Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Gli anni

Louz an

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Il proverbio dice:

mille e non più mille,

ma siamo arrivati al duemila,

che è ben incominciato,

anche se con molta fatica,

per andare avanti

e vedere domani.

Il duemilaquattordici è arrivato,

con colpi e gran chiasso,

che una volta non si faceva

tutto quel bordello

per salutare l'anno nuovo

sperando che sia migliore.

Se ascoltiamo i nostri caporioni,

tutti gli anni son migliori,

ma il mondo va al rio,

è sempre più faticoso andare avanti,

sempre più scuro il domani.

La politica è un grosso formicaio

che divora tutto il nostro granaio;

come si può andare avanti

se piano piano ci fanno morire di fame?

occitan

Lë prouverbë dì:

millo e pamai millo,

me nou sen aribà ou doumillo,

qu'ou l'î bien acoumënsà,

anque si abou bien dë peino

par anâ aŕan

e veiŕë dëman.

Lë doumillëcatorzë îz aribà,

abou dë crëp e gran ravà,

quë un cò së fazìo pâ

tout qué gran bourdel

par salùa l'an nouvè

an spëŕan qu'ou sìe plû bè.

Si nou l'icouten notrou capourioun,

tou louz an soun milhòou,

me lë moundë vai ou riòou,

l'î tëjoû plû movê anâ aŕan,

tëjou plû icû lë dëman.

La politicco l'îz un grô farmuzìe

quë dëvoŕo tout notrë granìe;

coumà la së pô anâ aŕan

si pian pian i nou fan muŕî dë fan?