Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Bella giornata

Bèllë journà

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Il sole sulle cime, lassù?

Le fa brillare come argento

con i suoi raggi potenti.

Quel piccolo sentiero prendiamo,

che tutto all'ombra è ancora,

e i fiori, di rugiada bagnati

aspettano il sole,

che li farà brillare come diamanti,

che poi se ne vanno.

Saliamo pano piano

per quel sentiero ben segnato

che fa tutto una curva

causa alla pendenza che c'è.

Ci porterà poi lassù

in quel vallone in mezzo alle rocce,

dove vi è una bella sorgente

che esce proprio dalla pietra.

Acqua fresca in abbondanza!

Ci sediamo su quelle pietre, sistemate,

che sembrano fatte apposta per sedersi.

Tutto intorno, un prato di fiori,

che danno all'aria un profumo dolce.

Sono viole mammole,

cuscini di timo serpillo,

arnica e genzianella

e tante altre ancora

tutte per lì sparpagliate.

Ci siamo ben rifocillati,

ora è il momento di raccoglierne

di quei fiori medicinali,

Che per lì sono abbondanti.

Saliamo in quelle roccette

dove genepì ve n'è in abbondanza;

è di quello maschio, è molto lungo

e ha un profumo molto buono.

Ci servirà per fare quel liquore

che è molto buono e ricercato.

Ora ne abbiamo raccolto abbastanza,

verso casa bisogna ritornare

quel bel sentiero dobbiamo rifare,

il sole è quasi alla fine del suo giro,

abbiamo passato una giornata d'amore!

occitan

Lë souŕè sû lâ simma, iquiàou?

Ou lâ fai brilhâ coumà d'argen

abou soû raioun pouten.

Qué pëcì vùo nou prënen,

quë tout a l'oumbro ou l'î ëncâ,

e lâ floû, dë rouzà banhà

atëndan lë souŕè,

quë lâ feiŕè brilhâ coumà dë diaman,

quë peui së nan van.

Nou mounten tou dousamen

par qué vùo bien marcà

quë fai touttë unë diviŕà

caouzo a la panto quë la lh'à.


Ou nou pourtaŕè peui iquiàou

din qué valoun ou bamei dou rouchàou,

ountë la lh'à un bèllë sourso

quë sor proppi da la peiŕo.


Aigo frësco an aboundanso.


Nou s'asten sû quëlâ peiŕa, arënjâ,

quë sëmblan faita spreso par s'astâ.

Tout outour, un prà dë floû,

quë dounan a l'er un gou doû.

L'î dë viòouŕëtta dou paquìe,

dë coueisin dë sarpoulhë,

floû dë tabà e dea bleô

e bien d'aoutra ëncâ

toutta paŕiquì iparpalhâ.

Nou së sen bien arfoucilâ,

veuiŕo l'î lë moumen dë n'arbatâ

dë quëlâ floû bien mëquësinouza,

quë paŕiquì lâ soun boundouza.

Nou mounten din quëllou rouchasoun

ountë dë gënëpin la nh'à un baŕoun;

l'î dë qué maclë, ou l'î bien lon

e ou l'à un parfum bien bon.

Ou nou sarviŕè par qué liqueur fâ

qui si bon e archarchà.

Veuiŕo nou n'aven proù arbatà,

ver meizoun la vënto tournâ

qué bèllë vùo la vënto arfâ,

lë souŕè a bèlla fenì soun tour,

nouz aven pasà un journà d'amour!