Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Nuvole

Nëbbla

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Nuvole che girate per il cielo

spinte dal vento

che vi fà girare

tutto l'universo.

Nuvole nere e minacciose

che portate il tempo cattivo,

che ben serve alla campagna,

la rinfresca e la bagna.

Nuvole rosse del mattino

che fate vedere l'orizzonte,

che sembra un tizzone

di brace di carbone.

Tutto il mondo conoscete,

dal mare alla montagna,

tutti i nascondigli sapete,

e tutti i segreti del mondo sapete.

Si può andare avanti così,

come adesso facciamo,

senza pensare a niente,

al disastro che facciamo?

Ditemi:

Non è ora che cambiamo,

se vogliamo ancora andare avanti,

in questo mondo che muore di fame?

occitan

Nëbbla qu'ou viŕà pal sê

pousâ da l'aouŕo

quë vou fai viŕâ

tou l'ounivêr.


Nëbbla nheŕa e mënasouza

qu'ou pourtà lë ten movê,

quë bien ser a la campannho,

ou la ranfrësco e ou la bannho.

Nëbbla rouia dou matin

qu'ou fazè veiŕë l'ourizoun,

quë sëmblo un tizoun

dë brazo dou charboun.

Tout lë moundë ou couneisè

da la mer a la mountannho,

toutta laz androuna ou sabè

e toû sëgré dou moundë ou sabè.

Së pôlô anâ aŕan paŕìe,

coumà veuiŕo nou fazen,

sënso pënsâ a ren,

ou dëzastrë quë nou fazen?

Dizemê:

i-lô pâ vouŕo quë nou cinjan,

si nou vouŕen ëncâ anâ aŕan,

din sé moundë quë mùe dë fan?