Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

La pioggia d'aprile

La pleuio d'abrî

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Piove, piove, piove:

dietro ai vetri chiusi

vi è un sol rumore

senza fine, della pioggia

che rimbomba e che corre

sui tetti e per le strade,

che porta una buona novella

l'arrivo della primavera.

Quella primavera festosa

che porta molti fiori,

fa crescere le erbe

e rinvigorisce i cuori

dalla tristezza dell'inverno.

Dietro alla finestra

guardo venir giù

quelle gocce che portano gioia.

Come mi piace

sentire quel rumore

che fa molto baccano,

come un paese in festa

che corre e grida, festoso;

fa dimenticare i fastidi

e i magoni della vita.

Piove, piove, piove.

occitan

La plòou, la plòou, la plòou:

dareiŕë a lâ vitra sarâ

la lh'à maquë un seul tapaggë

sënso fin, dë la pleuio

quë ramboumbo e quë cour

sou cubiòou e pa' lâ via,

quë porto un bonë nouvèllo,

l’aribà dë la primmo.


Quëllë primmo fëstouzo

quë porto bien dë floû,

fai creisë laz èrba

e quë arjouvî lou queur

da la tristeso dë l'ivêr.

Dareiŕë a la fënetro

argardou vënî avâ

quëlaz itisa quë portan jouà.


Coumà la më plai

antëndë qué tapaggë

quë fai un baŕoun dë ravaggë,

coumà un paî an feto

quë cour e créo, fëstoû;

la fai isublìa fastudi

e lou magoun dë la vitto.

La plòou, la plòou, la plòou.