Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Montagne e natura

Mountannho e natuŕo

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

La montagna, la natura,

cespugli che tutto ricoprono,

campi e prati di una volta;

quei sentieri ben tracciati

che servivano per andare

campi e prati a lavorare,

ora sono abbandonati.

La montagna, la natura

è stata abbandonata

per una vita più agiata;

in città tutto c'è,

ma manca il più importante:

la pace che c'era nei prati e nei campi.

La montagna, la natura

era forse una vita dura

per guadagnarsi quel pezzo di pane,

per poter andare avanti.

Ma il bello della natura ben lavorata

e la pace che vi era pagavano largamente

il sacrificio che faceva quella povera gente!

occitan

La mountannho, la natuŕo,

boueisoun quë tout acuattan,

chan e prâ d'un cò;

quëllou vùo bien trasâ

quë sarvian par anâ

chan e prâ travalhâ,

veuiŕo soun abandounâ.

La mountannho, la natuŕo

îz ità abandounà

par unë vitto plû ajà;

din la villo tout la lh'à,

me la manco lë plû ampourtan:

la pé quë lh'avìo din prâ e chan.


La mountannho, la natuŕo

l'èŕo mëntue un vitto duŕo

par së ganhâ qué toquë dë pan

par pougueiŕë anâ aŕan.

Me lë bèl dë la natuŕo bien travalhà

e la pé quë la lh'avìo paiavan aizamen

lë sacrifissë quë fazìo quëllë poŕë gen!