Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Le Chalmette

Lâ Chalmëtta

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

È inverno,

bianco di neve tutto l'universo,

noi scendiamo con gli sci

in quel bianco paesaggio.

Arriviamo a quella casa

che di Chalmette porta il nome,

molta gente vi è già

su quella terrazza soleggiata

con quella vista da perdifiato.

Entriamo,

Marina già ci aspetta,

e Bourlot in cucina

tutto impiastricciato di farina

la polenta stà girando.

Ci sediamo per mangiare

a quei tavoli già preparati,

la polenta è molto buona

e la trippa ancor di più,

tutto è buono e ci piace.

Siamo pieni, ben mangiato,

ci alziamo per andarcene

il caffè ci va ancora,

ciao Marina, ciao Burlot,

torneremo

perché si sta troppo bene.

occitan

L'î d'ivêr,

blan dë neo tout l'ounivêr,

nou disënden abou lou sî

din qué blan paî.

Nou ’riben a quëllë meizoun

quë Chalmëtta portë lë noun,

bien dë gen la lh'à jò

sû quëllë taraso isuŕëlhà

abou quëllë visto da perdë lë flà.


Nou rintren,

quëllë Marina jò nouz aten,

e qué Bourlot an cuzino

tout amplatrà dë faŕino,

la poulënto aprê a viŕâ.


Nou s'asten par minjâ

ana quëlâ taouŕa jò prëpaŕâ,

la poulënto i l'î bien bono

e la trippo ëncamai,

tout i bon e la nou plai.

Nou sen pleinou, bien minjà,

nou s'alven par së nanâ

lë cafè la lhi vai ëncâ,

chaou Marina, chaou Bourlot,

nou tournaŕën

parqué la sa resto trô bien.