonìa

de l’aot-parlant;

Dòn Chiòtti vòl l’alegrìa

a si paroquians.

Te clocas sento dindinar

jorn de travalh e solenitat,

jòia o tristessa sonar

lhi destin de l’umanitat.

Esfides tempesta, oragans

sies estat assalit dal tròn de Satan,

l’a còntra tu que rapresentes la Casa de Gesù.