Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Il cembro

L'élvou

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Piantato lassù in quella spaccatura

in mezzo quella roccia,

radici lunghe molte ne ha,

è nato non da adesso.

La tua semenza sparpagliata

molte piante ha fatto nascere,

ma in quella spaccatura nessuna è rimasta.

Come te i nostri vecchi radicati

nei nostri paesi di montagna

con l'età se ne sono andati,

in quel piccolo cimitero, a riposarsi.

In quel cimitero sono soli,

anche se qualcuno vi è ancora,

non sono più del loro seme.

Vengono quei quattro giorni

a prendere l'aria buona che c'è,

poi se ne ritornano giù,

non sono più radicati

come il cembro nella roccia!

occitan

Plantà iquiàou din quël'iclapeuiŕo

din lë bamei dë qué rouchà,

rasina lonja bien ou n’à,

ou l'î neisù pamaquë da veuiŕo.

Ta sëmënso ipatarià

bien dë planta i l'à fai naisë,

me din quë l'iclapeuiŕo gî i rëstà.

Coumà tu, notrou vellhou anrasinà

din notrou paî dë mountannho

abou l'iaggë i së nan soun nanà,

din qué pëcì sëmënteuŕi, s'arpaouzâ.

Din quê sëmënteuŕi souŕës i soun,

anque si cocun la lh'à ëncâ,

pamai dë lor sëmënso i soun.


I venan quëllou cattŕë joû

a prënnë qué bôner quë la lh'à,

peui i së nan tornan avâ,

i soun pamai anrasinà

coumà l'élvou din lë rouchà!