Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Gente di Guardia Piemontese

Gen dë Gardo Piemounteizo

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Grazie gente di Guardia Piemontese

per la vostra gentilezza e ospitalità

che ci avete dato

e per l’attaccamento alle vostre radici,

al nostro patois,

che ci avete dimostrato.

La vostra storia mi ha fatto pensare

alla vita ben tribolata

della vostra gente che è passata,

ma che ha ben mantenuto

la sua fede e il suo patois.

Come mi ha fatto piacere

parlare con il vostro sindaco,

persona affabile e retta

che è ben radicata nelle tradizioni,

ma soprattutto nel suo patois.

Erano ben attaccati i vostri avi

per mantenere così bene,

dopo sì lungo tempo,

la loro lingua, il loro patois.

Grazie, grazie, grazie.

Per aver potuto parlare

assieme a voi

la nostra lingua occitana

e ben capirci.

Ci avete insegnato,

l’attaccamento al patois,

che non avete mai dimenticato,

e ci avete fatto pensare

che non bisogna lasciarlo.

Grazie, Grazie, Grazie.

occitan

Marsì gen dë Gardo Piemounteizo

par votro jantîeso e ouspitalità

qu'ou nouz avè dounà

e par l’ataccamen a votra rasina,

a notrë patouà,

quë ou nouz avè dimoutrà.

Votro istouaŕo m'à fai pënsâ

a la vitto bien trëbulà

dë votro gen qui soun pasà,

me qui l'an bien mantëngù

sa fouà e soun patouà.


Coumà la m'à fai plazei

Parlâ abou votrë consou,

parsouno afabblo e dreito

qu'î bien anrasinà a lâ tradisioun,

me sourtoù a son patouà.

I l’eŕan bien atacâ votrë gen

par mantënî si bien,

aprê si lon ten,

lor lëngo, lor patouà.

Marsì, marsì, marsì.

Par agueiŕë pougù parlâ

ansen abou vouzaoutrë

notrë lëngo ousitano

e bien së razounâ.

Ou nouz avè moutrà,

l’ataccamen ou patouà,

quë ou l’avè jamai isublià,

e ou nouz avè fai pënsâ

quë la vënto pâ lë leisâ.


Marsì, Marsì, Marsì.