Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Le croci

Lâ croû

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Nelle nostre vallate di montagna,

quando si viveva di campagna

ogni paese aveva le sue croci,

sia in basso sia in alto.

Sui dossi e nei valloni,

erano solo croci in legno

che avevano la loro storia,

sia inventata sia veritiera.

Servivano per le processioni,

servivano per le rogazioni,

per chiedere a quello lassù,

che controlla tutto dall’alto,

la benedizione della terra,

per i sui frutti una preghiera.

Ora, era di gran progresso,

vanno tutte in rovina,

quelle croci in legno

sono quasi tutte in terra,

nessuno ci pensa più

a quella croce che se ne va

con tutta la la sua storia,

che sia inventata o vera.

occitan

Din notra valéa dë mountannho,

can la së vivìo dë campannho,

tou paî avìo sâ croû

sìe aval quë amoû.


Sû lou ser e din lou crô,

l’èŕo mac dë croû an bô

quë avian lor istouaŕo,

sìe anvëntà quë vëŕitieŕo.


Lâ sarvian par dë prousisioun,

lâ sarvian par lâ rougazoun,

par dëmandâ an aqué iquiàou

quë sourvelho tout d’anlàou,

la bënëdisioun dë la tero,

par soû frouìs unë prieŕo.

Veuiŕo, èŕo dë gran prougré,

lâ van toutta an dësé,

quëlâ croû an bô

soun bèlla toutta ou sô,

noungù lhi pënso pamai,

a quëllë croû quë së nan vai

abou touttë soun istouaŕo,

qui sìe anvëntà ou vëŕitieŕo.