Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

L'arrivo della notte

L'intrà dou neui

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Le cime ancora bianche di neve

brillano come seta

alla luce dell'ultimo sole

del mese di aprile avanzato.

Il fondo delle vallate, le foreste

si fanno scure come il cielo;

molto presto la luna farà la sua apparizione

e le stelle tappezzeranno quel bel cielo azzurro scuro,

come i fiori della primavera in un bel prato.

Stelle ve ne sono tante,

ognuna con il suo nome:

vi è la stella polare

con il gran carro

e molte altre che popolano l'universo.

La notte pian piano avanza,

tutto si fa silenzio,

le strade sono deserte,

la gente sotto le coperte

si riposa, dorme!

Tutto ritornerà a vivere

quando il sole, alla fine del suo giro,

tornerà a scaldare

bestie persone e prati.

Sarà il momento più bello

di tutta la giornata,

i fiori rilasciano il loro profumo nuovo,

animali e persone, riposati,

sono tranquilli per le strade,

nei campi e per i prati.

occitan

Lâ simma ëncâ blancha dë neo

brillhan coumà de sêo

a la louce dou darie souŕè

dou mei d'abrî avansà.

Lë foun dë lâ valea, lâ fouŕê

së fan icuŕa coumà lë sê;

bien vittë la luno feiŕè soun apaŕisioun

e laz iteŕa tapisaŕën qué bè sê bleu founsà,

coumà lâ floû dë la primmo dins un bè prà.

D'iteŕa la nh'à un baŕoun,

chacunno abou soun noun:

la lh'à l'iteŕo dou nor,

abou lë gran queur

abou bien d'aoutra quë peuplan l'ounivêr.

La neui pian pianot avanso,

tou së fai silanso,

lâ via soun dëzèrta,

la gen dësous lâ cubèrta

s'arpaouzo, i deur!


Tout tournaŕè arviòouŕë

can lë souŕè, a la fin dë soun tour,

tournaŕè ichòoudâ

bestia gen e prâ.

La saŕè lë moumen plû bè

dë toutto la journà,

lâ floû làchan lor parfum nouvè.

Gen e bestia, arpouzâ,

soun traquillou par lâ via,

din lou chan e par lou prâ.