Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Alba

Aoubo

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

La notte comincia a indietreggiare,

il cielo sempre più bianco,

le stelle se ne vanno,

il sole sta per spuntare.

Il contadino virtuoso

è già al suo lavoro,

o la zappa o la falce,

pronto ad asciugarsi il sudore.

Gli animali selvatici

vanno a nascondersi,

per dormire e riposarsi,

lontano dalla vista dei cacciatori.

Pian piano prende vita il paese,

tutti si svegliano,

chi va chi viene,

chi nel campo lavora,

chi nel prato al fieno.

occitan

La neui coumënso a arquiòouŕâ,

lë sê tëjoû plû blan,

laz iteŕa së nan van,

lë souŕè vei ipouëntâ.

Lë campanhin vartioû

i jò a son travalhë,

ou la sappo ou lë dalhë,

prestë a s'isùa la siòou.


Lâ bestia sòouvajja

van s'itrëmâ,

par dormî e s'arpouzâ,

leun da la visto dou chasòou.

Dousamen pren vitto lë paî,

tou la gen s'arvellho,

qui vai qui ven,

qui din lë chan travallho,

qui din lë prà ou fen.