Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Finestre scure

Fënetra icuŕa

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Finestre, povere finestre scure,

una volta ben illuminate e aggiustate,

ora tutto abbandonato.

Occhi che guardano verso il cielo,

che adesso non sono più aperti.

Finestre, sempre nere,

che quel chiarore non avete più,

le tendine, tutte sfasciate.

Tutta quella gente che vi ha abitato,

tutta per il mondo se n'è andata.

Finestra, piccola finestra, rumorosa

tutto il giorno come un mercato,

adesso silenziosa e dimenticata;

i tuoi proprietari se ne sono andati

e tutta sola ti hanno lasciata.

Ce n'è una illuminata,

da due vecchietti è abitata,

lui seduto tranquillo, lei rammenda,

si parlano pian pianino,

ma troppo contenti non sono.

Ve ne sono altre ben aggiustate,

ma quelle finestre sono chiuse,

sono case di villeggiatura.

Qualche finestra illuminata c'è ancora,

ma non si vede più un bambino.

Oh finestre, povere finestre, scure,

non più aggiustate,

siete in abbandono,

fa venire il magone.

occitan

Fënetra, poŕa fënetra icuŕa,

un cò bien iluminà e arënjà,

veuiŕo tout dileisà.

D’iòou quë argardan ver lë sê

quë veuiŕo i soun pamai ibê.


Fënetra, tëjoû nheŕa,

quë qué joû ou l'avè pamai,

lou ridos, tout difai.

Tout quëllë gen quë vouz à abità,

tous pal moundë i soun anà.

Fënetro, pëcittë fënetro, roumouŕouzo,

tout lë joû coumà un marchà,

veuiŕo silënsiouzo e isublià;

toû padroun së nan soun nanà

e tout souŕëtto i t'an leisà.


La nh'à vuno iluminà,

da doû vilhòs i l'î abità,

ié astà tranquillë, iëllo armëndo,

i së parlan pian pianot,

me counten i soun pâ trot.

La nh'à d'aoutra bien arënjà,

me quëlâ fënetra soun sarâ,

l'î dë meizoun dë vilejatuŕo.

Coqquë fënetro iluminà i lh'î ëncâ,

me la së ve pamai un meinâ.


O fënetra, poŕa fënetra, icuŕa,

pamai aren arënjà,

ou sè an abandoun,

la fai vënî lë magoun.