Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Cimitero

Sëmënteuŕi

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Come sei differente,

come sei più umano.

Le tue tombe aggiustate e fiorite,

le tue croci in legno ben piantate,

la tua porta mai chiusa.

Vicino alla nostra bella chiesa

che ti fa buona compagnia;

tutte quelle scritte

sulle pietre delle tombe

che ricordano chi è passato.

Vedere tutti quei nomi,

d'amici, di gente conosciuta,

gente che non è più,

il cuore si spezza.

Mio padre, mia madre,

i miei zii, la mia nonna,

con tutti i loro coetanei

gente non conosciuta,

ma sono comunque lì.

Quante cose, oh cimitero,

fai pensare,

quante cose fai ricordare;

fai rivivere il passato.

Oh cimitero del mio paese,

come sei umano,

come sei tranquillo

lontano dal traffico e dal baccano.

E voi che vi abitate,

spero che stiate bene

in quel bel cimitero,

che è in quel bell'angolo,

a fianco alla bella chiesa,

vicini alle case.

occitan

Coumà tu siâ difëŕan,

coumà tu siâ plû ouman.

Tâ toumba arënjà e fluŕìa,

tâ croû dë bô bien plantà,

ta porto jamai sarà.


Acaiŕë a notrë bèllë gleizo

qui të fai bonë coumpanìo;

toutta quëlaz icritta

sû lâ peiŕa dë toumbo

quë rapellan qui a pasà.

Veiŕë tuottou quëllou noun,

d'amis, dë gen couneisuo,

gen qui lhi soun pamai,

lë queur së difai.


Moun pouppa, ma moumma,

mouz ounclë, ma gran,

abou touttou lorou coetan

dë gen pâ couneisûo,

me i soun cameimë iquì.


Câ dë cioza ô sëmënteuŕi,

tu fâ pënsâ,

câ dë choza tu fâ raplâ;

tu fâ arviòouŕë lë pasà.


Ô sëmënteuŕi dë moun paî,

coumà tu siaz ouman,

coumà tu siâ tranquillë

leun dou trafi e dou bourdel.

E vouzaoutrë qu'ou lh'abità,

a speŕou qu'ou lhi resta bien

din qué bè sëmënteuŕi,

qu'î din qué bè cantoun,

acaiŕë a la bèllë gleizo,

proccë a lâ meizoun.