Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Riccardo Colturi - Poesias

Paesaggio incantato

Paisaggë anchantà

"Moun paî, ma lëngo e ma gen - Il mio paese, la mia lingua e la mia gente" - Poesie in lingua occitana di Riccardo Colturi

italiano

Alla fine del mese di giugno,

ci alziamo di buon mattino,

il sole è già lassù

che illumina le rocce.

Prendiamo quella strada tranquilla,

che ci porta fin lassù,

in mezzo a quella foresta,

che ha piante che toccano il cielo,

è pieno di mille colori

di rododendri e altri fiori.

Vediamo un capriolo

che ci guarda e s’allontana,

la marmotta fischia sulla tana

con l’aquila in alto che volteggia.

È un paesaggio da favola

che si vede solo nella nostra alba.

Su quel piano arriviamo

e pian piano ci sediamo,

facendo molta attenzione

per non troppo pestarne

di quei fiori immacolati.

Sono viole e primule,

nigritella e genzianella

che colorano tutto il piano.

Mangiamo, ci riposiamo,

parliamo molto piano,

ci sembra di essere parte della natura

che non vogliamo disturbare

perché troppo bella da ammirare.

occitan

A la fin dou mei dë jouin,

nou së lëven dë bon matin;

lë souŕè ou l'î jò iquiàou

qu'ou ilumino lou rouchàou.

Nou prënen quë viò tranquillë,

quë nou porto dinqué iquiàou,

ou bamei dë quëllë fouŕê,

câ dë planta quë toucchan lë sê,

l'î plen dë millë couŕoû

dë brousei e aoutra floû.

Nou vien un caprieul

quë nou rëgardo e ou s’alountano,

la marmotto siblo sla tano

abou l’aiglo anlêr qui plano.

L'î un paisaggë dë flàoubo,

quë së ve mac din notrë aoubo.

Sû qué clot nouz ariben,

tou dousamen nouz asten,

an fazen bien atënsioun

dë pâ trot nan pitâ

dë quëlâ floû immacoulâ.

L'î dë viòouŕëtta e campanëtta,

dë nonna e dea bleô

quë coulouŕan tout lë clòt.


Nou mingen, nou s'arpoouzen,

nou parlen bien dousamen,

la nou sëmblo d'essë par dë la natuŕo

quë nou vouŕen pâ dirënjâ,

parqué trô bèllo d’ammiŕâ.