Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

L'orto

L'orë

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

La mia passione!

Veder crescere quella roba

che con amore ai piantato,

togliere l'erba che infesta

e che cresce a volontà.

In quell'orto vi è un po di tutto

dalle patate alle carote,

bai fagioli ai cavoli

e verdura a volontà.

La fragole crescono bene,

i lamponi ancor di più,

tutta roba non trattata

che si mangia con piacere

e ce n'è a volontà.

concimato con letame,

come facevano i nostri vecchi

che il concime non conoscevano;

eppure non sono mai stati senza mangiare.

Che bella soddisfazione,

mangiare la roba che cresci

con le tue mani,

sai come è trattata,

con amore e volontà.

occitan

Ma pasioun!

Veiŕë creisë qué butin

quë abou amour ei plantà,

gavà l'èrbo quë anfesto

e qui crei a vouŕountà.


Din quë l'orë la lh'à ën poou dë tout

da lâ tartifla a lâ carotta,

dou feizòou ou chòou,

dë varduŕo a vouŕountà.


Laz amoulsa venan bien,

e laz ampoua ëncamai,

tout dë butin pâ tratà

quë së minjo abou plazei

e la nh'à a vouŕountà.


Ou l'î andrujà abou dë fumìe,

coumà fazian notrou vellhou,

quë lë concime i couneisian pâ;

puŕë i soun jamai ità sënso aminjâ.

Quë bèllë soudisfasioun,

minjâ lë butin quë tu creisa

abou tâ man,

tu sabba coumà ou l'î tratà,

abou amour e vouŕountà.