Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

La vita

La vitto

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Il giorno che sono nato,

anche se so la data,

è per me nascosto,

non mi ricordo niente

di quell'avvenimento

che mi ha dato la vita.

I giorni sono poi passati,

molti ricordi

riesco a ricordarmi:

belli, brutti, tristi e allegri

che hanno riempito la mia vita

del tempo oramai passato.

Quanti ricordi ci sono,

lì nella mia testa,

che ogni tanto escono

e mi fanno passare dei momenti:

belli, brutti, come viene.

Adesso non so cosa mi succederà,

è un mistero ben nascosto

che nessuno riesce a scoprire;

ma non aspettiamoci del meglio

di quello che abbiamo avuto.

Questa è la vita!

occitan

Lë joû qu'a siòou neisù,

anque si a sabbou la datto,

ou l'î par mi icoundù,

a ma rapellou paren

dë quë l'avënimen

qu'ou m'à dounà la vitto.

Lou joû quë soun peui pasà,

bien dë souvënî

aribbou a me raplâ:

bèllou, bruttou, tristou e alegrë

qu'an ramplì ma vitto

dou ten ormai pasà.

Câ dë souvënî la lh'à,

iquì din ma teto,

quë tënzënten arsortan,

e më fan pasâ dë moumen:

bèllou, bruttou, coumà la ven.

Veuiŕo a sabbou pâ s'quë m'aribaŕè,

l'îz un misteŕë bien itrëmà.

quë nëngù aribbo pâ a dicouatâ;

me atëndense pâ dë mëllhë

d'iquen quë nouz aven agù.

Iquen l'î la vitto!