Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Focolare

Fouìe

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Fiamme rosse, libere vanno,

vanno su per quel camino

che una volta scaldavano

quella vecchia cucina, nera di fumo.

Servivi per far da mangiare

per la gente e per le bestie,

le tue catene penzolanti,

con le pentole attaccate

che cuocendo borbottavano.

La famiglia lì riunita

parlando si scaldava

e nello stesso tempo, sulla panca seduta,

vicino alla madia mangiava

quel poco che c'era.

Cose povere si mangiava,

ma la fame si toglieva.

Quel focolare che scaldava

tutti insieme teneva,

bei tempi oramai passati!

Il focolare non c'è più,

e la madia con la panca

sono stati venduti

per quattro soldi all'antiquario.

La vecchia cucina nera di fumo,

quelle fiamme rosse che vanno

su per quel camino,

ricordo che nel cuore resta,

non vuol morire.

occitan

Flamma rouia, libbra van,

van amoû par qué fournè

quë un cò ichòoudavan

quëllë vellhë cuzino, nheŕë dë fum.

Tu sarvìa par fâ da minjâ,

par la gen e par lâ bestia;

toû timaclë an pëndouŕen,

abou lâ marmitta atacâ

quë an couién la barboutavan.

La famillho iquì riunìo

an parlan i s'ichòoudavo

e a meimëten, sou ban astà,

a la mai atacà i minjavo

qué paou quë la lh'avio.


Choza paouŕa la së minjavo,

me la fan i së gavavo.

Qué fouìe qu'ou l'ichòoudavo

tous ansen ou tënio,

bèllou ten oramai pasâ!

Lë fouìe ou lh'î pamai,

e la mai abou lë ban

i sounz ità vëndû

par catrë sòou a l'antiqueŕë.

La cuzino vellho nheŕë dë fum,

quëlâ flamma rouia quë van

amoû par qué fournè,

souvënî quë din lë queur resto,

ou vô pâ muŕî.