Portal d’Occitània    Letteratura occitana

invia mail   print document in pdf format

Pietro Antonio Bruna Rosso - Poesie

Lamento

Lament

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)

Lamento
italiano

Ti riordi i nostri tempi

passati come sposi tranquilli e felici?

Baciavi i miei capelli ondulati,

d te ero sempre accarezzato,

adesso se me ne cade uno nella miestra

vuoi gettarmi dalla finestra.

Mangiavamo nella stessa scodella

uno accanto all’altro, la vita era bella,

adesso a te mangiare dopo di me

ti fa orrore, ti fa schifo.

Mia gioia, mia cara, mia bella

era sempre il tuo ritornello,

a braccetto mi portavi a danzare

adesso mi dici: “Vai a nasconderti”.

Le nostre teste sul cuscino

si addormentavano vicine

ora se mi senti russare

le tue gomitate me fanno sobbalzare.

Le punte sono bianche

minaccia valanghe,

sono freddi i valloni

abbiamo paura delle nostre ombre?

Ritorniamo sui nostri felici passi

dandoci il braccio

gli ultimi anni dela nostra esistenza

siano anni d’amore, anni di pazzienza.

occitan

Te sovenes nostri temps

passats da espos tranquil e uros?

Baisaves mi chabelhs ondolats,

da tu ero sempre careceat,

aüra se ne tomba un ‘nt la menestra

vos getar-me da la fenestra.

Minjavon ‘nt la mesma escuèla

un paissia l’autre, la vita era bela,

aüra tu minjar apres mi

te fai orri, te fai estrilh.

Ma jòia, ma cara, ma bela

era sempre ta ritornela,

a basseta me portaves dançar

aüra me dies: “Vai te estremar”.

Nostre testas sus un coissin

s’enduermion a basin

ara se m’entendes ronflar

ti botons me fan resotar.

Las punchas son blanchas

menassa chalanchas,

son freidas las combas

avem pòu de nostre ombras?

Retornem si nostri pas

donant-se lo bras

lhi derier ans de nostra existença

sion ans d’amor, an de paciénça.