Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Campanile

Cloucìe

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Quando lasci lo stradone

e sali verso il Vernin,

piccolo pezzo di Fenils,

la prima cosa che ti salta agli occhi

è il campanile, lassù accanto

alla chiesa e al cimitero.

È in pietra, ben lanciato,

fatto a punta, ben intonato,

le sue finestre in tufo, ben fatte,

lasciano uscire il suono delle sue campane

che adesso suonano ben poco,

per l'abbandono della gente

che il paese a lasciato

per una vita più comoda.

Per le feste suoni ancora,

per quei quattro che ci sono ancora,

ma se va avanti così

starai ben presto muto.

Il tuo gallo lassù,

sulla punta, su quella croce

che il vento fa girare

continuerà a segnare

la direzione del vento,

ma nessuno lo guarderà;

andrai ben presto in rovina.

occitan

Can tu laisa lë gran chamin

e tu mounta ver lou Varnin,

pëcì toquë dë Finhòou,

la proumieŕë chozo quë saouto ouz iòou

l'î lë cloucìe, acaiŕë iquiàou

a la gleizo e ou sëmënteuŕi.

Ou l'î an peiŕo, bien lansà

fai a pouënto, bien antounà,

sâ fënetra an touas, bien faita,

laisan sourtî lë soun dë sâ campana,

quë veuiŕo sounan pamai gaiŕë,

par l'abandoun dë la gen

quël paî i l'an leisà

par unë vitto plûz ajà.

Par lâ feta tu souna ëncâ,

par quëllou catrë quë la lh'à ëncâ,

me si la vai aŕan paŕìe

tu rëstaŕën bien vittë muëttë.

Toun jalhë iquiàou,

a la pouënto, sû quëllë croû

quë l'aouŕo fai viŕâ

ou countunouaŕè a sinhâ

la diŕësioun dë la bizo,

me nëngù l'argardaŕè;

tu l'anaŕè bien vittë an dësé.