Portal d’Occitània    Letteratura occitana

invia mail   print document in pdf format

Pietro Antonio Bruna Rosso - Poesie

Parla un larice

Parla un mèuse

poesia di Pietro Antonio Bruna Rosso - Elva (Valle Maira)

Parla un larice
italiano

Era di novembre, una brutta giornata

dalla ... il vento mi ha presa

i miei piccoli granelli, impotenti

non ho potuto ribellarmi alla furia del vento,

mi ha portato dove voleva

e mi ha lasciato solo e sperduto.

Da della terra buona sono stato ospitato

e in primavera soo germogliato.

La mia infanzia è stata disperata

dalle capre ero sempre brucato,

tanti disprezzi ho dovuto sopportare

per venire grand e un giorno arrivare

a essere utile e a servire

l’uomo, che preferiva vedermi morire,

per la paura che la mia ombra avesse portato

dei danni al raccolto e alla sua proprietà.

Tanti anni sono passati, sono cresciuto

sulle mie frasche il corvo faceva il suo nido.

Ma un giorno viene l’uomo con accetta e sega

ero ben grosso, ma ho avuto paura

mi ha tagliato, mi ha sbrandellato

e in terra steso mi ha ben spellato,

mi ha segato, con le mie assi venate di rosso

ha fatto armadi e il letto per degli sposi

e quano hanno avuto una bambina bruna

mi hanno preso per farle la culla,

la cullava la nonna, dalla treccia bianca

tanti anni aveva e già ben stanca,

ed il giorno che gli anni sono passati

mi hanno preso per farle la cassa e con lei sotterrato.

occitan

Era de novembre, na bruta jornaa

da la cucala l’aura m’a piat,

mi granelins pichòts, impotent

ai pas porgut rebellar-me a la furia dal vent,

m’a portat ‘nt al a vorgut

e m’a lissat solet e esperdut.

Da en terra bona siu estat ospitat

e a la prima ai germoliat.

Ma enfança es estaa desperaa

da las chabras ero sempre brotat,

tanti despressi ai degut soportar

per venir grant e un jorn arrubar

a esser util e a servir

l’òme, que preferia veir-me murir,

da la pòu que mon ombra avesse portat

de dans al racòlt de sua proprietat.

Tanti an son passats, ai grandit

sus me branchas lo corbas fasia lo ni.

Me un jorn ven l’òme abo appia e trompelaor

ero ben gros, mas ai agut pòu

m’a talhat, m’a esbrondolat

e en terra stendut m’a ben espalha,

m’a ressiat, abo me pòst venaas de ros

a fach armari e lechiera a d’espos

e quand an chatat na filheta bruna

m’an pilhat per far-lhi la cuna,

la cunava la nona, da la treça blancha

tanti an avia e jà ben stanca,

e lo jorn que lhi an sonat la passaa

m’an pilhat per far-lhi la caissa e abo ilhe sotrat