Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Abbandono

Abandoun

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Sperso in mezzo alle case:

dietro a un muro di pietra

vi è una casa

con il portone chiuso,

una volta ben abitata.

Gli alberi la coprono, è nascosta,

vicino vi è un piccolo giardino

che nessuno vede e nessuno cura.

Forse qualche rosa fiorisce ancora,

in quel giardino tutto abbandonato?

C'è qualcosa che mi attira,

in quel giardino tutto abbandonato,

su quel muro mi sono arrampicato;

fioriscono ancora le rose del roseto,

proprio come ieri!

Gli iris ci sono ancora,

anche se dalle ortiche metà coperti,

niente è aggiustato;

scendo con il magone nel cuore,

riprendo quella strada in mezzo alle case

tutta una pietraia, una desolazione!

occitan

Pardù ou bamei dë lâ meizoun:

dareiŕë un muŕallho an peiŕo

la lh'à unë meizoun

abou lë portoun sarà,

un cò ibêr e bien abità.


Louz aoubrë l'acouattan, i l'îz itremà,

acaiŕë, la lh'à un pëcì jardin

quë nëngù ve e nëngù cuŕo.

Mëntùe coqquë rozo fluŕî ëncâ,

din qué jardin tou dileisà?

La lh'à coucaren quë m'atiŕo,

din qué jardin tout abandounà,

sû quëllë muŕallho a më siòou agrapilhà;

lâ fluŕisan ëncâ lâ roza dou rouzìe

proppi paŕìe coumà aìe!

Lou gralhòs lhi soun ëncâ,

anque si da laz eurtia meità acouatâ,

paren îz arënjà;

a disëndou abou lë magoun din lë queur,

arprënnou quëllë vio ou bamei dë lâ meizoun

tout un clapìe, unë dëzoulasioun!