Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Fiera Franca

Fieŕë Francho

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Da lunga data tu sei fatta,

sei la fiera più grossa

piena di banchi, animali e gente.

C'e chi va e chi viene.

C'è la mostra degli animali:

galline, mucche, capre, pecore e cavalli.

Vi sono gli uomini della giuria

che guardano quel bestiame

per dare la loro valutazione

alle più belle del mucchio.

Ci sono poi le bande

che con la loro musica

fanno ballare quella gente

vestita con costumi d’epoca.

I sindaci con le loro fasce tricolori

sono lassù sul palco d’onore.

Tanti amici troviamo,

andiamo a bere una volta assieme.

La cucina degli alpini

prepara il pranzo e dà il vino.

Si sentono tutte le lingue,

piemontese, francese, patois e italiano

sono tutti mescolati assieme.

Era una fiera che si faceva già

quando eravamo ancora nel Delfinato,

ma che sempre si mantiene.

occitan

Da longë datto quë tu siâ faito,

tu sia la fieŕë plû groso

plen dë ban, bestia e gen.

La lh'à qui vai e qui ven.


La lh'à la motro douz animaou:

geŕina, vaccha, chabbra, fea e chavaou.

La lh'à louz omme dë la juŕìo

quë argardan qué bestiaŕi

par dounâ lor valutasioun

a lâ plû bèlla dou baŕoun.

La lh'à peui lâ banda

quë abou lora muzicca

fan dansâ quëllë gen

abilhâ an coustummë ansien.

Lou consou abou lor faiso a trei couŕoû

soun iquiàou sou palc d’ounoû.

Bien d’amis nou trouben,

nouz anin biòouŕë un cò ansen.

La cuzino douz alpin

prëpaŕë lë dinâ e dounë lë vin.

La s'antén toutta lâ lënga,

piemountei, fransê, patouà, italien

i soun tous meiclà ansen.

L'îz unë fieŕë quë së fazië jò

cantë nou l’èŕan ëncâ Dofen,

me quë tëjoû së manten.