Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Aprile

Abrî

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Il mese di aprile è arrivato,

ma il tempo non è cambiato:

freddo, pioggia, neve a volontà.

Dovrebbe essere la stagione di rinascita

di tutta la natura.

La primavera con il suo calore

che fa rinascere piante e fiori

non vuol prendere il sopravvento

su tutto quel cattivo tempo.

Speriamo che nel mese di maggio

il tempo metta giudizio,

e la natura non faccia più i capricci.

A forza di stuzzicare quel cielo

stagioni non ce ne sono più

il gran freddo dell'inverno

piano, piano si perde.

La primavera è sempre più tardi

l'estate sempre più secca,

manca l'acqua in lungo e in largo.

Se dovessimo vivere come una volta

di quello che dà la natura,

anche lavorandola bene come una volta,

sarebbe una cosa dura.

occitan

Lë mei d'abrî îz aribà,

me lë ten ou l'à pâ cinjà

frei, pleuio, neo a vouŕountà.


La diouŕìo essë la sazoun d'arnaiso

dë toutto la natuŕo.


La primmo abou sa chaŕoû

quë fai arnaisë planta e floû

vô pâ prënnë le soupraven

sû tout qué movê ten.


Spëŕen quë din lë mei dë mai

lë ten bëttë judis,

e la natuŕo fazë pamai lou capris.

Forso a bustiquéa din qué sê

dë sazoun la nh'à pamai

la grandë frei dë l'ivêr

dousamen, dousamen së pêr.


La primmo î tëjoû plû târ

l'ità tëjoû plû sëccho,

manco l'aigo an lon e an lâr.


Si nou dëvëssan viouŕë coumà un cò

dë s'quë douno la natuŕo

anque an la travalhën bien coumà un cò

la saŕìo un chozë duŕo.